- lerwa lerwa : specie e sottospecie -

Lerwa l. major ( coppia ) Autore:  Koel Ko

Mappa distribuzione ( elaborata ) Genere lerwa da:  www.gbp.bio

Lerwa l. major ( coppia ) Autore:  Koel Ko

Genere Lerwa  ( Bonaparte..... 1786 )  

La specie, a seconda dei testi presi in considerazione, è monotipica o suddivisa in due sottospecie: 

  • Lerwa l. lerwa......................................Hodgson...........................1833  - Nord-nord-ovest Pakistan, aree orientali himalyane e sud-sud-est Altopiano tibetano e zona di frontiera dell'India settentrionale. La presenza della specie nell'est Afghanistan necessita di ulteriori conferme, anche se apparentemente si trovano nelle regioni di confine con l'adiacente Pakistan.

  • Lerwa l. maggiore...............................Meinertzhagen R. ............1927  - Cina centrale  dal sud del Gansu al nord e ovest del Sichuan e nord Yunnan ( Non da tutti ritenuta valida )

  • Lerwa lerwa callipigia                           Stegmann.........................1938  - Sud Gansu ( Cina )  Non valida  in quanto ritenuta conspecisica della sottospecie nominale

Distribuzione: Questa specie è diffusa in  PakistanIndiaBhutanNepal  e Cina, dove trova il suo habitat tipico ad alta quota ( Tra 3000 e 5000 m ) sulla catena dell'Himalaya, al limite con le nevi perenni. È l' unica specie compresa in questo Genere. Predilige pascoli alpini e colline aperte sopra il limite della foresta, ma evita le aree rocciose completamente prive di vegetazione. Maschi e femmine sembrano simili nel piumaggio, ma i maschi hanno uno sperone sul lorotarso .

Descrizione e comportamento:  Misura mediamente 35-40 cm di lunghezza, con un peso di 550-700 gr per i maschi, e 450-580 gr per le femmine. Questa specie fu descritta per la prima volta da Brian Houghton Hodgson nel 1833 che classificò la specie come Lerwa, basandosi sul termine con cui i Bhutia ( Antica popolazione nepalese ) definivano questi uccelli, ed inizialmente la inserì nel  genere Perdix come Perdix lerwa. Una sottospecie, L. l.  maggiore fu descritta da Richard Meinertzhagen, mentre L. l. callipigia del sud Gansu è stata osservata da Stegmann nel 1938, ma queste ultime due sottospecie, ed in particolare L. l callipigia, non vengono generalmente riconosciute. La specie è stata conservata in questo genere monotipico a causa di varie peculiarità tra cui il piumaggio del tarso e la mancanza di un chiaro dimorfismo sessuale nel piumaggio.                                                                                                                                            I sessi sono piuttosto simili, tuttavia le femmine sono prive di speroni tarsali, mentre i maschi ne presentano uno spuntato spuntato e talvolta un secondo incipiente.                                             Vivono riuniti in piccoli gruppi solitamente composti da 6 a 8 anni, che però possono arrivare sino a 30 esemplari durante la stagione di non riproduttiva. Venendo disturbati, di norma si involano verticalmente prima di disperdersi con rumorosi e veloci battiti d'ali. Durante le ore pomeridiane, e se il tempo lo permette, ha l'abitudine di utilizzare le rocce per scaldarsi e fare bagni di sole. Si dice che la chiamata nella stagione riproduttiva assomigli a quella del francolino grigio delle pianure, e caratterialmente paragonata ( Come abitudini ) alla pernice bianca. L'alimentazione è basata su muschi, licheni, bacche, germogli di piante e probabilmente anche insetti di vario genere. La stagione riproduttiva va da maggio a luglio. Si ritiene che i maschi siano monogami. La deposizione consiste da 3 a 5 uova, di colore giallo pallido e leggermente lucide segnate di bruno-rossastro sull'estremità arrotondata. E' la sola femmina ad occuparsi dell'incubazione, mentre il maschio fa da sentinella stando ritto sulle zampe. 

Lerwa lerwa major è distnguibile dalla forma nominale per le maggiori dimensioni, le parti superiori meno fulve e quelle inferiori mediamente più chiare, ma presumibilmente questo cromatismo non è costante  e probabilmnte dovuto solo a variazioni territoriali.

Lerwa lerwa lerwa ( Pernice delle nevi )..................................Hodgson............................1833

Foto da :  1- 3 www.orientalbirdimages.org  Autori:  Aseem Kumar Kothiala - Bhavesh Rathod     -    2  www.ebird .rg Autore:  Rajesh Panwar 

1 -  Lerwa lerwa lerwa maschio                                                                 2 -  Lerwa lerwa lerwa femmina                                                            3 -  Lerwa lerwa lerwa maschio

Lerwa lerwa major ( Pernice delle nevi maggiore )................Meinertzhagen R. ............1927

Foto da :  1  www.birdnet.cn Aurore: lentamente 129 ( tradotto dal cinese )    -   2   Autore Koel Ko    -   3   www.hbw.com  Autore:  Phillip Edwards 

1 -  Lerwa lerwa major maschio                                                                 2 -  Lerwa lerwa major ( Coppia )                                                           3 -  Lerwa lerwa major maschio

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                     

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

Uno   speciale   ringraziamento  per  l'aiuto fornitomi a :

James Pfarr                                                 Saul Villagrana                                            Steve Keller                                          Friedrich Esser                                            Njal Bergè 

birdnet.cn

orientalbirdimages.org 

Le informazioni relative allo stato di conservazione in natura sono state tratte da Wikipedia.

 

Per accedere a Wikipedia clicca sul logo qui a fianco.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...