NUMIDIDAE

( AGELASTES )

 Agelastes niger...... da : www.avizandum.co.za

LUOGO DI ORIGINE

STATO DI CONSERVAZIONE IN NATURA delle specie raffigurate nelle foto

  ESTINTO   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |    NON A RISCHIO

                                                                                                                                                                                                                                                                    

                  GENERE  AGELASTES   ( BONAPARTE,  1850 )        

                                                                                                                                                                                                                                                                    Il Nome deriva dal greco: < agelastos = triste, che non ride... >. Il genere è composto                                                                                                                              da due specie di faraone sostanzialmente molto diverse dai consimili. Vivono preferi-                                                                                                                              bilmente all'interno di fitte foreste pluviali dell'Africa occidentale, e da quanto ne sap-                                                                                                                    piamo non sono mantenute in avicoltura.

   

Originariamente sia la faraona nera, quanto quella dal petto bianco erano classificate                                                                                                                  in rispettivi generi monotipici,  Phasidus ( per la nera...., Cassin.... 1850 ) e Agelastes                                                                                                                             ( per la petto bianco ),  finché  nel  20 °  secolo  vennero  raggruppate in un unico ge-                                                                                                                          nere, Agelastes.  Sappiamo  ora, dai  dati  molecolari,  scheletrici, comportamentali e                                                                                                                            vocali che le due specie pur essendo simili  nell'aspetto, e solite frequentare gli stessi                                                                                                                            habitat, non  sono strettamente  correlate,  infatti, Agelastes ( petto bianco ) dovrebbe                                                                                                                            essere inglobato con Acryllium, mentre Phasidus  ( nera ) con Guttera. 

* Agelastes meleagris.......... Bonaparte....1850 - Faraona pettobianco

* Agelastes niger......................Cassin..........1857 -  Faraona nera

                         _________________________________________________________________________________________________________

AGELASTES  MELEAGRIS   ( BONAPARTE,  1850 )

FARAONA PETTO BIANCO

 

ORDINE..............GALLIFORMES.

FAMIGLIA...........NUMIDIAE.

GENERE............AGELASTES.

SPECIE..............MELEAGRIS.

 

ITALIANO = Faraona petto bianco | NGLESE = White  breasted  guineafowl | FRANCESE |  Pintade  a  poitrine blanche | TEDESCO = Weissbrustperlkunone.                                                                                                                      

SPECIE: Monotipo <  AGELASTES  MELEAGRIDES  >   ( CITES-A )

 

SOTTOSPECIE: Nessuna sottospecie sino ad oggi classifica.                            

            

AGELASTES ( Phasidus ) NIGER   ( CASSIN,   1857 )

FARAONA  NERA

 

ORDINE...............GALLIFORMES.

FAMIGLIA............NUMIDIAE.

GENERE..............AGELASTER.

SPECIE................NIGER.

 

ITALIANO = Faraona  nera  |  INGLESE = Black  guineafowl  |  FRANCESE = Pintade noire | SPAGNOLO = Pintada negra | TEDESCO = Schwarzperlhuhn.

 

SPECIE: Monotipo <  AGELASTES  NIGER  >  ( NO-CITES )

 

SOTTOSPECIE: Nessuna sottospecie sin ad oggi classificata.

                         ========================================================================================================

                                                                            AGELASTES                                                               

 

LUOGHI DI ORIGINE: La specie AGELASTES MELEAGRIS, in tempi non troppo lontani occupava tutto l'ecosistema dell'Africa occidentale superiore, attualmente invece in molte di queste aree è ormai estinta o prossima ad esserlo, riducendo la sua presenza in determinate aree perlopiù comprese tra Sierra Leone, Liberia, Costa d'Avorio e Ghana. La specie AGELASTES NIGER vive nelle aree centro occidentali che vanno dal sud-est Niger, Camerun sud occidentale, Guinea Equatoriale, Gabon, Repubblica Centroafricana, Repubblica Democratica del Congo e nord Zaire sino ad arrivare a lambire la Rift Valley al confine con l'Uganda.

 

HABITAT NATURALE e COMPORTAMENTO: Entrambe le specie prediligono fitte foreste pluviali primarie, ma mentre l'A. MELEAGRIS abbandona molto raramente questi luoghi, l' A.NIGER può essere facilmente vista in habitat secondari caratterizzati da fitto sottobosco, e se pur meno frequentemente anche in campi coltivati che lambiscono la boscaglia. Non vi sono sostanziali differenze di comportamento, ed i rappresentanti d'ambo le specie pur essendo i meno sociali di tutto il genere NUMIDIAE, fuori dal periodo riproduttivo si aggirano in coppia o gruppetti comprendenti circa 10-15 individui in perenne movimento alla ricerca di cibo che è perlo più costituito da vegetali, frutti e semi, integrati con prodotti di origine animale derivanti da insetti e piccoli vertebrati che trovano nel ricco strato composto da marcescenze naturali di cui è ricoperto il fondo della foresta. All'imbrunire volano sui rami di grossi alberi appollaiandovisi  per trascorrere la notte al sicuro dalla maggior parte dei loro numerosi nemici naturali. Entrambe sono sostanzialmente monogame, non è comunque escluso che alcuni maschi particolarmente prestanti possano praticare una sorta di poligamia sequenziale accoppiandosi con più femmine senza per questo costituire un vero e proprio harem. La riproduzione può avvenire nel corso di tutto l'anno, con i maschi che in questo periodo possono dimostrare una certa territorialità, tuttavia in alcune aree la preferenza viene data ai mesi che caratterizzano la stagione secca, cioè compresi tra novembre e febbraio. Non sono mai stati rinvenuti dei nidi, è tuttavia presumibile che la loro fattura non si discosti da quella della maggior parte dei galliformi in generale, e consimili in particolare. 

 

STATO DI CONSERVAZIONE IN NATURA: Per quanto riguarda l'AGELASTES MELEAGRIS la perdita costante di habitat naturale, il bracconaggio indiscriminato e la forte pressione venatoria hanno portato la specie vicino alla minaccia di estinzione, mentre per l'AGELASTES NIGER le cose sembrano andare un poco meglio, e per il momento non è ritenuta in pericolo, con popolazioni che tutto sommato sono ancora relativamente numerose.

 

CARATTERISTICHE PRINCIPALI e DIMORFISMO SESSUALE: E' in genere considerato piuttosto primitivo, e forse proprio per questo molto diverso dai consimili. Sessualmente monofilettici con differenze tra maschio e femmina ridotte ad alcuni particolari come speroni e bargigli, per quanto non sempre permettano di stabilire con sicurezza il sesso. Tuttavia i maschi oltre ad essere leggermente più grossi e mantenere un atteggiamento fiero ed impettito, presentano anche tonalità di colore che ad una attenta osservazione si presentano più intense. 

                                                                                                                                                                                                                                                                  AGELASTES MELEAGRIDES: facilmente riconoscibile in quanto caratterizzata da testa e porzione superiore collo costituiti da pelle pressoché nuda e rossa; rimanente porzione, così come parte di petto e dorso, che si presentano con una colorazione bianco puro del piumaggio. Resto della livrea sostanzialmente nera, o grigiastro piuttosto scuro; coda relativamente lunga anch'essa nera; becco verdognolo-marrone; zampe grigiastro-marrone con ogni tarso dotati di uno, due e fino a tre tozzi speroni.

La FEMMINA è pressoché simile al maschio, e ne può essere distinta, non senza difficoltà, soprattutto dai meno esperti, per essere leggermente più piccola, con portamento defilato e colori meno vivaci, nonché per i tarsi privi di speroni o comunque solo minimamente accennati. 

            

AGELASTES NIGER: fu descritta per la prima volta da J. Cassin nel 1857 alla quale attribui il nome di Phasidus niger, e la relazione venne pubblicata sulla rivista Proceedings of the Academy of Natural Sciences di Philadelphia, e come range tipico l' autore tipico indicò Cape Lopez in Congo.                                                      Lunghezza del corpo 40-45 cm, per un peso corporeo di circa 700 gr. Nel complesso assomiglia ad un piccolo tacchino, distinguendosi facilmente dal congenere per la livrea perlopiù nera; testa e porzione superiore del colo rossastro-rosa; parte anteriore e centrale del capo contraddistinte da una sorta di cresta nerastra costituita da piume brevi e morbide che nel propagarsi lungo il collo assume le sebianze di una criniera o stria, mentre radi ciuffi anch'essi neri partono dalla gola sino ad arrivare a ricoprire la parte anteriore del collo. Il resto della livrea, compreso le ali e la coda relativamente lunga. è pressoché nera, pur mettendo in evidenza una maculatura camoscio-biancastra sul ventre. Iride grigiastra; becco verdognolo-grigiastro; zampe piuttosto lunghe grigiastro-marrone con tarsi che possono presentare uno, due e fino a tre tozzi speroni.

La FEMMINA è molto simile al maschio, e ne può essere distinta, non senza difficoltà soprattutto per i meno esperti, per essere leggermente più piccola, con portamento defilato e colori meno vivaci, nonché per i tarsi privi di speroni, o comunque solo minimamente accennati quando presenti. 

I GIOVANI pur essendo simili ai genitori, presentano una livrea con piume che sulle parti superiori del corpo sono bordate di marrone-camoscio; copritrici grigiastro-marrone; petto con colorazione opaca e screziature in marrone-ruggine, con la colorazione ventrale biancastra anziché rosa-rossastra come negli adulti.

             

VALORI FISICI: ( Entrambe le specie presentano misure e peso pressoché uguali )

MASCHIO: Lunghezza totale 40-47 cm.......lunghezza della coda --------- peso 0,700-0,900 kg.

FEMMINA: Lunghezza totale 38-45 cm.......lunghezza della coda --------- peso 0,650-0,800 kg.

 

STATO DI CONSERVAZIONE IN CATTIVITA': Attualmente pare che non vi siano rappresentanti delle due specie in cattività. Alcuni esemplari di AGELASTES MELEAGRIDES vennero importati anni in USA, ma purtrppo se ne perse ogni traccia. 

 

CARATTERE e ADATTAMENTO ALLA CATTIVITA': Pur non essendoci una bibliografia a tale proposito, è noto che l'AGELASTES NIGER si dimostra sorprendentemente resistente a diverse patologie che possono colpire il pollame domestico, pur non essendo  ancora chiaro il perché ne rimangano immuni.

 

ETA' RIPRODUTTIVA: Dalle poche osservazioni fatte pare che sia i maschi quanto le femmine di entrambe le specie siano atte a riprodursi entro il primo anno di vita.

 

TIPO DI ACCOPPIAMENTO: Monogamo, pur non escludendo la poligamia sequenziale o alternata, così come la costituzione di piccole famigliole con esemplari particolarmente adatti allo scopo.

 

PERIODO RIPRODUTTIVO: In avicoltura non esistono dati a tale proposito, mentre in natura a seconda della regione in cui vivono possono riprodursi nel corso di tutto l'anno, o comunque per gran parte di esso.

 

TIPO DI NIDO: In natura non ne sono mai stati rinvenuti, è tuttavia presumibile che in cattività potrebbero sia approntarselo che utilizzarne degli artificiali messi a loro disposizione, posti sia a terra che non lontano dal suolo.

 

UOVA DEPOSTE STAGIONALMENTE: Non esistono dati in merito.

 

PERIODO DI INCUBAZIONE e SCHIUSA: Pur non essendoci notizie in merito, si ritiene che la cova si protragga per 24-26/28 giorni come nel caso dei consimili.

 

ALIMENTAZIONE PER PULCINI e FARAONCELLI: Come per consimili.

 

ALIMENTAZIONE PER ADULTI: Come per consimili.

 

PULCINAIA e PARCHETTI PER SVEZZAMENTO: Approfondimenti in: PARTE GENERALE - Pulcinaia e parchetti per svezzamento.

 

VOLIERA PER ADULTI: In linea di massima come per consimili, è tuttavia lecito presumere che necessitino di maggiore spazio e tranquillità. 

 Agelastes meleagris...... da :   www.twitter.com  by - golarainforest

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                   

Texts, unless otherwise specified, and projects related to 3D processing (Aviaries and equipment) are protected by the rules on <Copyright> (With the exception of all images or prints concerning GALLIFORMI and other kinds of birds), l The author therefore retains the exclusive right to publish the works and to use them economically, should the occasion arise, in any form and way, original or derivative.

We specify that it is not our intention to violate the rules that protect the COPYRIGHT, but it is also true that on the WEB there are images and / or materials for which the rights are claimed from multiple sources, and being unable for obvious reasons to control the goodness of each , we apologize in advance if we have inadvertently published images and / or materials protected by COPYRIGHT in violation of the law, asking you to communicate it promptly so that we can arrange for their immediate removal.

It is however intended to underline that in addition to what has already been explained above, the publication of photographic material found on the WEB by GBP.BIO is also intended to clarify, limited to its possibilities, the chaos created by images placed on the internet, in a rather superficial way and probably without even having the necessary knowledge on the subject, depicting specimens whose classification being clearly wrong misleads the unsuspecting reader / visitor. Therefore the use of images must be considered as purely educational - didactic - informative.

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...

  • Facebook
  • Instagram