Crossoptilon harmani

Crossoptilon harmani ( Maschio )..... Foto da :  www.birdnet.cn

LUOGO DI ORIGINE

STATO DI CONSERVAZIONE IN NATURA

ESTINTO |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |    NON A RISCHIO

                                                                                                                                                                                                                                                 GENERE  CROSSOPTILON  ( HODGSON,  1838 ) 

                                                                                                                                                                                                                                                        CROSSOPTILON  HARMANI   (  ELWES,   1881 )

FAGIANO ORECCHIUTO di HARMAN o del TIBET

 

ORDINE....................GALLIFORMES.

FAMIGLIA.................PHASIANIDAE.

GENERE..................CROSSOPTILON.

SPECIE.....................HARMANI.

 

Il nome scientifico è dovuto al ritrovamento da parte del sottotenente H.J. Harman                                                                                                                       dell'allora Indian Army, di  alcune  piume appartenenti  ad un  uccello a quel tempo                                                                                                                                 ancora sconosciuto, che furono tuttavia studiate da Henry John Elwes ornitologo, botanico ed entomologo inglese, che iniziò la sua carriera scientifica nel 1870 con una spedizione nel Sikkim ( India ). Inizialmente lo si ritenne un ibrido di C. MANTCHURICUM e C. AURITUM come riferito da Bebe nel 1918, mentre invece Rothschild nel 1926 asseriva che potesse essere il risultato di un incrocio spontaneo tra C. AURITUM e C. CROSSOPTILON sino a quando in base a studi più recenti è stato finalmente riconosciuto come specie, C. HARMANI.

 

ITALIANO = Fagiano orecchiuto di Harman | INGLESE = Tibetan eared pheasant | FRANCESE = Okki de Harman | SPAGNOLO = Fasan orejudo del Tibet | TEDESCO = Schmalschwanz ohrfasan.

 

SPECIE: Monotipo < CROSSOPTILON HARMANI >  ( CITES-A )

 

SOTTOSPECIE: Nessuna sottospecie sino ad oggi classificata.

 

LUOGHI DI ORIGINE: Questi fagiani, chiamati < zang-ma > nella lingua locale, vivono abitualmente nelle aree che si trovano a sud-est dell'altipiano del Tibet sino ai confini settentrionali dell' Arunachal-Pradesh ( India ).

 

HABITAT NATURALE e COMPORTAMENTO: L'habitat di questi fagiani è contraddistinto da foreste di abeti rossi, conifere miste e/o miste a latifoglie dominanti ripidi pendii ed altipiani erbosi, letti di fiumi asciutti confinanti con macchie fitte in gran parte composte da rododendri, azalee, magnolie e ginepri a quote mediamente comprese tra 2500 e 4500 metri, ed anche durante i mesi invernali raramente scendono sotto i 2400-2300 metri dialtitudine. L'attività principale consiste nella ricerca del cibo, che a seconda delle stagioni e/o zone in cui vivono è per lo più composto da erbe e loro semi, germogli, foglie, fiori, boccioli, piselli selvatici, frutti e semi degli stessi, frutti di bosco, fragoline, bacche: in special modo quelle di ginepro, bulbi, radici carnose e tuberi che scavano grazie ai potenti unghioni, oltre ad una discreta integrazione proteica che aumenta durante la stagione riproduttiva, data da ragni, millepiedi, lepidotteri, coleotteri, larve e altri insetti ed occasionalmente piccoli vertebrati. All'imbrunire ritornano verso le zone più fittamente alberate per appollaiarsi sopra qualche grosso ramo come sono soliti fare anche i  loro congenere per sfuggire al freddo ed ai numerosissimi predatori. Durante i mesi invernali si riuniscono in grandi stormi che possono anche superare le 40 unità, pur essendo i gruppi solitamente composti da 5-15 individui, comprendenti a volte alcune coppie stabili, spesso guidati da un robusto maschio senza però che vengano evidenziate gerarchie particolari e/o dominanze coercitive. Al minimo accenno di pericolo si muovono prima correndo, delineando nel contempo una irregolare colonna, per poi alzarsi in un volo che comunque mantengono radente al suolo, sino al raggiungimento della macchia più vicina entro la quale si disperdono sparendo alla vista dell'eventuale predatore. Al sopraggiungere della stagione riproduttiva che solitamente inizia ad aprile, i componenti dei gruppi si disperdono per formare le coppie o rinsaldare quelle già esistenti, con i maschi che il più delle volte sono costretti a combattere fra loro per la conquista sia dei territori, che per il possesso delle femmine. Tuttavia gli scontri pur potendo essere anche cruenti terminano quasi sempre con la fuga di uno dei contendenti e solo ferite lievi per entrambi, che solo raramente possono essere gravi, ed ancora più eccezionalmente mortali. Il nido nel quale vengono solitamente deposte 4-8 uova ad intervalli di due tre giorni uno dall'altro, è del tutto simile sia per fattura che posizionamento, a quelli dei congenere, ed anche in questo caso la cova è un incombenza che tocca alla sola femmina con il maschio nelle vicinanze a fare la guardia, ma una volta nati i piccoli si unisce alla famigliola aiutando attivamente la compagna nell'allevamento della prole.

 

STATO DI CONSERVAZIONE IN NATURA: Pur essendo ancora relativamente comune nelle aree in cui non si pratica una caccia indiscriminata, è in probabile declino a causa della costante perdite di habitat naturale, espansione demografica in forte aumento ed i numerosissimi predatori. Quindi in relaione alla esigua popolazione complessiva potrebbe essere considerato vicino alla soglia di estinzione.

 

CARATTERISTICHE PRINCIPALI e DIMORFISMO SESSUALE: Corpo di grandi dimensioni e sessulmente monomorfici come tutti i rappresentanti di questo genere, con differenze tra maschio e femmina che sono ridotte solo ad alcuni particolari come gli speroni che nei maschi risultano a base arrotondata, generalmente ben evidenti e grossi, mentre le femmine ne sono solitamente sprovviste e quando accennati si presentano con base ovoidale. Nei maschi le carrucole sono più evidenti, ed oltre ad essere normalmente più grandi, tendono ad essumere un atteggiamento impettito, fiero e sicuro. Colorazione che in entrambi i sessi si presenta complessivamente grigio-brunastra tendente a sfumare in grigio-cenere chiaro sulla groppa e nelle zone ventrali. Il capo è ornato da brevi e vellutate piume nere che assieme alle altre che ricoprono la testa contribuiscono a dare un certo spessore, se pur vagamente scomposto. Partendo dalla base dell'ocipite, le parti laterali della testa sono nude e costituite da pelle nuda rosso-scarlatto fortemente papillata, tipico della famiglia dei fagiani;gola bianca da cui dipartono ciuffi auricolari che in questa sottospecie risultano appena accennati. La coda composta da penne allungate e ricurve verso la loro estremità con base grigio-brunastro chiaro, quest'ultima già di per se particolarmente lunga e ampia rispetto a quelle dei congenere, appare ancora più grande per effetto delle abbondanti frange composte da barbe lunghe e filiformi separate le une dalle altre, che iniziando già al centro delle penne proseguono sino all'interno della curvatura che contraddistingue l'apice delle stesse, sfumando in un colore verde-brunastro scuro con iridescenze metalliche blu-rame e violetto, dando a tutto l'insieme una delicata lucentezza che contribuisce a conferire alla coda un aspetto morbido e setoso ed al tempo stesso arruffato da far ricordare le piume di struzzo,  caratteristica unica tra i fagiani.

 

VALORI FISICI:

MASCHIO: Lunghezza totale 85 – 90 cm.......lunghezza della sola coda 45 – 50 cm.......peso 2,2 – 2,5 kg.

FEMMINA: Lunghezza totale 80 – 85 cm.......lunghezza della sola coda 40 – 45 cm.......peso 1,5 – 2,0 kg.

 

STATO DI CONSERVAZIONE IN CATTIVITA': L'unica cosa certa è che almeno sino ad oggi risulta essere estremamente raro in cattività. Nel 2006 veniva segnalata la presenza di tre coppie di C. HARMANI presso un allevamento tedesco, mentre nel 2008 si scriveva su AVIORNIS-IBERICA che la specie era presente sia in Europa che in USA. Tuttavia finché non ci saranno notizie certe si rimarrà nella più totale confusione.

 

VEDERE: < CROSSOPTILON  ALLEVAMENTO >

Crossoptilon harmani ( Femmina )..... Foto da :  www.birdnet.cn

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                     

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

Uno   speciale   ringraziamento  per  l'aiuto fornitomi a :

James Pfarr                                                 Saul Villagrana                                            Steve Keller                                          Friedrich Esser                                            Njal Bergè 

birdnet.cn

orientalbirdimages.org 

Le informazioni relative allo stato di conservazione in natura sono state tratte da Wikipedia.

 

Per accedere a Wikipedia clicca sul logo qui a fianco.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...