-  coturnix : specie e sottospecie  -

Coturnix coturnix  -  www.oiseaux.net                 Perdicula manipurensis  -  By: Raju Kasambe - www.researchgate.net                                                             Coturnix coturnix  -  www.oiseaux.net 

Perdicula manipurensis - Raju Kasambe -

COTURNIX  (  Bonnaterre.... 1791 ) 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            GENERI:  COTURNIX - PERDICULA - ANUROPHASIS - ORPHISIA

COTURNIX ( nominale ), comprende 4 generi suddivisi in 14 specie ( non considerando la Coturnix nova zelandiae ormai estinta ), più un certo numero di sottospecie. Considerate vere quaglie, vengono correlate ai generi PTERNISTIS ( Perdicula asiatica ) - TETRAGALLUS e ALEACTORIS in quanto appartenenti ad un unica linea monofilettica ( COTURNIXININAE ), sub-famiglia all'interno dei PHASIANIDAE. 

Specie e sottospecie del genere COTURNIX sono presenti in tutti i continenti eccetto le Americhe, ed una in particolare, la COTURNIX COTURNIX è l'unica a migrare all'approssimarsi dei mesi invernali.

Da questa derivano sia la C. C. COTURNIX, o quaglia domestica, che la C. C. JAPONICA, o quaglia giapponese, arrivata nell'impero del sol levante verso XII secolo dalla Cina, dove già venivano allevate come animali domestici e da canto. In ogni caso sembrerebbe che il processo di addomesticazione della C. COTURNIX avvenne in Oriente e non in Medio Oriente come affermato da alcuni Autori. Sebbene migrino attraverso il Mediterraneo per raggiungere le regioni costiere Africane e sud-sahariane dove da sempre vengono catturate e/o cacciate dalle popolazioni locali, non ci sono pervenute testimonianze attraverso gli egizi o bibliche, relative a tentativi di addomesticamento e conseguente allevamento in cattività.

Invece, per quel che riguarda la C. C. JAPONICA, le prime testimonianze relative all'addomesticamento di quaglie in Giappone risalgono al XII secolo, cioè appena dopo il loro arrivo dalla Cina, quando venivano allevate soprattutto per il canto. In seguito se ne iniziò la selezione per arrivare a soggetti che producessero più uova, e con una maggiore massa corporea. Tra il primo decennio del 900 ed il 1940 il numero di capi allevato aumentò notevolmente andando sempre più verso una produzione di tipo intensivo, e dato che questo corrispondeva con l'espansione dell'impero giapponese e la conseguente invasione di Paesi limitrofi, si diffuse anche in Asia sud-orientale, mentre in Italia arrivò alla fine degli anni 60, inizio 70 del secolo scorso, ed in pochi decenni soppiantò pressoché del tutto la sottospecie C.C. COTURNIX allora comunemente mantenuta in cattività. Tuttavia in seguito ne fu ripreso l'allevamento ( inizialmente incrociandola con la selvatica ) per ottenere soggetti da volo più agili e leggeri, in grado di soddisfare le esigenze sia di ripopolamento quanto venatorie, dato che la giapponese da secoli selezionata per altri scopi ha perso quasi completamente l'attitudine al volo, nonché l'istinto per cova e cura della prole. Eventuali incroci tra quaglia domestica e selvatica pura, danno buoni risultati solo quando la femmina è selvatica ed il maschio domestico, mentre viceversa la prole risulta infeconda.   

Genere coturnix   (  Bonnaterre.... 1791 )  -  Per date, luoghi di origine, descrizione, allevamento ecc, vedere in : GENERE Coturnix & Odontophoridae

Coturnix coturnix   ( Quaglia comune ) .............................Linnaeus................ 1758                   

La quaglia comune in relazione alla vastissima distribuzione geografica e con popolazioni sedentarie isolate, presenta una certa variazione all'interno delle sottospecie. Attualmente, ed a seconda dei testi presi in considerazione, ne vengono riconosciute valide quattro - cinque o anche sei sottospecie nel caso C. c. confisa venga considerata sottospecie separata.

* Coturnix c. coturnix.......................Linnaeus.......................1758 La sottospecie nominale, ampiamente diffusa dall'Europa alle regioni centro-orientali di Russia e Mongolia,  nell'Africa nord-occidentale e regioni settentrionali e centrali dell'India, forse anche al Bangladesh, a sud; sverna soprattutto nella fascia del Sahel in Africa e nelle regioni centrali e meridionali dell'India.

* Coturnix c. inopinata.....................Hartert E. J. O. .............1849  - Endemica delle isole del Capo Verde. Molto simile alla forma nominale. 

* Coturnix c. africana......................Temminck e Schlegel....1849 - Diffusa nell'Africa sub-sahariana,  dall'Etiopia e Uganda al sud Namibia sino alle province del Capo occidentale e orientale nel Sudafrica, nonché Madagascar e Comoro. Nei mesi invernali  gli esemplari che solitamente dimorano nel Sudafrica possono compiere migrazioni sino a raggiungere: Angola, sud della  R, D. del Congo , nord Namibia e Zambia meridionale. Introdotta a Reunion e  Mauritius, dove è però probabilmente estinta. Molto simile alla sottospecie nominale, ma prsenta il dorso più scuro.

* Coturnix c. erlangeri......................Temminck.....................1912  - Diffusa nelle regioni orientali dell'Africa, dall'Etiopia allo Zimbabwe; è la sottospecie più scura di tutte. I maschi hanno faccia, gola e parti inferiori di colore rosso.

* Coturnix c. conturbans.................Hartert E. J. O. ..............1917  - Presente in tutto l'arcipelago delle Azzorre, nonostante sia raro a Flores e non abbondante a Corvo, Pico e Santa Maria. A São Jorge, Faial e São Miguel sono localmente comuni ed abbondanti a Terceira e Graciosa. Si trova anche a Madera e Camarie. Questa sottospoecie è  caratterizzata da un piumaggio più scuro di quello della  forma nominale, ma con parti superiori più chiare di Coturnix c. africana.

* Coturnix c. confisa ........................Hartert E. J. O. .............1917  -  Endemica delle Azzorre. Si differenzia dalla conspecie C. c. conturbans, per il piumaggio  generalmente più scuro; testa e gola molto scuri; petto  e parte alta dello stesso rosso grigiastro; zona ventrale biancastra.

Coturnix c. coturnix   ( Quaglia comune ) .............................Linnaeus................ 1758                    Coturnix c. inopinata   (  Quaglia comune di Capo Verde )...Gould.................1837  

Foto da :  1  www.nature.pictures.org   -  2  www.pinterest.com   -   3 www.czzs.org                      Foto da :  1-3   www.alamy.com   -   3   Uwe Thom‎ - Birds of the Cape Verde Islands (SOC) 

1 - Maschio                                         2 - Femmina                                     3 - Maschio                                          1 -  Femmina                                      2 - Maschio                                       3 -  Femmina

Coturnix c. africana ( Quaglia comune  africana  )...........Hartert E. J. O. .......1849                       Coturnix c. erlangeri      ( Quaglia comune abissina  )............Temminck...........1912 

Foto da :  1 - 3   www.larsfoto.se   -  2  Alan Manson                                                                                      Foto da :  1 Thomas Varto Nielsen   -  2   raniero massoli-novelli   -   3   Peter Ginn    

1 - Maschio                                         2 - Femmina                                     3 - Maschio                                              1 - Maschio                                      2 - Femmina                                    3 - Maschio ?

Foto da :  1 - 3   Carlos Pereira   -   2    Carlos Bettencourt                                                                            Foto da: 1 Gerbrand Michielsen  - 2  www.birdsandcompany.com - 3 Gerby Birding Azores

1 - Maschio                                         2 - Femmina                                     3 - Maschio                                          1 - Maschio                                         2 - Femmina                                     3 - Maschio

Coturnix japonica   ( Quaglia giapponese )...................Temminck e SclegelL....1849                   Coturnix c. coturnix  e coturnix japonica a confronto     

Distribuzione: Asia orientale, dalla Mongolia settentrionale al sud Siberia sino a raggiungere l'isola di Sakhalin  ( Russia ), sud Giappone, Corea ed est Shandong ( Cina ); presumibilmente si trova anche in Bhutan e durante il periodo riproduttivo può riscontrarsi nel Myanmar.  Migrazioni invernali possono avvenire verso l'ovest e nord-ovest Thailandia e dal nord Myanmar al nord-est Assam ( India ) e Bhutan. Rilasciata con successo nell Hawaii, isola di Reunion ed Italia. 

E' stata considerata una sottospecie di C.  coturnix, ma differisce da quest'ultima nella biometria, il canto,  la struttura delle piume e strategia migratoria. Esemplari catturati nel nord-est dell'India appaiono come intermedi tra le due specie. Le popolazioni che vivono nelle aree siberiane ( Russia ), venivano  a volte considerate come specie  C. ussuriensis. 

Foto da :  1   www.zooclub.ru   -   2   www.rd.com    -  3  www.birdnet.cn                                               Foto da :  1 www.czzs.org   -  2  www.zooclub.ru   

1 - Maschio                                        2 - Femmina                                      3 - Maschio                                          1 - Coturnix coturnix maschio                                    2 - Coturnix japonica maschio       

Coturnix delegorguei   ( Quaglia arlecchino ).........Delegorgue..........1849                                   

La specie è suddivisa in 3 sottospecie:

* Coturnix d. delegorguei...............Delegorgue....................1847 - Diffusa nell'Africa a sud del Sahara  (  Liberia , Costa d'Avorio, est e sud  Etiopia, Sud Africa e Madagascar.

* Coturnix d. arabica.......................Bannerman....................1929 - Endemica delle regioni che si trovano nel sud-ovest dell'Arabia. Questa sottospecie presenta una colorazione leggermente più chiara rispetto ai conspecie 

* Coturnix d. histrionica.................Hartlaub.........................1849 - Endemica di São Tomé.e Golfo di Guinea. Questa è forse la più scura ( soprattutto la testa ) tra tutti i conspecie.

Coturnix d. delegorguei   ( Quaglia arlecchino ).........Delegorgue..........1849                           Coturnix d. arabica  ( Quaglia arlecchino ).........Bannerman..........1929       

Foto da :  1  Nick Athanas     -  2   Holger Teichmann  - 3  www.onlineresize.club                               Foto da :  Jem Babbington www.ocusingonwildlife.com  ( Jizan - sud Arabia Saudita  )

1 - Maschio                                        2 - Femmina                                      3 - Maschio                                          1 - Maschio                                                           2 - Maschio

Coturnix d. histrionica  ( Quaglia arlecchino )..............Hartlaub..............1849                              

Foto da :  1  Autore: Paul van Giersbergen -  2  Autore:  Klaus Ewald www.flickr.com                      Foto da :  1-2   Autore:  Klaus Ewald  www.flickr.com

1  - C. d. histrionica ( Maschio  )                                  2 - C. d. histrionica ( Femmina )                                   1 - C. d. histrionica ( Coppia )                                       2 - C. d. histrionica ( Maschi )

Coturnix pectoralis   ( Quaglia delle stoppie )......................Gould...................1837                       Coturnix  coromandelica   ( Quaglia delle piogge )........Gmellin..........1789   

Monotipica:                                                                                                                                                                     Monotipica:                                    

Distribuita in Australia, soprattutto nel sud-est e sud-ovest; in passato si trovava in tutta la Tasmania, dove ora estremamente raro o quasi estinto. Introdotto senza successo nella Nuova Zelanda e  Hawaii. 

Questa specie è distribuita nel subcontinente indiano, e la  gamma comprende il Pakistan orientale, India , Nepal , Sri Lanka , Bangladesh , Myanmar ,  nord e centro Thailandia, Cambogia e Assam meridionale ( Vietnam )

Foto da :  1 www.bushepa.com   - 2  Julian Robinson   -  3   www.pinterest.com                                Foto da :  1  - 3  Ayuwat Jearwattanakanok    -  2  Sunil Singhal                                      

1 Maschio                                            2 - Femmina                                    3 - Maschio                                          1 - Maschio                                         2 - Femmina                                     3 - Maschio

Coturnix novozelandiae < estinta >  ( Quaglia della Nuova Zelanda ).......... Quoy e Gaimard..........1830   ( Questa specie è stata dichiarata estinta nel 1875 )                                    

Foto pelli da :  1  www.nzbirdsonline.nz   -   2  www.bioportal.naturalis.nl                                          Illustrazione da :  1   www.nzbirdsonline.nz   -  2  www.en.wikipedia.org

1 - Maschio ( Pelle )                                                        2 -  Femmina ( Pelle )                                                       1 - Maschio                                                                       2  - Coppia

unnamed.jpg

Coturnix ypsilophora   ( Quaglia di palude o marrone )..................Bosc...........1792  (  A seconda dei casi viene collocata all'interno dei generi Synoicus o Excalfactoria )

La specie è suddivisa in 10 sottospecie:                                                                                                                                                                                                                                                                                * Coturnix y. ypsilophora..................Bosc..................................1792 - Endemica della Tasmania. Introdotta con successo in Nuova Zelanda e isole Fiji.                                                                    * Coturnix y. australis.......................Latham.............................1801 - Endemica dell'Australia. Introdotta con successo in Nuova Zelanda e isole Fiji.

* Coturnix y. raaltenii .......................Müller S. ...........................1842 - Diffusa a FloresTimor, Tanimbar e isole vicine ( Piccole Isole della Sonda ). 

* Coturnix y. plumbea.......................Salvadori...........................1894 - Endemica delle pianure nord-orientali della Nuova Guinea.

* Coturnix y. pallidior........................Hartert..............................1897 - Diffusa a Sumba e Sawu ( Piccole Isole della Sonda ).

* Coturnix y. saturatior.....................Hartert..............................1930 - Endemica delle pianure settentrionali della Nuova Guinea.

* Coturnix y. dogwa...........................Mayr e Rand.....................1935 - Endemica delle pianure meridionali della Nuova Guinea.

* Coturnix y. monticola......................Mayr e Rand....................1935  - Endemica delle regioni alpine della Nuova Guinea meridionale.

* Coturnix y. mafulu...........................Mayr e Rand.....................1935 - Endemica delle regioni montuose che si trovano ad est e sud-est della Nuova Guinea.  

* Coturnix y. lamonti......................... Mayr & Gilliard.................1954 - Si trova sulle montagne,ad altezze moderate, delle regioni centrali della Nuova Guinea. 

Descrizione sommaria: Lunga da 17 a 22 centimetri  con un peso di 75 -140 grammi, con una certa variabilità di colore che contraddistingue le varie sottospecie. Il maschio è bruno-rossastro principalmente su schiena e ali, con macchie nere su testa, collo  posteriore e parti superior;  parti inferiori dal castano rossiccio al fulvo marrone, ma sempre contraddistinte da una raffinata barratura costituita da macchie nere a forma di V . La coda è corta, marrone scuro con barratura giallastra. La femmina è simile ma più chiara, con piccole macchie nere sulle spalle, mentre le parti superiori sono contraddistinte da barrature composte da piccole macchie nere a forma di  V.  

Synoicus y. ypsilophora   ( Quaglia di palude della N. Zelanda )....Bosc........1792                     Synoicus y. australis   ( Quaglia di palude australiana )....Latham......1801   

Foto da :  1 - 2   www.1.bp.blogspot.com                                                                                                            Foto da: 1 Fred Forssell  www.hbw.com  - 2  Geoff Jones www.barraimaging.com.au  

1 - Maschio                                                                         2 - Femmina                                                                     1 - Gruppetto con maschi e femmine                       2 - Gruppetto con maschi e femmine

Genere synoicus ( ex Excalfactoria ) ........... Gould.........1843 Per date, luoghi di origine, descrizione, allevamento ecc, vedere in : GENERE Coturnix & Odontophoridae 

Synoicus chinensis ( Quaglia dipinta cinese ).........Linnaeus......................................1766   (  A seconda dei casi viene collocata all'interno dei generi Coturnix o Excalfactoria ) 

La specie è suddivisa in 10 sottospecie: 

* Synoicusc. chinensis...............Linnaeus...............1766 - Distribuita nel nord Fujian, Shandong e Taiwan ( Cina ) e attraverso l’Indocina a raggiungere India e Sri Lanka.

* Synoicus c. lineatus................Scopoli...................1786 - Distribuita nelleFilippine, Borneo e Sulawesi ( inclusa l'isola Togian ).

* Synoicus c. lepidus.................Hartlaub................1879 - Distribuita nell'Arcipelago di Bismarck ( eccetto le isole dell'estremo nord ).

* Synoicus c. trinkutensis.........Richmond.............1902 - Distribuita sulle isole Nicobar ( Grande Nicobar, Nancowry e Car Nicobar ); probabilmente si trova anche sulle isole Andamane.

* Synoicus c. colletti..................Mathews...............1912 - Distribuita  nell'Australia occidentale ( regione di Kimberley ) e Nord  Territori del Nord (Arnhem Land - Australia ).

* Synoicus c. victoriae...............Mathews...............1912 - Distribuita nell'Australia orientale.

* Synoicus c. palmeri ................Riley.......................1919 - Distribuita a Sumatra e Java.

* Synoicus c. papuensis............Mayr & Randò...... 1936 - Distribuita nel sud centro e sud-est della Nuova Guinea.

* Synoicus c. lineatulus.............Rensch..................1931 - Distribuita nell'ovest e nel centro delle Piccole Isole della Sonda ( dall'est di Lombok a Timor).

* Synoicus c. novaeguineae.....Rand.......................1941 - Distribuita sulle montagne della Nuova Guinea..

Nota :   Essendo le  diverse sottospecie molto simili tra loro, quindi fotograficamente difficilmente distinguibili, perciò viene considerata, come esempio di tipo, solo la forma nominale. 

Negli allevamenti privati i soggetti geneticamente puri sono diventati estremamente rari. L'elevato numero di mutazioni esistenti e la mancanza di interesse degli hobbisti / allevatori a mantenerne inalterato lo standard, ha fatto sì che pressoché tutti gli esemplari puri importati nei decenni scorsi fossero ibridati / incrociati con soggetti mutanti di colore.

Synoicus c. chinensis                                                                                                                     Synoicus c. chinensis

Foto da :  1  by: Sgjyk   -  2  by: Wokoti   < www.flickr.com >                                                                        Foto da :  1 - 2   Myron Tay   www.flickr.com 

1 - Maschio                                                                        2 - Femmina                                                                      1 - Femmina                                                                      2 - Maschio

Synoicus adamsoni ( Quaglia blu africana ).............Verreaux J.  e Verreaux F.........1851 (  A seconda dei casi può essere collocata all'interno dei generi Coturnix o Excalfactoria )

Monotipica :                 

Distribuzione : Africa sub-sahariana dal Sierra Leone e  sud Mali all'est e nord-ovest del Kenya, Angola meridionale, Zimbabwe, Swaziland, Sudafrica orientale ( a sud fino a KwaZulu-Natal ); assente nelle aree forestali occidentali e ovest-centro dell'Africa e nella Tanzania centrale.    

Descrizione : Molto simile al congenere chinensis, con quest'ultimo condivide il primato di più piccolo rappresentante dell'ordine dei Galliformi  misurando solo circa 14-15 cm di lunghezza per un peso di 40-50 g. Il piumaggio del maschio è marrone scuro più o meno mescolato con il nero sulla parte superiore del corpo e sfumato di blu vicino al collo; parte superiore dell'occhio, lati del collo, torace superiore e tutte le parti inferiori sono blu cobalto scuro; gola è nera, in gran parte incorniciata da un ampio colletto bianco  molto simile a quello della congenere chinensis. ( si presume che questo tipo di colorazione serva a spaventare possibili predatori ). Zampe gialle; iris rossastro, becco nerastro.                                                                                                        La femmina è marrone striata di ocra e nero nella parte superiore e ocra striata di marrone sui fianchi e sul petto mentre la zona ventrale è biancastra sfumata di beige; guance grigio-ocra, gola giallastra, iris nero.

l maschio si distingue dal Synoicus chinensis per la totale assenza di rosso nelle parti inferiori e per le coperture delle ali rosse anziché castano-marrone come nel Synoicus chinensis . Le femmine sono pressoché identiche, tuttavia Synoicus adansonii  presenta una colorazione più scura su testa e schiena, con una copertura dell'ala chiaramente più striata di nero  rispetto alla congenere chinensis .

I maschi della quaglia blu africana ( Coturnix adansonii ) potrebbero facilmente essere confusi con i conspecie della mutazione recessiva 'US Red-breasted' della  Coturnix chinensis, fortunatamente, questo non è il caso delle femmine, in quanto totalmente diverse.

Differenze significative sui maschi :

  • Nella mutazione "US Red-breasted" i maschi presentano una notevole quantità di piume rosse su petto e ventre, assenti nella quaglia blu africana.

  • Nella mutazione "US Red-breasted" i maschi presentano la testa nera mentre è blu nella Coturnix chinensis.

  • nella mutazione  "US Red-breasted" i maschi non presentano la pettorina bianca, ma solo un  sottile colletto bianco sotto alla gola.

Foto da : 1 Peter Ginn www.africanbirdclub.org  - 2  by J. Smith - SA 

1 - Maschio                                                                        2 - Maschio

Synoicus c. chinensis mutazione "US Red-breasted"  

Foto da : 1  Dick Daniels   -   2  www.bbb.vingolato.be  

1 - Maschio                                                                    2 -  Femmina                                                  

gggg.png

Illustrazione da: www.bbb.vingolato.be 1 Synoicus adansonii coppia - 2 Synoicus chinensis coppia - per confronto.  

Genere perdicula  (  Hodgson.... 1837 )  -  Per date, luoghi di origine, descrizione, allevamento ecc, vedere in : GENERE Coturnix & Odontophoridae 

Perdicula asiatica   ( Quaglia di macchia della glungla )....Latham..........1790                                   

La specie è suddivisa 5 in  sottospecie:

* Perdicula a. asiatica.......................Latham.............................1790  – Centro  nord e nord-est India, dalle aree ad est di Gujarat sino a Bihar.

* Perdicula a. vidali........................... Whistler & Kinnear..........1936 –  Regioni del sud-ovest India compreso le aree che si trovano a sud di Bombay.

* Perdicula a. ceylonensis................Whistler & Kinnear..........1936 –  Pianure aride che si trovano nel nord-est delle aree centrali e collinose dello Sri Lanka.

* Perdicula a. punjaubi......................Whistler...........................1939 –  Regioni del nord-ovest India, Kashmir meridionale e Uttar Pradesh.

* Perdicula a. vellorei........................Abdulali & Reuben...........1965 –  India meridionale

Perdicula asiatica asiatica........................................Latham.......................1790                        Perdicula asiatica asiatica...............................Latham.......................1790           

Foto da : 1 - 2   Sudjir Garg   ( www.orintalbirdimages.org  )                                                                       Foto da :  1  Sudjir Garg  - 2   Manjula Mathur   ( www.orientalbirdimages.org )

1 - Maschio                                                                         2 -  Maschio                                                                       1 -  Maschio                                                                       2 - Femmina                   

Perdicula asiatica vidali............................Whistler & Kinnear............1936                                  Perdicula asiatica ceylonensis............. Whistler & Kinnear............1936                        

Foto da :  1  Aseem Kumar Kothiala  - 2   Arpit Bansal  ( www.orientalbirdimages.org )                 Foto da : 1 - 2  Wasantha P. Dissanayake  ( www,orientalbirdimages.org )              

1 - Maschio                                                                       2 - Femmina                                                                       1 - Maschio                                                                        2 - Femmina                   

Perdicula asiatica punjaubi......................................Whistler.....................1936                       Perdicula asiatica vellorei..........................Abdulali & Reuben...........1965    

Foto da :  1 - 2  Udayan Rao Pawar  ( www.orientalbirdimages.org )                                                       Foto da : 1  By jainymaria  ( www.hbw.com  )

1 - Maschio                                                                        2 - Femmina                                                                       1 - Maschio                                                                      2 - Femmina                   

Perdicula argoondah   ( Quaglia boschereccia di roccia ).........Sykes.....1832

La specie è suddivisa in 3 sottospecie:

* Perdicula a. argoondah...................Sykes.........................1832 -  India peninsulare, dal Madhya Pradesh meridionale al Tamil Nadu.

* Perdicula a. meinertzhageni..........Whistler....................1937 -  Regioni del nord-ovest India, dal sud Haryana a Kutch e Saurashtra sino ad attraversare da est a ovest il Nadhya Pradesh.

* Perdicula a. salimalii.......................Whistler.....................1943  - India meridionale, nelle aree centro orientali dello Stato di Karnataka , distretto di Chitradurgati ( Diga del Mari Kanive ), Hiriyur, Vijayanagara ( Hampi ) nel distretto di Bellary, Tumkur  e nord-est Kerala.  

Perdicula a. argoondah..............................................Sykes.......................1832                          Perdicula a. argoondah..........................Sykes.......................................1832

Foto da : 1  Manjula Mathur  - 2    Siddharth Damle   ( www.orientalbirdimages.org )                      Foto da :  1 Subhadeep Ghosh   -  2  Garima Bhatia   ( www.orientalbirdimages.org )

1 - Maschio                                                                        2 - Femmina                                                                       1 - Maschio                                                                        2 - Femmina                                       

Perdicula a. meinertzhageni... ( Q. b del Rajastan )......Whistler.....................1937                   Perdicula a. meinertzhageni.... ( Q. b del Rajastan )....Whistler..........1937

Foto da :  1  Sunil Singhal    -    2  Pranjal J. Saikia ( www.orientalbirdimages.org )                           Foto da :   1  Nirav Bhatt     -     2   Sunil Singhal   (  www.orientalbirdimages.org

1 - Maschio                                                                        2 - Femmina                                                                      1 - Maschio                                                                       2 - Femmina 

Perdicula a. salimalii o  laterite............................Whistler...............1943  (  Il termine laterite è riferito  ai tipici mattoni di terra rossa, ricca di ferro e alluminio, utilizzati in queste zone )

Dalle note del dott. Salim Ali : " Whistler denominò la specie Perdicula argoondha salimalii ( Quaglia di macchia delle rocce di Salim Ali ) , mentre lo stesso Salim Alii preferisce chiamarla ( Quaglia di macchia delle rocce di laterite ), nessun ulteriore tentativo fu fatto per cercare, catturare e o fotografare la specie.  In merito a ciò, dal 2007, ho fatto diversi viaggi a Marikanive e Hiriyur, perlustrando la regione con un gruppo composto dai migliori fotografi del Karnataka, nel tentativo di individuare gli uccelli e scattare le prime fotografie immortalando le caratteristiche principali della specie, pensando  che questo avrebbe aiutato a formare una base identificativa  ( di individui simili ) in altre zone del Karnataka e non solo. Dopo aver esaminato  le aree di Namadachilume e Devarayanadurga,  arrivai nel distretto di Chitradurga ( gennaio 2019 ) accampandomi a Hiriyur in attesa di proseguire per il mio Mysore Bird Survey. Mentre vagavo per le terre rosse di Marikanive e Hiriyur, incontrai le Laterite Rock Bush Quails in sei occasioni  osservando 19 uccelli in tutto. InCercai soprattutto le femmine rossastre. In ogni caso queste quaglie erano troppo veloci e svanivano  mostrando la loro brillante colorazione rosso mattone. I primissimi uccelli che vidi furono due femmine celate nel groviglio di una siepe di Lantana. In seguito mi imbattei in altri esemplari e fu emozionante osservare questi uccelli dai colori vivaci, in particolare le femmine, mentre si allontanavano correndo, perdendosi nella colorazione rossastra del terreno. 

Osservando queste insolite quaglie si ha la sensazione che siano molto più diffusi di quanto si possa presumere.  Si differenziano dai conspecie per il piumaggio delle parti superiori dei maschi e tutto il corpo per le femmine, che si presentano più uniformemente colorati di rosso scuro, con le striature chiare del piumaggio che terminano in una macchia triangolare, mentre la parte inferiore del ventre è lavata in rosso. È incoraggiante notare che la specie sopravvive ancora con popolazioni sane nella sua  gamma tipica e nelle aree circostanti Marikanive e Hiriyur. Non ho dubbi che è solo questione di tempo prima che questi uccelli vengano registrati e fotografati nei distretti adiacenti di Chitradurga.

Il fatto stesso che le pelli di una coppia furono raccolte a Vijayanagara ( Hampi ) nel distretto di Bellary, da G.C. Shortrdige il 20 luglio 1912, dà credito alla mia opinione che la specie non sia circoscritta nel solo distretto di Chitradurga ( gamma tipica ), ma dovrebbe essere cercata anche in altre zone come Maidanahalli, Tumkur".....

Foto da : 1  Raju A. K. ( www.jlrexplore.com ) - 2  Mark Adams ( History Museum London )          Foto da :  1 Subramanya  S.  ( Natural History  Society Mumbai India )

1 - Coppia  ( Maschio a destra )                                    2 - Pelle  ( Maschio )                                                       1 - Perdicula a. salimalii o  laterite  -  Pelle  ( Maschio )

Perdicula erythrorhyncha   ( Quaglia di macchia variopinta )..Sykes.....1832                             

La specie è suddivisa in 2 sottospecie:

* Perdicula e. erythrorhyncha..........Sykes..........................1832  -  Ovest India sulla catena montuosa dei Ghati occidentali. 

* Perdicula e. blewitti........................Hume A. D. ...............1874   -  India centro orientale, dall'est del Maharashtra e Madhya Pradesh a Bihar, ovest Bengala e Odisha.

Perdicula e. erythrorhyncha   ( Quaglia di macchia variopinta )                                                      Perdicula e. blewitti ( Quaglia di macchia variopinta del nord ) 

1 - Maschio                                                                         2 - Femmina                                                                     1 - Coppia                                                                           2 - Coppia

Perdicula manipurensis   ( Quaglia di macchia di Manipur )......Hume.........1881

Monotipica :                 

Nota : Trovata e descritta da Allan Ottaviano Hume durante una spedizione ornitologica nel Manipur  ( 1881 ), questa specie ( Perdicula manipurensis ) vive nell'India nord-orientale e Bangladesh. Popola praterie umide preferendo aree con erba alta. P. manipurensis è elencata come in pericolo ed inserita nella lista rossa IUCN, mentre in un rapporto del 1911 redatto da Frank Finn, basato sulle note del capitano Wood del 1899, affermava che la specie era comune in passato e facilmente intrappolato dalle persone di Manipur dopo gli incendi boschivi. Il nome locale  è lanz-soibol ossia "quaglia trappola". Tuttavia dal 1932 fino a giugno 2006 non ci fu nessun avvistamento sino a quando Anwaruddin Choudhury riferì di aver ritrovato la specie  in Assam .

Illustrazione da :  1 Raju Kasambe - www.researchgate.net   -   2  Ogilvie-Grant - W.R.                  Illustrazioni da :  1  www.wii.gov.in   -  2    www.birdlife org

1 - Famigliola                                                                                          2 - Maschio                                                   1 - Coppia                                                                          2 - Coppia

Perdicula manipurensis - Raju Kasambe -

Genere anurophasis   (  Van Oort.... 1910  )  -  Per date, luoghi di origine, descrizione, allevamento ecc, vedere in : GENERE Coturnix & Odontophoridae 

Anutophasis monorthonyx  ( Quaglia delle nevi della Nuova Guinea ).........Van Oort.......1910

Monotipica :                 

Nota : Sono uccelli piuttosto grossi (25-28 cm), robusti e dalla coda corta endemici di Papua,  che vivono nel Parco Nazionale Lorentz, e più precisamente nella zona del lago Habema e zone circostanti. Informazione basata su un sondaggio eseguito nel 2015 dal Lorentz National Park Team. Questa specie è inclusa nella  nella lista delle specie in via di estinzione IUCN ( International Union for Conservation of Nature and Natural Resources ). 

E' una specie alpina insolita e timida che si trova ad altitudini di 3200-3800 m prediligendo le praterie ad alta quota, ma sono spesso visti anche in aree boscose e/o ricche di cespugli in gruppetti di due o tre esemplari.                                        

La crescente realizzazione di strade ( trans-Papua ) che circondano il Parco Nazionale di Lorentz rende questi uccelli vulnerabili ed in pericolo, così come il cambiamento climatico rappresenta una minaccia a lungo termine per questa specie, e non solo. La natura di Papua è straordinariamente ricca di biodiversità, ma se la foresta viene drasticamente distrutta, e se non verranno presi seri quanto immediati provvedimenti, della ricchezza naturale di questi luoghi rimarrà solo un ricordo storico. 

Foto da :  1 - 2  Carlos N. Bocos  ( www.hbw.com )                                                                                          Foto da :  1  Carlos N. Bocos   -  2   Mark Sutton   ( www.hbw.com )                  

1 - Maschio                                                                         2 - Femmina                                                                     1 - Maschio                                                                        2 - Femmina

1_Anutophasis_monorthonyx  (_Quaglia_del
2_Anutophasis_monorthonyx  (_Quaglia_del

Genere ophrysia   (  Bonnaterre.... 1856  )  -  Per date, luoghi di origine, descrizione, allevamento ecc, vedere in : GENERE Coturnix & Odontophoridae 

Ophrysia supercilliosa   ( Quaglia himalayana )..........Gray J. E. .........1846

Monotipica :                 

Illustrazioni e stampe da :  1   Tomas Cofta   -  2  www.planetofbirds.com   -  3  www.pinterest.com  -   4  P. Dougalis 

1 - Maschio                                                                               2 -  Coppia                                                                    3 -  Maschio                                                                      4 -  Coppia

                                  

TESTO da : http://www.planetofbirds.com/category/galliformes ( Tradotto dall'inglese )

Rarissimi uccelli del mondo: la quaglia himalayana ( Ophrysia superciliosa )

Una scrittura interessante di Rajiv Kalsi, Rahul Kaul e S Sathyakumar. È stato pubblicato come parte dello studio in corso su Fagiani e affini in India. A mio parere la più completa rassegna di ricerca cartacea riguardante l'elusiva quaglia dell'Himalaya. Ho chiesto il permesso per poter pubblicare su PoB, ma devo ancora ricevere una conferma. Poiché considero che nessuna nuova notizia sarà una buona notizia, ecco il resoconto pressoché completo relativo alla quaglia himalayana. Ho rimosso la maggior parte dei riferimenti scientifici per migliorare la lettura, tuttavia la versione completa è disponibile su [http://www2.wii.gov.in/envis/galliformes/chapter(7).htm].

Introduzione:

La Quaglia dell'Himalaya Ophrysia superciliosa, è una delle specie di Galliforme più rare al mondo. Nonostante diverse indagini, questa specie non è stata registrata con certezza dal 1876 e potrebbe essere stata gravemente colpita dal degrado dell'habitat e dalla caccia. Tuttavia, è probabile che vi sia ancora, quindi per accertarne lo stato sono ancora necessari sondaggi approfonditi; la specie può essere difficile da individuare (prediligendo terreni con erba densa ed essendo riluttante a volare). Inoltre, nel 2003 è stata individuata in una serie di avvistamenti intorno a Nainital. È probabile che ogni popolazione rimasta sia di dimensioni ridotte e per questi motivi è considerata gravemente in pericolo.

Questa specie è nota attraverso una dozzina di esemplari uccisi nelle province/municipalità di Jharipani, Banog e Bhadraj ( nei pressi di Mussorie) e Sher Ka Danda (Nainital). Tutte queste aree sono comprese nel range himalayano occidentale inferiore dello stato di Uttarakhand in India. La maggior parte di questi esemplari sono stati catturati durante l'inverno ( tranne in un caso ) in ripide zone erbose e radure cespugliose abbarbicate su creste a strapiombo esposte a sud, ad altitudini comprese tra 1.650 e 2.400 m dominate da foreste, nella regione dell'Himalaya occidentale dell'Uttarakhand.

L'attuale distribuzione della specie è sconosciuta. Tra il 1945 e il 1950 registrazioni apparentemente affidabili riportano che un esemplare di questa specie fu ucciso est di Kumaon vicino al villaggio di Lohagat nel distretto di Dailekh in Nepal, vi fu un altro avvistamento nei pressi di Suwakholi sulle colline di Mussoorie da Negi nel 1992 che riferì di aver incontrato gruppi di quaglie himalayane in due occasioni nel settembre 1984. Tuttavia, le descrizioni di questi uccelli erano molto vaghe e tutti i documenti del ventesimo secolo non sono stati comprovati.

Tutto ciò che si sa sulla storia naturale della Quaglia dell'Himalaya è la sua dimensione, segnalata grande per una quaglia;  coda relativamente lunga; il becco, piuttosto grande, e le zampe sono rossi. Becco grosso e corto con la mandibola superiore in verticale sulla parte inferiore; zampe corte, che nel maschio sono solitamente provviste di uno o più speroni appuntiti;; l'alluce è sempre presente, e gli artigli sono corti, ottusi e molto forti per razzolare il cibo da terra. Le ali si presentano corte e arrotondate; il volo rapido e forte ma non adatto a coprire lunghe distanze. Generalmente, incontrati in gruppetti di 6-10 unità, dal comportamento estremamente sfuggente, riluttanti all'involo se non in occasioni di estremo pericolo, se non addirittura essere calpestati.

Stato:

Le indagini sul campo durante la metà del XIX secolo indicavano che poteva essere relativamente comune, ma fu segnalata come rara alla fine del 1800. L'habitat himalayano di questa specie presenta alcune analogie con quello del Catreus wallichi ( Fagiano ) che è irregolare, suggerendo che probabilmente questi uccelli non sono mai stati presenti in grande numero.

La mancanza di documenti per oltre un secolo suggerisce che questa specie potrebbe essersi estinta. Le notizie non confermate del suo avvistamento, le recenti revisioni della letteratura e le indagini sul campo, hanno tuttavia tenuto viva la speranza che piccole popolazioni possano ancora sopravvivere in alcune aree della fascia inferiore o centrale dell'Himalaya tra Nainital e Mussorie. C'è stata una mancanza di indagini a lungo termine e dedicate alla riscoperta della quaglia himalayana, che rendono difficile considerare questa specie come estinta. È probabile che questa specie sopravviva da qualche parte nella sua gamma di distribuzione storica, ma non è stata ancora localizzata per mancanza di sforzi ed indagine mirate ? Nonostante il suo status "critico", sono stati fatti pochissimi sforzi per localizzare questa specie nella sua area naturale. L'ultimo lavoro sul campo per individuare l'elusiva quaglia himalayana si è avvalso dei dati dati satellitari e del sistema di informazione geografica. Tuttavia, nessuno di questi sondaggi è stato in grado di stabilire la presenza di popolazioni di quaglia himalayana, ma ha fatto alcuni utili suggerimenti.

Habitat e distribuzione:

La Quaglia himalayana fu trovata in aree dominate da erbe alte  "da seme" che si trovavano su ripidi pendii collinari, e si involava solo quando incalzata dai cani, o in procinto di essere calpestata. Questa è forse l'unica descrizione disponibile.

Baker (1928) pensò che la quaglia himalayana si riunisse in gruppi di cinque o dieci individui albergando nell'erba alta nutrendosi di semi caduti, potendo cosi essere visti raramente. Nel pomeriggio scendono in aree riparate, a volte occupando pendenze molto ripide con presenza di rado sottobosco. Grant (1896) e Finn (1911) pensarono anche che questo uccello si raggruppasse in nuclei di sei-dieci soggetti che si mantenevano a poca distanza l'uno dall'altro al riparo tra l'erba o sottobosco. Greenway (1967) era dell'opinione che la quaglia himalayana fosse un uccello estremamente timido e guardingo, che abitava su ripidi pendii erbosi, e che poteva essere visto solo quando veniva in qualche modo incalzato.                                                      La quaglia himalayana apparentemente preferiva i pendii ripidi contraddistinti da bassa vegetazione in crescita; in quanto tali caratteristiche consentono a un uccello restio al volo di scappare correndo sul terreno senza incontrare troppi ostacoli. Secondo Ali (1977) la quaglia himalayana si riuniva in gruppetti e abitava l'erba alta che si trova su ripide colline scoscese inframmezzate da valli boscose e/o rocciose. Ha inoltre affermato che la maggior parte dei campioni sono stati ottenuti durante o subito dopo novembre, quando l'erba sui pendii aperti era più alta e fornisce una buona copertura. Ali sentiva che le esigenze dell'habitat di questi uccelli erano molto simili a quelli del  Catreus wallichi con pendii ripidi, l'erba e la vegetazione cespugliosa che rendevano difficile localizzare questi piccoli uccelli.

Kaul (1992) ha disegnato un confronto tra il Cheer Pheasant (Catreus wallichii) e la quaglia himalayana, basato sulle descrizioni degli habitat delle due specie che sembravano essere abbastanza simili, perlomeno in letteratura. Kaul era dell'opinione che se l'habitat della quaglia himalayana fosse quello che è stato presentato in letteratura, allora l'habitat piuttosto limitato di pendii scoscesi e ripidi, intervallati da dirupi scoscesi compresi tra 1.000 e 3.000 metri di altitudine, deve imporre severe restrizioni nella distribuzione di entrambe le specie. Poiché le aree erbose e cespugliose aperte non formano grandi tratti contigui nell'Himalaya occidentale, l'acclamazione dei fagiani è sempre stata distribuita in modo irregolare su tutta la sua fascia con popolazioni limitate dalla disponibilità di habitat adeguati. Se la quaglia himalayana necessitasse di un tale habitat specializzato e considerato che queste aree sono piuttosto limitate, la maggior parte delle popolazioni erano con tutta probabilità composte da un numero limitato di individui e vulnerabili alle "estinzioni locali". Nel caso di identificazione di aree con quaglia himalayana, e se tali aree avessero habitat simili a quelli occupati da Cheer Pheasant, allora c'è la probabilità che vi siano piccole popolazioni .

 

Quaglia himalayana:

Das (1995) credeva che la quaglia himalayana fosse un uccello timido e furtivo che viveva solo nella fitta boscaglia, grossi grovigli di erba alta, bambù di collina e cespugli, dove si muoveva come un roditore, sempre sotto una sorta di copertura sopraelevata. Egli riteneva che la quaglia himalayana non vivesse su  pendii con una combinazione di cespugli e erba alta (habitat di Cheer Pheasant), ma probabilmente prediligeva ampie macchie con fitta vegetazione, costituite da cespugli, erba e bambù sulle pendici, fondovalle o calanchi. Le sue ipotesi erano basate sulla colorazione e le abitudini dell'uccello come descritto in letteratura.

 

Come ammesso da autori precedenti, la quaglia himalayana prediligeva aree piuttosto estese  con "erba da seme coltivata" la cui semina, nell'Himalaya occidentale, si verifica solo durante i mesi di novembre e inizio dicembre, coincidenti anche con il periodo in cui sono state uccise. Molte specie di Galliformi come il francolino dipinto (Francolinus pictus pallidus), Cheer Pheasant e Kalij dalla cresta bianca (Lophura leucomelana hamiltonii) si nutrono di semi d'erba quando disponibili. Pertanto, è molto probabile che le quaglie himalayane visitassero aree di "erba da semina" per i semi e vi siano state uccise. Sarebbe interessante sapere se sono rimaste in tali aree con l'arrivo dell'inverno e l'erba è seccata, oppure sono migrate altrove ? Una risposta a questa domanda potrebbe fornire indizi importanti su quali aree si potrebbero considerare per una ricerca dettagliata. È probabile che trascorra l'inverno in una di queste aree o probabilmente a quote più basse in caso di maltempo. Tuttavia, è anche possibile che non trascorra l'intero anno nelle zone sopra menzionate, perché altrimenti sarebbe stata collegata a questi habitat. C'è stato un solo reportage di un gruppetto (una famiglia composta da cinque esemplari ) registrato a Jaripani nel mese di giugno, in tutti gli altri casi le osservazioni sono avvenute in inverno negli habitat con erba alta prima descritti. In primavera, la maggior parte dell'erba è secca ma spuntano freschi germogli; la sola prateria è incapace di fornire un rifugio adeguato ad un uccello delle dimensioni della quaglia himalayana, pertanto è presumibile che compia migrazioni verticali spostandosi a quote più elevate durante l'estate, più in alto rispetto a dove è stato osservato o ucciso, oppure è residente e utilizza altre aree nei pressi di zone erbose aperte per il resto dell'anno.

Considerando la condizione in cui una quaglia himalayana fu uccisa nei pressi di Sher-ka-Danda a Nainital, e un'altra fu vista nelle vicinanze di Sher-ka-Danda  che ora è una piccola collinetta sul lato nord-est di Nainital. Questa collinetta è caratterizzata da una piccola macchia erbosa aperta sulla parte superiore, mentre il resto dell'area, che è piuttosto piccola, è composta da macchia cespugliosa limitante la foresta. Le aree erbose aperte sono generalmente create da pressioni umane come il taglio di alberi, arbusti e da concause quali il pascolo, sradicamento, taglio di arbusti ecc. Un secolo fa, tali pressioni su Sher-ka-Danda sarebbero state sostanzialmente inferiori a quelle attuali perché la popolazione umana a Nainital era in numero trascurabile. Quindi, Sher-ka-Danda aveva probabilmente una porzione molto piccola di "erba da seme", perlomeno più limitata rispetto a quella ora esistente, e che la quaglia himalayana utilizzava un secolo fa ( dove furono uccise nel 1876 ). È quindi difficile ipotizzare che una specie possa prosperare in un habitat così piccolo. Probabilmente utilizzava questo particolare habitat solo per una parte dell'anno, quando forniva risorse sufficienti ( semi di erba, altro materiale alimentare e anche il sole ), e si spostava da qualche altra parte per il resto dei del tempo. L'immediata vicinanza del pascolo era quindi la macchia e la foresta di querce. Sher-ka-Danda è il punto più alto della collina e una specie potrebbe solo spostarsi verso il basso da lì, nell'abisso di querce o arbusti vicino a queste macchie erbose, o migrare a piedi per attraversare le catene e verso le alte montagne all'interno linea. Probabilmente utilizzavano questo particolare habitat solo per una parte dell'anno quando forniva risorse per l'uccello (semi di erba, altro materiale alimentare e anche il sole) e si spostava da qualche altra parte per il resto dell'anno. Quindi il sostentamento derivava sia dalla macchia quanto dalla foresta di querce. Sher-ka-Danda è il punto più alto della collina e dunque la migrazione potrebbe avvenire solo verso il basso, nella foresta di querce o arbusti vicino a macchie erbose, o migrare a piedi attraversando le alte  catene montagnose all'interno della loro gamma.  

Estinto o sfuggente ?

Nel 1990 Reiger e Waltzthony fecero il primo vero tentativo di ritrovare la quaglia himalayana e presentare due modelli per la loro estinzione. Entrambi i modelli suggeriscono che la quaglia himalayana era un uccello che originariamente viveva a basse altitudini, anche a partire da 400 m. Sono stati spinti a quote più elevate dalla pressione antropica sviluppatasi a bassa quota ( a causa del loro comportamento tecnofobico ). Il secondo modello indipendente suggeriva che la ragione per cui la quaglia himalayana si era trasferita a quote più elevate era lo spostamento delle cinture di vegetazione dalle basse altitudini a quelle più elevate a causa dei cambiamenti climatici seguiti alle glaciazioni del Pleistocene. Secondo questi due modelli, la quaglia di montagna continuava a spostarsi a quote più elevate, e poiché le cime dell'Himalaya minore non hanno molte vette che superano i 2.000 m,

Una specie che non è stata osservata per oltre 100 anni potrebbe essere tranquillamente classificata come "eventualmente estinta". Tuttavia, ciò che rende enigmatica la quaglia himalayana è il fatto che anche negli ultimi sondaggi per localizzarla  gli abitanti dei villaggi locali hanno identificato le specie dalle immagini e dalle descrizioni confermando che vivono (?) . Tuttavia, non sono state trovate evidenze dirette o indirette dopo indagini intensive in questi luoghi.

È importante sapere se in queste indagini sono stati utilizzati metodi o tecniche appropriati per l'individuazione di un uccello con colorazione criptica e comportamento furtivo che viveva in in vaste aree con erba densa. Bird Life International ha suggerito di considerare che una piccola popolazione (s) delle specie potrebbe esistere in alcune zone remote, una indagine ben pianificata in habitat apparentemente adatto ( compresa la rivisitazione dei siti in cui la specie era nota ) doveva essere istituita, ed in 'Himalaya estesa attraverso l'uso dei metodi di telerilevamento e dati satellitari. Una volta individuate le potenziali aree, le indagini sul terreno dovevano essere organizzate da un gruppo di ornitologi competenti. Nel tentativo di localizzare gli uccelli si dovrebbero adottate tecniche di indagine adeguate. Una combinazione di flushing ( es. cani addestrati ) e tecniche di trapping ( es stazioni fotografiche con innesto di cereali ) che in certi periodi potrebbero essere impiegate in località selezionate. Era inoltre necessario un programma sistematico di interrogazione degli shikariti locali ( cacciatori ), usando illustrazioni recenti, e un manifesto potrebbe essere presentato in tutta la gamma prospettica di questa specie in Uttarakhand. Se la specie condividesse effettivamente l'habitat con il Cheer Pheasant (Kaul 1992), per le indagini dovrebbero forse essere prese in considerazione le aree abituali del Catreus più simili a quelle  conosciute per la quaglia himalayana. Il metodo del conteggio delle chiamate utilizzato con successo per il rilevamento e il rilevamento di un certo numero di specie galliforme non può essere utilizzato per la quaglia dell'Himalaya in quanto nessuno conosce le sue chiamate. Nel sondaggio di Kalsi et al. (2004) vi erano siti potenziali pre-selezionati sulla base dei dati forniti dalle immagini satellitari e si svolgevano indagini intensive sul campo con interviste agli abitanti dei villaggi locali,

Le testimonianze e le registrazioni del passato pesano fortemente a favore dell'ipotesi che la quaglia himalayana sia estinta. Questa ipotesi è rafforzata da tre fattori che la specie non è stata vista da più di un secolo, è sempre stata in piccole quantità e distribuita in modo irregolare, e le popolazioni delle aree in cui ne è stata segnalata la presenza, hanno sofferto di pesanti pressioni umane.

Al di fuori delle tecniche di rilevamento sopra elencate, la cerca con cani addestrati, le stazioni attrezzate con trappole fotografiche e pasturazione con cereali, rimangono ancora da utilizzare per il rilevamento della quaglia dell'Himalaya. Pertanto, prima di concludere che questa specie è "estinta", sarà necessario condurre una serie di sondaggi dedicati e ben pianificati nelle località elencate brevemente da Hilaluddin (2002) e Kalsi (2004) che utilizzarono i dati satellitari. In questi luoghi, le indagini intensive dovrebbero essere condotte con cani addestrati e stazioni con trappole fotografiche con pastura composta da cereali. Deve essere effettuata l'analisi genetica molecolare di piume / gusci d'uovo raccolti e sospettati di appartenere alla quaglia himalayana. Fino al completamento di indagini dettagliate  sul campo, come suggerito sopra, potremmo considerare che la quaglia himalayana è elusiva ed evasiva.

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                   

Texts, unless otherwise specified, and projects related to 3D processing (Aviaries and equipment) are protected by the rules on <Copyright> (With the exception of all images or prints concerning GALLIFORMI and other kinds of birds), l The author therefore retains the exclusive right to publish the works and to use them economically, should the occasion arise, in any form and way, original or derivative.

We specify that it is not our intention to violate the rules that protect the COPYRIGHT, but it is also true that on the WEB there are images and / or materials for which the rights are claimed from multiple sources, and being unable for obvious reasons to control the goodness of each , we apologize in advance if we have inadvertently published images and / or materials protected by COPYRIGHT in violation of the law, asking you to communicate it promptly so that we can arrange for their immediate removal.

It is however intended to underline that in addition to what has already been explained above, the publication of photographic material found on the WEB by GBP.BIO is also intended to clarify, limited to its possibilities, the chaos created by images placed on the internet, in a rather superficial way and probably without even having the necessary knowledge on the subject, depicting specimens whose classification being clearly wrong misleads the unsuspecting reader / visitor. Therefore the use of images must be considered as purely educational - didactic - informative.

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...

  • Facebook
  • Instagram