Gallus gallus x sito 1.jpg

Gallus gallus  ( Gallo rosso o comune )........................................................Linnaeus....................................1758

La specie è suddivisa in 5 sottospecie:                                                                                                  Gallus g. gallus..............Linnaeus........1758 - Distribuito dalla Thailandia orientale attraverso il Laos centrale e meridionale e Cambogia fino al Vietnam centrale e meridionale. Parrebbe, come alcune immagini e testi suggeriscono, che la sottospecie si trovi anche in alcune aree della Malesia peninsulare. Tuttavia è probabile che si tratti di esemplari rilasciati in quanto, naturalmente, l'espansine verso questi territori comporterebbe una fortissima sovrapposizione con la gamma del Gallus g. spadiceus.                                                                            * Gallus g. spadiceus.....Bonnaterre......1792- Distribuito aree orientali dell'Arunachal Pradesh e Assam ( India ), Myanmar, sud-ovest Yunnan ( Cina), nord ovest Laos, Thailandia ad eccezione delle aree orientali, Malesia peninsulare e nord Sumatra dove però non ne ho mai trovato, fotograficamente, traccia.

* Gallus g. bankiva..........Temminck......1813 - Distribuito nelle aree meridionali di Java e isola di Bali.

* Gallus g. murghi...........Robinson & Kloss.....1920 - Distribuito dal fiume Indo, in Pakistan al Jammu e Kashmir ed in tutto il nord e nord-est dell'India, Nepal, Bhutan e Bangladesh.

* Gallus g. jabouillei.......Delacour & Kinnear....1928 - Distribuito nel Guangxi e Hainan ( Cina ) e nord Vietnam. Secondo alcuni autori cinesi si trova anche nel sud-est dello Yunnan.

Per note più dettagliate in riguardo alla distribuzione vedere in quanto menzionato per ogni singola sottospecie

I Gallus, pur non potendo essere certi della sottospecie, si trovano anche nelle Filippine, Sulawesi ed in alcune zone delle Piccole Isole della Sonda, dove probabilmente è stato portato. Introdotto o selvaggio anche in molte altre aree, tra cui Micronesia, Melanesia e Polinesia; Reunion e Grenadine; probabilmente anche in Nuova Zelanda e Sudafrica. Alcune popolazioni introdotte sono state descritte come specie, tipo G. g. philippensis ( Filippine ) o Gallus g. micronesiae  ( Micronesia ), ma nessuna è stata ritenuta valida 

Genere Gallus : Distribuzione da: www.shadedrelief.com

screensho okt.png

Gallus g. gallus..................Linnaeus....................1758

Luoghi di origine:  Distribuito in Thailandia, passando  attraverso la Cambogia fino alle aree centrali e meridionali di Laos  e Vietnam. Introdotto in: Australia, Repubblica Dominicana, Fiji, Giamaica, Isole Marshall, Micronesia, Nauru, Isole Marianne Settentrionali, Palau, Porto Rico e Stati Uniti (Hawaiian Is.).

Descrizione: Indipendentemente dall'analisi del DNA, o ancor più semplicemente attraverso la fase eclissale, si può già azzardare il riconoscimento di un soggetto geneticamente puro rispetto ad un ibrido, prendendo in esame alcune delle sue parti. Come già sappiamo il colore di un Gallus gallus maschio deve essere fondamentalmente nero con varie tonalità di rosso e giallo su collo, ali e schiena. Le principali penne della coda ( falci ) devono presentarsi compresse lateralmente, con quelle minori molto più corte e ben disposte. Mediamente le penne che compongono la coda sono da 12 a 14 ( Gallus varius 16 ) con 4 falci minori per lato ( Generalmente negli ibridi cosi come nei galli domestici, le falci minori sono più lunghe, spesso anche di molto, e nell'incurvarsi tendono a mescolarsi con le maggiori ). Le parti laterali delle falci maggiori, quanto di quelle minori si presentano con una colorazione nero metallico e riflessi verdognoli. La testa ben proporzionata è sormontata da una cresta che pur essendo ben sviluppata la si può considerare relativamente piccola, mediamente lunga da 8 a 10 cm - alta da 3 a 5 cm con un numero medio di dentellature, compreso le piccole gemme, che varia da 6 a 13. Bargigli e orecchioni sono anch'essi ben sviluppati, ma comunque più piccoli rispetto a quelli degli ibridi. I bargigli visti di fronte tendono ad essere più ravvicinati l'uno all'altro, rispetto agli ibridi nei quali invece tendono a distanziarsi.

Negli esemplari appena catturati e tenuti in cattività, la cresta tende a divenire bluastra. Nella maggior parte dei casi l'iride sfuma in una colorazione rossastra, a differenza di molti ibridi in cui invece si presenta biancastra o giallastra.

La linea dei soggetti puri è relativamente sottile che vagamente ricorda quella di una barca. Zampe ardesia bluastre o giallognole, mentre i tarsi degli ibridi sono solitamente molto più scuri con sfumature verdastre.

Nella FEMMINA cresta e bargigli sono quasi inesistenti, e solo eccezionalmente possono emergere dal mantello, orecchioni piuttosto piccoli e della stessa colorazione di quelli del maschio.  Linea sottile che vagamente ricorda quella di una barca; zampe relativamente lunghe e dello stesso colore di quelle del gallo. 

Foto da : 1  www.orientalbirdimagesorg  Autore: Nguyen Hoai Bao -  2  www.pbase.com  Autore: Garry Bakker   -  3  www.kknews.co.jp 

1 - Gallus gallus  gallus                                                                        2 - Gallus gallus gallus                                                                       3 -  Gallus gallus gallus 

1 Gallus gallus - oriental Nguyen Hoai B

Gallus g. gallus  

Foto da :  1  www.onevietnam.org   -   2  By - Bird Sera    -   3 www.pinterest.com

1 - Gallus gallus  gallus                                                                       2 - Gallus gallus gallus                                                                       3 -  Gallus gallus gallus  

By - Bird Sera.jpg
4 Gallus_gallus pinterest com.jpg

Gallus g. gallus  

Foto da :  1 www.kitchendecor.club    -    2   www.flickr.com Autore:  Ramon Fernandez    -   3  www.birdnet.cn Autore: Follow the shadow

1 - Gallus gallus  gallus                                                                       2 - Gallus gallus gallus                                                                       3 -  Gallus gallus gallus  

3 red-junglefowl kitchendecor club.jpg
Gallus gallus - Gà rùng NP Càt Tien Vietnam Ramon Fernandez flickr com 1_edited.jpg
Gallus - No posizione 14-11-18 - Segui l'ombra.jpg

Luoghi di origine: Distribuito nelle aree meridionali di Sumatra, Java e Bali.  Nell'estremo est  di Jawa la sua gamma si sovrappone a quella del congenere Gallus varius mentre non ho trovato prove dell'esistenza, attuale, del Gallus g. bankiva sull'isola di Bali.  Inoltre, come testimonia la rara l'immagine posta a fianco, scattata nel sud di Jawa, è evidente che la gamma del Gallus g. bankiva si sovrappone a quella del congenere Gallus varius. Tuttavia non è dato sapere, per ora, se le due specie si incrociano, ed ancora meno se l'incrocio è fecondo con la produzione di ibridi.

Descrizione: Alcune fonti citano la proposta di ri-denominazione del Gallus g. bankiva in Gallus g. javanicus ( Nishida..1980 ). Infatti, Takao Nishida motiva la sua conclusione asserendo che il nome Ayam Bengiw, dal quale deriva il termine Bankiva, è utilizzato a Giava per designare gli ibridi sia tra galli e galline domestiche che tra i selvatici, cos' come ibridi tra galli e galline selvatiche. Pertanto, conclude che Gallus gallus bankiva è una terminologia inammissibile e propone di sostituirla con Gallus gallus javanicus.  Tuttavia non avendo trovato altri riscontri a conforto della suddetta tesi, vengono mantenute entrambe le classificazioni. Il maschio di questa sottospecie assomiglia al conspecifico Gallus g. soadiceus, ma facilmente distinguibile da quest'ultimo e conspecifici in generale, per le lancette della mantellina che si presentano larghe e arrotondate agli apici andando a formare una linea di fondo piuttosto uniforme; orecchioni rossi a volte debolmente variegati di bianco; area nucale, e lati della stessa, nera; zampe blu-lavagna con tarsi dotati di acuminati speroni.  La breve coda di norma forma col dorso un angolo di 45 gradi.

Anche nella femmina le lancette della mantellina si presentano larghe ed arrotondate agli apici.

Gallus g. bankiva  e Gallus varius - Autore: Franceso Veronesi ( fotografati  aTN Meru Betiri--Sukamade, Timu Jawa il 26-08-2016 )

Gallus varius e Gallus bankiva - 22-08-16 -  Jawa TN Meru Betiri--Sukamade, Timur,- France

Foto  da : 1-2  Autore:   William Tang    -    3  Autore:  www.ijenecotour.com

1 - Gallus g. bankiva o javanicus                                                       2 - Gallus g. bankiva o javanicus                                                      3 - Gallus g. bankiva o javanicus  

Bankiva 1 +william tang (1).jpg
Bankiva 2 William Tang - Copia (1).jpg
Bankiva - Est Java - ijenecotour com ok.jpg

Gallus g. bankiva o javanicus 

Foto  da : 1  Autore: Panji Gusti Akbar   -   2  Autore:   P. S. Lansley    -   3  Autore:   Chris Barnes

1 - Gallus g. bankiva o javanicus ( ibrido F1 probabile )             2 - Gallus g. bankiva o javanicus                                                    3 - Gallus g. bankiva o javanicus 

Bankiva - Bekol Savanna and surroundings Java -   Panji Gusti Akbar - inaturalist org.jpeg
Gallus bankiva - Jawa  Erek Erek Jungle Park, Jawa Timur, 15-01-20 - P. S. Lansley search
Gallus bankiwa - Java  Ijen--Pos Paltuding, Jawa Timur, Jawa 10- 08-19 - Chris Barnes sear

Gallus g. bankiva o javanicus 

Foto  da : 1  Autore: Eka Putra‎  -  2   Autore:  Syarifan Djawa  -   3   Autore:  Wisesa Pura‎

Nota:  L'esemplari della foto 1 pur essendo molto tipico, sfoggia una cresta apparentemente troppo voluminosa, quindi potrebbe essere non puro ( forse un F1 ). Tuttavia,  anche la seconda foto è dello stesso autore/proprietario, e l'esemplare ritratto sembra, perfettamente in linea con lo standard della specie.  

1 - Gallus g. bankiva o javanicus                                                       2 - Gallus g. bankiva o javanicus                                                      3 - Gallus g. bankiva o javanicus  

Bankiva_-_M_Risdar_Eka_Putra‎.jpg
Bankiva puro +  Syarifan Djawa_modificat.jpg
Bankiva - Visea Pura.jpg

Gallus g. murghi   ( Gallo rosso indiano )........................................Robinson e Kloss..................... 1920

Luoghi di origine: Questa sottospecie, oltre alla distribuzione particolarmente ampia, è caratterizzata dalla forte capacità di prosperare in condizioni climatiche estreme, maggiore rispetto a quelle che contraddistinguono i conspecifici. Per detti motivi, e la relativa facilità con la quale si riproduce in cattività, potrebbe essere allevato al pari di altre specie di selvaggina.  

La gamma del Gallus g. mughi, o gallo rosso indiano, si estende per circa 1.400 miglia, dal fiume Indo nel Pakistan occidentale verso sud-est in India, lungo le pendici dell'Himalaya e le vicine foreste di pianura e aree di macchia dal Kashmir meridionale a raggiungere il Bengala Occidentale e aree limitrofe del Bangladesh: mentre più a nord si trova in Nepal centro-meridionale, Sikkim, Bhutan, Assam ( India ) e Myanmar occidentale.  Nei territori centrali e meridionali dell’India, il confine tra le gamme del Gallus g. murghi ed il conspecifico Gallus sonneratii è costituito da una immaginaria linea verticale che si propaga dal centro-nord, verso il sud, attraverso Jhansi e Nagpur a raggiungere le sponde del fiume Godavari, sino al Golfo del Bengala, che di fatto delimita la distribuzione di questa sottospecie nel sud-est dell’India. Solitamente in queste aree, i Gallus murghi sono piuttosto numerosi, trovandosi pressochè ovunque il terreno sia accidentato o coperto da foreste e macchie. Lungo i fianchi inferiori dell'Himalaya, da 350 a 1800 metri di altitudine, la gamma del Gallus g. murghi si sovrappone a quelle delle sottospecie di Lophura leucomelanos e, non di rado, si possono vedere entrambi nella stessa zona mentre razzolano in cerca di cibo. È altresì interessante notare che, nelle province centrali, dove le gamme di Gallus g. murghi e Gallus sonnerati si sovrappongono possono avvenire incroci naturali. Infatti, esemplari sia puri, che ibridi, di entrambe le specie sono stati registrati nei pressi di Jubhulpore.

È interessante notare che questa specie si ibrida naturalmente col G. sonnerati nelle province centrali dove le gamme si sovrappongono. Sia esemplari puri, che ibridi, di entrambe le specie sono stati registrati vicino a Jubhulpore

Descrizione: Esiste non poca controversia in riguardo alla colorazione degli orecchioni che, per alcuni, nella forma pura devono essere bianchi o tuttal'più variegati, per altri invece, una maggiore purezza è indicata dall'avere orecchioni rossi. Ma non basta, per alcuni gli orecchioni bianchi devono essere piccoli, per altri piuttosto evidenti. Personalmente posso affermare, dopo aver visto centinaia di immagini, che la gran parte dei Gallus g. murghi, indipendentemente dall'area occupata all'interno della propria gamma, presenta vistosi orecchioni bianchi, con gli esemplari più tipici che si trovano nell'Uttarakhand ( India). Detto questo, servirebbero ulteriori studi tesi ad accertare lo status e definire, finalmente, su quale caratteristica fare riferimento oppure se possono ritenersi valide entrambe.                                                                                                                                                   

Di primo acchito, lo si potrebbe scambiare per il conspecifico Gallus g. spadiceus, ma se ne differenzia per alcune peculiarità piuttosto distintive, a supporto della colorazione in generale e, di alcune zone in particolare, molto più giallastro arancio.

Nel maschio la corona , nuca, parte superiore del mantello e lati del collo sono caratterizzati da lancette molto appuntite in profondo rosso arancio brillante che tramuta in giallo oro, con quelle più lunghe contraddistinte da un’ampia marcatura centrale di colore nero-rossastro molto distintiva negli esemplari più tipici, e non marrone come nel Gallus g. spadiceus, per quanto in quest’ultimo sia molto meno significativa; sella nero lucido cangiante in blu o verde; groppa rosso-marrone intenso, molto lucido che gradualmente cambia in arancio-fuoco sulle lunghe lancette del groppone, quest’ultime caratterizzate da un area centrale nera non visibile in quanto celata da quelle sovrastanti; copritrici superiori della coda nere, intrise di iridescenze verdi, verde-azzurro o verde-rame, il blu generalmente domina sulle copritrici e penne della coda più esterne; copritrici delle ali e scapolari in nero lucido; colorazione delle copritrici mediane, simile a quella sulla groppa; copritrici maggiori nere; piccole copritrici bruno scuro o nerastro, con le primarie orlati sul vessillo esterno di cannella chiaro, mentre sulle secondare esterne i margini sono molto più ampi con l’interno verde azzurro lucido; parti inferiori bruno nerastre debolmente lucidate di verde.

Iris rossastro-marrone, rosso o arancio-rosso; cresta rosso mattone a scarlatto - cremisi; bargigli in un rosso un poco più livido; orecchioni bianchi, a volte spruzzato di rosa; pelle della testa bluastra o rosso-carnosa; becco color corno scuro bruno;  zampe e piedi da grigio-verdastri a bruno-ardesia intenso con tarsi provvisti di lunghi speroni, spesso ricurvi, molto acuti.

 

Nella femmina la parte superiore della testa bruno-nerastra, penne largamente orlate di giallo-oro. Nella maggior parte degli esemplari, la fronte presenta una colorazione più o meno intensa in cremisi metallico, lucentezza che viene proiettata è prodotta all'indietro sulle piume delle copritrici auricolari dove si allargano e si incontrano sulla parte anteriore del collo a formare un'ampia gorgiera; piume della nuca giallo-arancio con ampi centri nerastri che vira al giallo dorato chiaro sulle lancette più lunghe della mantellina; piumaggio delle parti superiori, copritrici alari e secondarie interne rossastre o bruno-rossastre con rachidi chiari e vermicoli di marrone scuro; primarie bruno scuro bordate di rosso rubino; timoniere bruno scuro, screziate di rosso opaco, assente sul paio esterno; petto rosso indiano opaco con rachidi chiari che sfumano in color cannella opaco sull'addome, molto vermicolato di marrone; copritrici sotto caudali nere o nerastro - marrone.

Iride marrone ; cresta e piccoli bargigli, talvolta assenti, cremisi opaco; becco corneo-marrone; zampe e piedi da verdastri o da grigi ad ardesia profondo - marrone di solito senza, o nella migliore delle ipotesi rudimentali, speroni.

Foto da :  1  Autore:  Birders Den Nainital    -   2   Autore:  Pamil Kunar   -   3    Autore:  Swethadri Doraiswamy

1 - Gallus gallus murghi                                                                      2 - Gallus gallus murghi ( femmina - orecchioni rossi )           3 - Gallus gallus murghi  

2Murghi pare - search - Birders Den Nain
5 Pamil Kunar search - Mahmaya forest - Jammu - Jammu and Kashmir India  2 - Copia_edited.
Murghi - Swethadri Doraiswamy.jpg

Gallus g. murghi 

Foto da : 1  www.chimcanhviet.vn    -   2   www.orientalbirdimages.org   Autore:  Iftiaque Hussein    -   3  www.arco-images.de

1 - Gallus gallus murghi                                                                       2 - Gallus gallus murghi ( femmina - orecchioni bianchi )      3 - Gallus gallus murghi  

Murghi - oriental Iftiaque Hussein - Sundarbans, West Bengal, India - Copia_edited.jpg

Gallus g. murghi 

Foto da : 1  www.chimcanhviet.vn    -   2   www.orientalbirdimages.org   Autore:  Iftiaque Hussein    -   3  www.arco-images.de

1 - Gallus gallus murghi ( maschio subadulto )                           2 - Gallus gallus murghi ( femmina - orecchioni bianchi )      3 - Gallus gallus murghi ( maschio subadulto ) 

Gallus murghi - India Uttarakhand   Nainital 24-01-20 -Edurne Ugarte search 3.PNG
Enlatesh VT -  Kanha Tiger reserve - Mandla Madhya Pradesh - India - Copia.jpg
Gallus nurghi - Uttarakhand, India Birder's Den Eco Friendly Resort, Nainital  24 Jan 2020

Gallus g. spadiceus   ( Gallo rosso birmano )...............................Bonnaterre.................................1795

Descrizione: Distribuito aree orientali dell'Arunachal Pradesh e Assam ( India ), Myanmar, sud-ovest Yunnan ( Cina), Thailandia ad eccezione delle aree orientali, Malesia peninsulare e nord Sumatra.  

Descrizione:  E' sicuramente la sottospecie più grande. Molto simile alla forma nominale, se ne distingue, soprattutto, per avere le lancette della mantellina più corte e gli orecchioni piccoli e rossi

Foto  da:   1   Autore:  Smith J. A.  -  2   www.orientalbirdsimages.org   Autore:   Alex Vergas    -   3    Autore:   Ly Lan Le Do

1 - Gallus gallus spadiceus                                                                 2 - Gallus gallus spadiceus                                                              3 - Gallus gallus spadiceus 

6 J.A. Smith- search - Ban Songnuk Phetc
Spadiceus - oriental Alex Vergas - BanMaka Resort, Kaeng Krachan NP, Petchaburi, Tailandia
5 Ly Lan Le Do - Kaeng Krachan Phetchabu

Gallus g. spadiceus 

Foto  da :  1  Autore:   Edmon Sham    -    2  www.birdnet.cn   Autore: Lancet zsy   -  3  www.birdnet.cn   Autore:  Nice little bird 

1 - Gallus gallus spadiceus                                                                2 - Gallus gallus spadiceus                                                                3 - Gallus gallus spadiceus  

3 Edmon Sham - Kaeng Krachan NP ( restri
Spadiceus - By Nice little bird.jpg

Gallus g. jabouillei   ( Gallo rosso di Tonchino ).......................Delacour e Kinnear..................1928

Luoghi di origine: Nord Vietnam ( Regione di Tonkino ed estremo nord Annam ) - Cina ( Estremo sud ovest Yunnan <  Mengtzi > ) - Guangxi ( Lonchow attuale Contea di Longzhou  ) e isola di Hainan. Nelle aree nord-occidentali di Tonkino interagisce con il conspecifico Gallus g. spadiceus.

Descrizione:  Tra tutti i congenere è sicuramente la specie meno conosciuta.  Il maschio somiglia al conspecifico Gallus g. gallus, ma  se ne distingue per avere le parti normalmente rosse della livrea cromaticamente più scure; lancette della mantellina brevi e meno appuntite; groppa e groppone rosso mogano; piume lanceolate sui fianchi dalla colorazione rosso scuro; coda evidentemente più corta; collo anteriore molto scuro, appena aranciato; cresta e bargigli piuttosto piccoli; lobi delle orecchie piccoli e rossi, raramente spruzzati di bianco ( Nota: in alcune descrizione viene ammessa la possibilità che possano essere bianchi ). Riassumendo: Come abitudini non differisce dai conspecifici, tuttavia vive in aree di norma più fredde e umide. Anche in natura, si distingue facilmente dai congenere per il piumaggio più scuro, le piume più corte e la piccola cresta, di conseguenza, sembra più alto sulle gambe. Si adatta facilmente alla cattività

La femmina assomiglia alla conspecifica Gallus g. gallus ma, se ne distingue, per essere generalmente più scura, con i bordi del collo in giallo più intenso.                         

Nota:  La prima serie di 6 foto  è stata scattata nello Zoo di Hanoi - Vietnam. In particolare la prima è, da anni, un riferimento, se non l'unico attendibile, nei riguardi di questa sottospecie nonostante l'immagine sia piuttosto scura, quindi di difficile interpretazione. Le altre le ho pubblicate solo come riferimento in quanto è evidente che gli esemplari fotografati, sempre nello Zoo di Hanoi - Vietnam, pur mostrando qualche caratteristica del tonchinese, non possono essere attribuibili al Gallus g. jabouillei.

Foto  da  : 1  Autore:  Maguari  (  Zoo di Hanoi Vietnam 15-03-2012  )   -   2-3   www.kdrudloff@web.de">www.kdrudloff@web.de   Autore: Klaus Rudloff (  Zoo di Hanoi Vietnam 03-11-2019  -  Sembra evidente che nelle foto 2 e 3 , per quanto scattate nello Zoo di Hanoi, gli esemplari ritratti, fenotipicamente, risultano piuttosto difformi dallo standard di questa specie ) 

1 - Gallus gallus jabouillei                                                                   2 - Gallus gallus jabouillei  ( ? )                                                       3 - Gallus gallus jabouillei  ( ? )  

Jabouillei -  Viet Nam, Hanoi, Zoologischer Garden 3 November 2019   Klaus Rudloff  1.jpg
Tonkin Red Junglefowl - Klaus Rudloff kd

Gallus g. jabouillei   

Foto  da  : 1-2-3   Autore: Friedrich Esser  (  Zoo di Hanoi Vietnam 03-11-2019  -  Sembra evidente che nelle 3 foto, ad eccezione, forse, della femmina/e, per quanto scattate nello Zoo di Hanoi, gli esemplari ritratti, fenotipicamente, risultano piuttosto difformi dallo standard del Gallus g. jabouillei ) 

1 - Gallus gallus jabouillei ( ? )                                                           2 - Gallus gallus jabouillei  ( ? )                                                        3 - Gallus gallus jabouillei  ( ? )

Jabouillei ( chiaro ) Hanoi Zoo Friedric
Jabouillei ( chiaro ) Hanoi Zoo Friedric
Jabouillei ( chiaro ) Hanoi Zoo Friedric

Gallus g. jabouillei  ( ? ) 

Considerazioni e curiosità: Nel trattare questa forma si sono presentate non poche difficoltà e, purtroppo, la letteratura, sia classica quanto moderna, è risultata di ben poco aiuto a chiarire i molti dubbi che la circondano. I principali, comunque, riguardano la colorazione in generale del piumaggio e degli orecchioni ( vedere descrizione ) per i quali sarebbero necessari approfondimenti in loco supportati da  ricerche e studi che possano permettere di appurare l’attuale stato genetico  dei soggetti che si trovano nelle aree storiche attribuite alla sottospecie. Purtroppo, nonostante le immagini trovate, siano molte, come spesso succede, non facilitano il riconoscimento, e di conseguenza permangono alcuni dubbi. Nella provincia del Guangxi ( Cina ), ad esempio, mentre le femmine sembrano fenotipicamente in linea con lo standard della specie, i maschi appaiono, perlomeno fotograficamente, con piumaggio in generale un poco chiaro, più simili al conspecifico G. g. spadiceus. Stesse perplessità nei riguardi delle foto scattate sull'isola di Hainan ( aree tipiche del G. g. jabouillei ) , nelle quali si può apprezzare la tipicità del fenotipo pur mostrano orecchioni bianchi o biancastri. Va altresì fatto notare che McGowan, per questa forma, ammette orecchioni completamente bianchi. Quindi ? Un altro punto molto confuso della letteratura che nessuno, tranne il sottoscritto, sino ad ora ha inteso valutare. Da sottolineare che nel corso delle mie ricerche non ho mai trovato, sull'Isola di Hainan, testimonianza di soggetti attribuibili al Gallus g. jabouillei con lobi dalla colorazione diversa dal bianco.   

Prima serie di 6 foto scattate a: Nonggang National Natural reserve Guangxi - Cina, quindi area storica attribuita a questa sottospecie )

Foto  da :   www.birdnet.cn   1 Autore:   Su Li  -  2-3  Autore:  He Fu   ( le 3 foto scattate a: Nonggang National Natural Reserve provincia del Guangxi - Cina )

1 -  Gallus g. jabouillei  ( ? ) femmina                                              2 - Gallus g. jabouillei  ( ? ) maschio adulto                                3 - Gallus g. jabouillei ( ? ) femmina

Jabouillei pare -  Longzhou Alonggang  Chongzuo Guangxi confine col Vietnam - 22-03-20 - H
Jabouillei pare - Chongzuo Guangxi  19-11-16- lui fu  9 - Copia - Copia.jpg
Jabouillei pare - Nonggang Nakan, Chongzuo, Guangxi -  Su Li - search 1 - Copia.PNG

Gallus g. jabouillei  ( ? )

Foto  da :  1-3  www.birdnet.cn   Autore:  He Fu   -  2  www.cnbird.org.cn  Autore:  老陈   ( le 3 foto scattate a: Nonggang National Natural reserve Guangxi - Cina )

1 -  Gallus g. jabouillei ( ? ) maschio giovane                                 2 - Gallus g. jabouillei  femmina adulta                                       3 - Gallus g. jabouillei ( ? ) maschio giovane

Nonggang National Natural reserve Guangxi He Fu 1 - Copia.jpg
Jabouillei - Guangxi · 2020-12-24  j  [老陈  ] cnbird.org cn - Copia.jpg
Nonggang National Natural reserve Guangxi He Fu  2 - Copia.jpg

Gallus g. jabouillei  ( ? )

Foto  da :   www.birdnet.cn  1-3 Autori:  Sharp shadow  -  2  zhj926888 ( Località:  Sanya e Shishan, distretto di Xiuying, città di Haikou, provincia di Hainan - Cina )

1 -  Gallus g. jabouillei  ( ? ) maschio adulto                                  2 - Gallus g. jabouillei  ( ? )  maschio adulto                                3 - Gallus g. jabouillei ( ? ) maschio adulto

Hainan - Ombra nitida 1.jpg
Tonchinese -   Shishan, distretto di Xiuying, città di Haikou, provincia di Hainan 05-02-2
Hainan - Ombra nitida 4.jpg

Gallus g. jabouillei  ( ? )

Foto  da :  www. cnbird.org.cn  Autore:   whisper of the bird forest  ( 1-3 Località: Wuyuan River - Haikou - Hainan - 2   Sanya - isola di Hainan - Cina )

1 -  Gallus g. jabouillei  ( ? ) sub-adulti                                           2 - Gallus g. jabouillei  ( ? )  sub-adulto                                         3 - Gallus g. jabouillei ( ? )  sub-adulto

Hainan gallus - fiume Wuyuan - Haikou ci
Hainan gallus - fiume Wuyuan - Haikou city - Hainan 28-12-2020 - xinjiang eagle 3 - Copia.
Hainan gallus - fiume Wuyuan - Haikou city - Hainan 28-12-2020 - xinjiang eagle 1 - Copia.

Gallus gallus femmine a confronto

Foto  da :  1  www.flickr.com Autore:  Ramon Fernandez   -   2  Autore:  William Tang   -   3  www.orientalbirdsimages.org   Autore:   Alex Vergas 

1 -  Gallus g. gallus                                                                                2 - Gallus g. bankiva                                                                           3 - Gallus g. spadiceus

Gallus gallus - Gà rùng NP Càt Tien Vietnam Ramon Fernandez flickr com 1.jpg
Bankiva 2 William Tang - Copia (1).jpg
Spadiceus - oriental Alex Vergas - BanMaka Resort, Kaeng Krachan NP, Petchaburi, Tailandia

Gallus gallus femmine a confronto

Foto  da :   1  Autore:  Pamil Kunar   -  2    www.orientalbirdimages.org   Autore:  Iftiaque Hussein   -   3   www.cnbird.org.cn    Autore:  老陈 

1 -  Gallus g. murghi ( orecchioni rossi )                                         2 - Gallus g. murghi ( orecchioni bianchi )                                    3 - Gallus g. jabouillei

5 Pamil Kunar search - Mahmaya forest - Jammu - Jammu and Kashmir India  2 - Copia.PNG
Murghi - oriental Iftiaque Hussein - Sundarbans, West Bengal, India - Copia.jpg
Jabouillei - Guangxi · 2020-12-24  j  [老陈  ] cnbird.org cn - Copia.jpg

Gallus gallus - le sottospecie a confronto  

Foto pelli  da  :  www.researchgate.net Authore: John Corder 

1 G. g. jabouillei  -  2  G. g. bankiva  - 3  G. g. gallus -  4  G. g. spadiceus  -  5 G.  g. murghi         

b-The-five-subspecies-of-Red-Junglefowl-

Gallus g. gallus - Mutazione o ibridi ? (  Esemplari catturati ) 

Foto da:  1-2  Autore:  Nguyễn Trọng Tân‎ - 3  Autore:   Manuk Lalaya 

1 - Gallus g. gallus  probabile mutazione isabella, 

Rosso mutato pare Manuk Lalaya - Copia -

1 - Gallus g. gallus  mutazione da definire 

+_Gallus_gallus_mutato_o_incrocio_-__Ngu

Genere Gallus : le 4 specie

ALCUNE PRECISAZIONI RIGUARDANTI I GALLUS IN GENERALE - SINTESI da < SUMMAGALLICANA.IT >              Illustrazione da :   Daniel Giraud Elliot           

Nei GALLUS il Gallus gallus, Gallus sonnerati Gallus lafayetti presentano creste più o meno seghettate, mentre il Gallus varius è privo di dentelli. Nell'insieme sia creste che bargigli sono comunque meno evidenti, eccetto per la colorazione, che non nelle razze domestiche, mentre nelle rispettive femmine sono pressoché inesistenti e solo eccezionalmente emergono appena dal mantello. Cosi come queste ultime non si differenziano molto nella colorazione della livrea, i maschi sfoggiano colorazioni molto diverse dovute a modificazioni morfologiche e strutturali.

Solo due delle quattro specie mostra un piumaggio eclissale post periodo riproduttivo - Gallus gallus e Gallus sonnerati. Il Gallus lafayetti non presenta una vera fase eclissale, con una muta meno evidente e progressiva. Solo la cresta si riduce di volume perdendo turgidità e brillantezza della colorazione.

Il Gallus varius invece non è caratterizzato da fase eclissale.

Un affidabile diagnosi riguardante la purezza dei Gallus Gallus e Gallus sonnerati deve essere fatta in estate quando nel maschio si verifica la muta eclissale che da origine alla livrea di riposo, ciò che non avviene sia negli ibridi, quanto nel pollame domestico.

Non si conosce bene il fenomeno per il quale il maschio di alcune specie modifica la sua livrea dopo il periodo nuziale primaverile. Ne consegue una muta estiva in cui i colori sgargianti vengono sostituiti  da toni cromatici dimessi. Nel caso dei Galli selvatici la muta estiva è parziale essendo limitata al tratto cefalico e cervicale. Nel Gallus gallus le lanceolate vengono sostituite da piume più brevi  spatoliformi   e  nere  che  costituiscono  il piumaggio  eclissale.  Al momento della muta autunnale queste piume vengono  

perse per essere rimpiazzate da quelle caratterizzanti le singole specie. Tuttavia non sono solo le piume a farne le spese, in quanto si instaurano alterazioni fisiologiche nei galli di quasi tutte le specie. Anche la mascolinità si "eclissa" in quanto cresta e bargigli impallidiscono, perdendo turgidità sino a raggrinzirsi; cessano canto, corteggiamento e desiderio sessuale, la belligeranza si trasforma in profonda timidezza, il grido d'allarme diviene simile a quello della femmina. 

La morfologia del piumaggio eclissale, nonché tutte le modificazioni anatomiche e comportamentali legate al sesso, fanno sorgere il sospetto di un antagonismo da estrogeni, relativo o assoluto, nei confronti dell'ormone maschile.

Kimbol ( 1958 ) studiò la fase eclissale di Gallus gallus e Gallus sonnerati, ed è stato in grado di affermare che i galli della giungla puri presentano inevitabilmente la fase eclissale sia allo stato selvatico quanto in cattività.

Secondo i risultati di Kimbol, gli esemplari tenuti nell'emisfero boreale iniziano detta fase verso la fine di maggio inizio di giugno, per terminare a settembre con la muta autunnale. Gli ibridi F1 e le successive generazioni derivanti dai galli della giungla x razze domestiche non presentavano più la fase eclissale, mentre persisteva e persiste, nei maschi nati dall'incrocio tra soggetti selvatici puri di specie diverse.    Pertanto un

Gallus - Copia.jpg

presunto  gallo selvatico deve assolutamente presentare la fase eclissale, non si vedrà mai un gallo della giungla combattere in estate, e se lo si deve acquistare, meglio farlo proprio in questo periodo, quando livrea ed appendici ( Cresta, bargigli ecc ) dimostrano la purezza del soggetto preso in esame, o che comunque deriva dall'incrocio tra specie selvatiche. 

Sul significato della fase eclissale Elio Corti ( Autore del sito summagallicana.it ) ne parla col Professor Renato Massa dell'Istituto di Scienze Ambientali di Milano, e quanto di seguito riportato ne è una breve, per quanto significativa sintesi.... < Spesso osserviamo che in natura il maschio presenta un piumaggio vistoso, e questa livrea gli serve per accaparrarsi le femmine, anche se è un arma a doppio taglio in quanto lo espone più facilmente ai predatori. Terminata la fase riproduttiva, l'abito viene dismesso in quanto la sua funzionalità, tesa alla propagazione della specie, non ha più ragione d'essere. Questo cambiamento fisiologico permette al maschio di ottimizzare la sua posizione nei confronti dei predatori, contribuendo cosi alla preservazione della specie attraverso una soluzione diversa dalla riproduzione.... >. Non posso che essere d'accordo con quanto spiegato dal Professore, però aggiungerei anche che nei Galliformi in generale e Gallus nello specifico, una perdita di colori, e soprattutto mascolina personalità, in concomitanza con il periodo in cui le femmine solitamente da sole devono badare a nido o prole, un maschio insistente con continue richieste amorose sarebbe solo un impiccio, senza calcolare il rischio al quale esporrebbe madre e nidiata sia per la colorazione, se non entrasse nella fase eclissale, quanto per il trambusto dovuto al cercare di accoppiarsi con una femmina in tutt'altre faccende affaccendata. Infatti il Gallus varius, monogamo per antonomasia, non presenta una fase eclissale. 

COLORAZIONE :

Il piumaggio generalmente rossastro del Gallus gallus e Gallus lafayetti indica l'intervento del gene s+, recessivo legato al sesso, in grado di produrre la colorazione oro alla quale si è sovrapposto il nero.

Il Gallus sonnerati sarebbe dotato dell'allele dell'argento S, che sostituisce l'oro con il bianco.  Quest'ultimo si incrocia facilmente con le femmine di Gallus gallus dando origine a prole feconda ( Pur se con alcune limitazioni  ), ed in questo incrocio le caratteristiche dei Gallus gallus risultano generalmente dominanti.

Tuttavia a volte succede che ibridi tra specie selvatiche e razze domestiche siano sterili, come nel caso di femmine ( Ibride ) ottenute dai Gallus varius ( Varius x domestico ), mentre i maschi noti come BEKISAR sarebbero fecondi per i locali, per Ghigi invece solo parasterili. Ciò non toglie che vi possa essere stato un contributo dei Gallus varius nella creazione del pollame domestico ""

                      -  GAllus gallus : sottospecie  -

Illustrazione: Gallus g. gallus  

93ad8f79-22a4-41f6-a639-38f041450800.jpg