galliformi...e non solo.....

Illustrazioni:  da sinistra -  www.tl.fanpop.com - www.liveinternet.ru - www.liveinternet.ru

NOTA:

Un SITO unico nel suo genere, dedicato in massima parte ai GALLIFORMI ma non per questo indifferente a tutte quelle creature appartenenti al meraviglioso mondo alato che per bellezza o rarità meritano di essere maggiormente conosciute, e salvaguardate attraverso adeguati programmi d'allevamento in cattività. L'interazione con gli appassionati che vorranno collaborare con noi porterà alla realizzazione di nuove pagine che andranno ad arricchire la GLOBAL BIRDS PROJECT, che oltre ad un punto di riferimento, deve costituire il modo più semplice e diretto per scambiare le proprie esperienze

LEGGENDA:

Nonostantete ricerche bibliografiche accurate, gli ordini tassonomici riportati possono risultare non conformi rispetto a quelli di alcune pubblicazioni, questo non è dovuto ad incuria, ma al fatto che piuttosto spesso gli autori non essendo concordi fra loro perseverano nel  ritenere  alcuni  generi e/o specie  appartenenti ad un ordine tassonomico piuttosto che ad un altro. Quindi molto dipende dai testi citati, dall'esperienza e dalla validità che si attribuisce ad essi. Questa confusione purtroppo perdurerà finché non verranno imposte regole ben precise che li obblighino ad uniformarsi. Non è giusto che l'appassionato, soprattutto se profano, così come il semplice lettore, si debbano scervellare cercando di arrivare ad una qualche conclusione logica solo perché non si vuole raggiungere un accordo.

             _____________________________________________________________________________________________________________________

 

Spesso i dati frammentari e le misurazioni basate su pochi esemplari rendono difficile, se non illusorio, stabilire con precisione sia la taglia quanto il peso, essendo troppe le varibili che li possono condizionare, per cui nel descrivere i " VALORI FISICI " di ogni singola specie ( GALLIFORMI ), vengono presi in considerazione dei dati apparentemente generici, ma che in realtà danno una signignificativa indicazione sulle proporzioni degli esemplari presi in considerazione.

             _____________________________________________________________________________________________________________________ 

 

I colori che già di per se tendono a svanire nel corso dell'anno per effetto dell'usura e invecchiamento delle penne, sbiadiscono ancor più velocemente se intensamente esposti alla luce solare, potendo assumere tonalità anche molto diverse da quelle presentate appena terminata la muta. Quindi stabilire e/o descrivere i cromatismi della livrea che oltre al periodo di osservazione, possono completamente cambiare a seconda dell'intensità della luce e/o angolazione, diviene piuttosto difficile, se non addirittura illusorio, soprattutto quando riferito a tutte quelle specie che sfoggiano cromatismi particolarmente brillanti ed iridescenti tendenti a cangiare 

 

             _____________________________________________________________________________________________________________________

 

Con NO-CITES " si intende tutte le specie non espressamente inserite nell'allegato 1° ( A ) della CITES.

Tuttavia, in considerazione della continua evoluzione alla quale sono soggetti tali allegati, nonché per una maggiore sicurezza, è opportuno controllarli ogni qualvolta si abbiano dubbi, o comunque secondo necessità.

             _____________________________________________________________________________________________________________________   

Le mappe relative alla distribuzione delle specie, quando non diversamente specificato, devono essere considerate con molta cautela. Solitamente viene evidenziato l'intero Paese, quand'anche la specie in oggetto si trovi in un unico luogo, quindi non forniscono l'esatta posizione, ma solo un indicazione generale. 

Dai ritrovamenti fossili si evince che proto-galliformi esistevano come gruppo già all'inizio del Terziario, cioè più di 75 milioni di anni fa. Gli uccelli appartenenti a quest'ordine costituiscono un gruppo piuttosto omogeneo, e probabilmente monofilettico attualmente suddiviso in 7 famiglie dalla maggior parte degli Autori, che si sono diffusi pressoché in tutto il Mondo.                                                                                  

 

FAMIGLIE:

Phasianidae...........  fagiani, pernici, francolini, quaglie del V. Mondo ( Coturnix coturnix ) e affini.

Odontophoridae.....  quaglie del Nuovo Mondo.

Tetraonidae............  tetraoni..................( spesso vengono collocati nel gruppo dei Phasianidae )

Meleagrididae.........  tacchini selvatici.

Numididae..............  faraone.

Cracidae.................  cracidi.

Megapodiidae.........  megapodi.

 

GENERI e SPECIE di GALLIFORMI descriiti in questo sito:

FAGIANI............................................................................. 16   generi  ..152- 156  specie.

PERNICI............................................................................ 17   generi  ........... 54   specie. 

QUAGLIE del Vecchio Mondo............................................   4   generi  …....... 14   specie.

QUAGLIE del Nuovo Mondo  ( Odontophoridae )..............   8   generi  …......  34   specie.

FRANCOLINI.....................................................................   5   generi  ........... 41   specie.  

TETRAONI.........................................................................   7   generi  .…...... 18   specie.

TACCHINI..........................................................................   2   generi  ….........  7  specie.  

FARAONE..........................................................................   4   generi  .….......  6   specie. 

CRACIDI............................................................................ 11   generi  .…...... 50   specie.

MEGAPODI........................................................................   7   generi  …....... 22   specie.

QUINDI: 81 generi e 398/402 specie di galliformi in totale.

 

Ad esclusione dei CRACIDI, i galliformi presentano la caratteristica di potersi ibridare fra loro. Si tratta di specie, con dimensioni molto variabili, ma di struttura in genere compatta e robusta. Le ali risultano larghe e arrotondate, con 10 remiganti primarie, e 10-20 secondarie che nel complesso si distinguono per avere una caratteristica curvatura. Il becco è breve ed arcuato con narici parzialmente coperte da un opercolo; molti di loro presentano sul corpo aree nude, creste, carrucole e bargigli, spesso colorati vivacemente; le zampe sono generalmente corte e robuste, con dita provviste di forti unghie perfettamente adatte ad una vita terrestre. I pulcini nidifughi e precoci, schiudono ricoperti di piumino, ed in certe specie, con le penne delle ali già ben sviluppate, e mentre i giovani effettuano una muta post-giovanile completa, con con l'eccezione di alcune primarie esterne, gli adulti ne presentano una post-riproduttiva completa. Per contro, una muta pre-riproduttiva è circoscritta solo a poche specie. In Europa l'unico galliforme che compie lunghi voli di migrazione, raggiungendo l'Africa è la quaglia comune ( COTURNIX COTURNIX ), e tra tutte le specie, oltre ad un certo numero di sottospecie, comprese in questo ordine, solo 4 risultano migratorie.

In Italia sono presenti solo due famiglie, i PHASIANIDAE con 10 specie, ed i TETRAONIDAE con 4 specie, oltre ad un certo numero di specie “aliene” ormai naturalizzate, fra le quali:                                                                                                                                                                        

 

Alectoris chukar............ - naturalizzata ed ormai presente su tutto il territorio italiano.

Francolinus francolinusin Italia la sottospecie autoctona, endemica del Mediterraneo è ormai estintasoppiantata da una piccola popolazione appartenente

                                     alla sottospecie ASIAE.                                                                                                                                                                              Francolinus erckelii...... - piuttosto comune alcuni decenni fa, oggi è pressoché presente solo nel parco del Circeo.

Colinus virginianus.......- naturalizzato e piuttosto comune sia a livello ornamentale, quanto venatorio.

Chrysolophus amherstiae da - www. birdnet.com  

... Clicca sulla foto o pulsante per accedere alla pagina informativa ...

... Click on the photo or button to access the information page ............

Chrysolophus          Chryso. p. mutazioni                                                  Chryso. a. mutazioni

Pucrasia             Pucrasia sottospecie                 Ithaginis             Ithaginis sottospecie                Catreus

Perdicinae          Perdicinae specie           Coturnix               Coturnix specie            Odontophoridae  
Odontophoridae specie    Colinus                 Colinus                      Francolinus         Francolinus specie  

Tetraonidae         Tetraonidae specie         Tetraophasis         Tetraogallus        Lerwa Lerwa

Cracidae              Cracidae specie                  Cracidae specie         

motmot garnde_edited_edited.jpg

Megapodiidae     Megapodiidae specie         Pteroclidae

quadrinctus  Paul van Giersbergen www.hb

Sturnidae           Corvidae             Musophagidae      Musophagidae specie     Ramphastidae

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                   

Texts, unless otherwise specified, and projects related to 3D processing (Aviaries and equipment) are protected by the rules on <Copyright> (With the exception of all images or prints concerning GALLIFORMI and other kinds of birds), l The author therefore retains the exclusive right to publish the works and to use them economically, should the occasion arise, in any form and way, original or derivative.

We specify that it is not our intention to violate the rules that protect the COPYRIGHT, but it is also true that on the WEB there are images and / or materials for which the rights are claimed from multiple sources, and being unable for obvious reasons to control the goodness of each , we apologize in advance if we have inadvertently published images and / or materials protected by COPYRIGHT in violation of the law, asking you to communicate it promptly so that we can arrange for their immediate removal.

It is however intended to underline that in addition to what has already been explained above, the publication of photographic material found on the WEB by GBP.BIO is also intended to clarify, limited to its possibilities, the chaos created by images placed on the internet, in a rather superficial way and probably without even having the necessary knowledge on the subject, depicting specimens whose classification being clearly wrong misleads the unsuspecting reader / visitor. Therefore the use of images must be considered as purely educational - didactic - informative.

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

Uno   speciale   ringraziamento  per  l'aiuto fornitomi a :

James Pfarr                                                 Saul Villagrana                                            Steve Keller                                          Friedrich Esser                                            Njal Bergè 

birdnet.cn

orientalbirdimages.org 

Le informazioni relative allo stato di conservazione in natura sono state tratte da Wikipedia.

 

Per accedere a Wikipedia clicca sul logo qui a fianco.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...