Lophura edwardsi

Lophura edwardsi.....da - www.ibc.Iynxeds.com - Autore Tomasz Doron

LUOGO DI ORIGINE

STATO DI CONSERVAZIONE IN NATURA

ESTINTO|   |    |    |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   NON A RISCHIO

                                                                                                                                                                                                                                                                                             GENERE LOPHURA   ( FLEMING,  1822 )                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  LOPHURA  EDWARDSI   ( OUSTALET,  1896 )

FAGIANO  di  EDWARDS                                                                                                                                                                                                    

                                                                                                                                                                                                                    ORDINE...............GALLIFORMES.

FAMIGLIA............PHASIANIDAE.

GENERE..............LOPHURA.

SPECIE................EDWARDSI.

 

Scoperto  e   descritto per  la prima  volta nel 1896, non se ebbe  più notizia sino  al                                                                                                                               1923 quando  Delacour  nel mentre di una spedizione ritrovò la specie  nell'Hannan,                                                                                                                               provincia del Vietnam  centrale, mentre  il nome scientifico  commemora l'ornitologo                                                                                                                               e paleontologo francese Alphonse Milne-Edwards ( 1835-1900 ) che fu direttore del                                                                                                                           Museo di Storia Naturale di Parigi.

 

ITALIANO =  Fagiano  di  Edwards  |  INGLESE =  Edward's  Pheasant  |  FRANCESE =  Faisan d'Edwards | SPAGNOLO = Faisan de Edwards | TEDESCO = Edwardsfasan.

 

SPECIE: Nominale < LOPHURA EDWARDSI >  ( CITES-A per entrambe le sottospecie )

 

SOTTOSPECIE:  Monotipico  -  Alcuni autori insistono a considerare la specie suddivisa in due.2 sottospeciei:

Lophura edwardsi edwardsi…........fagiano di Edwards…..................................................................OUSTALET...............................1896.

*  Lophura edwardsi hatinensis…...fagiano vietnamita.... ( non più ritenuto valida )...........................VO-QUY & NGONG QUANG...1965.

*  Scoperto nel 1965 in una regione centrale del Vietnam, il L. E. HATINENSIS fu ufficialmente riconosciuto come  specie da Vo Quy nel 1975, mentre da alcuni autori veniva ancora ritenuto una sottospecie di L. E. EDWARDSI. Tuttavia recenti studi hanno stabilito che si tratta di una varietà instabile prodotta da incrocio. In natura, pur non essendoci avvistamenti confermati ormai da molti anni, si presume che vi possano essere qualche esemplare dato che nel 2009 nel nord Hai Van ( Vietnam centarle ) venne catturata una femmina di L. e hatinensis. 

Da: Simon Mahood​ < Wildlife Conservation Society > : Il fagiano vietnamita ( Lophura hatinhensis ) è stato descritto nel 1975 da un esemplare maschio simile a Lophura edwardsi, ma che presentava quattro piume della coda bianche, anziché blu scuro metallizzato come nella forma nominale. Come L. edwardsi è poco conosciuto e altamente minacciato in natura. Per chiarire le perplessità rigiardanti la sua curiosa distribuzione e dubbia peculiarità morfologica, nonché lo status tassonomico di L. hatinhensis, abbiamo esaminato la morfologia di esemplari in cattività di entrambi i taxa, e analizzato il DNA mitocondriale. Queste linee di prova hanno dimostrato che i soggetti che esibiscono il fenotipo hatinhensis probabilmente rappresentano solo una variazione di L. edwardsi. Pertanto L. hatinhensis dovrebbe essere rimosso dalla Lista Rossa IUCN e da altre liste di controllo delle specie esistenti. 

Personalmente non ho mai creduto si trattasse di una specie, ma piuttosto una mutazione di L EDWARDSI, oppure un ibrido occasionale con Lophura nycthemera, ciò che è stato confermato dai recenti studi, altrimenti non si spiegherebbe il perché sia della variabilità delle parti bianche, quanto dei rarissimi avvistamenti e/o catture.

** Lophura imperialis.......................fagiano imperiale.......( non più ritenuto valida ).........................DELACOUR & JABOUILLE.....1924.                                                ** Per foto e spiegazioni, vedere a fondo pagina.                                                                                                                                                     

                                                                       

LUOGHI DI ORIGINE: L. E. EDWARDSI è endemico del centro-sud del Vietnam ( Annam centrale ), con  la  massima concentrazione di uccelli che si verifica all'interno ed intorno alla riserva naturale di Ke-Go nella  provincia  di  Ha-Tinh, ed  è  anche presente in alcune aree delle province di Quang-Tri e Thua-Thien. Mentre la sottospecie L. E. HATINHENSIS si  trova, o dovrebbe trovarsi, solitamente più a nord, in zone collinari ricoperte da fitta vegetazione.

 

HABITAT NATURALE e COMPORTAMENTO: Si tratta di una specie dalle  piccole  dimensioni, perfettamente  adattata  al  tipo  di  ambiente   fitto  ed intricato in cui solitamente vive. Predilige foreste  umide  di  semi-sempreverdi e  pluviali  di  pianura, aree costiere o bassa collina sino a 500 metri  di  altitudine,  pur essendo difficilmente avvistabile  sopra i 300 metri, caratterizzate da  lussureggiante  vegetazione  dominata  da  rampicanti  e  intricato sottobosco, come pure in secondarie e radure erbose nelle quali suole spollinarsi e fare bagni di sole. In alcune zone i territori del fagiano di EDWARDS si sovrappongano a quelli del L. IMPERIALE, anche se il primo è  solitamente distribuito più a sud, cosa che invece non si verifica tra EDWARDSI e HATINHENSIS. Allo stato selvatico non si conosce quasi nulla sul comportamento sociale e riproduttivo della specie, ne tanto meno si è certi sull'età in cui iniziano a riprodursi, che potrebbe essere al primo, al secondo se non addirittura al terzo anno di vita, tuttavia alcuni indizi portano a presumere che possano essere monogami. Per quel poco che ne sappiamo il nido viene realizzato direttamente sul terreno e consiste in una buca poco profonda modellata dalla femmina e rifinito grossolanamente con materiali morbidi ed asciutti trovati nelle immediate vicinanze, e nascosto nel fitto della vegetazione in un luogo tranquillo e sicuro, al riparo per quanto possibile dalle abbondanti piogge. Di norma vengono deposte 2-8 uova, rotonde di colore rosa disseminate di macchioline fulvo-crema incubate, per quel che ne sappiamo, dalla sola femmina con il maschio appostato nelle immediate vicinanze a fare la guardia, ma una volta schiuse si riunisce alla famigliola aiutando con fervore la compagna ad allevare la prole.

 

STATO DI CONSERVAZIONE IN NATURA: La specie secondo gli organismi preposti al controllo parrebbe destinata ad estinguersi in tempi relativamente brevi se non si interviene tempestivamente con efficaci piani di conservazione. Le aree storiche dove vivevano abitualmente sono ormai distrutte, spogliate di quella che sino a non molti decenni fa corrispondeva ad una lussureggiante vegetazione primaria dal massiccio uso di prodotti chimici e/o defoglianti fatto dagli americani durante la guerra del Vietnam, e successivamente convertite dai locali in aree agricole. Tuttavia la perdita di habitat naturale è continuata, ed attualmente purtroppo le cose non sono migliorate dato che il disboscamento è ancora in atto soprattutto in pianura con intere foreste distrutte, mentre le poche rimaste sono sotto forte pressione e vivono una lenta agonia, soggette come sono a tagli continui e spesso incontrollati, facendo sì che le già piccole e frammentate popolazioni siano in continuo calo. Senza dimenticare la caccia e le catture non autorizzate, effettuate a terra sfruttando le trappole normalmente utilizzate per i mammiferi, di soggetti vivi che vanno ad incrementare il commercio illegale di animali. In ogni caso i dati sino ad ora elaborati e basati su notizie provenienti dai luoghi di origine non bastano a tracciare un quadro preciso sullo stato attuale della specie, che rimane più che mai confuso.

 

CARATTERISTICHE PRINCIPALI e DIMORFISMO SESSUALE: Nella sottospecie L. E. HATINHENSIS il maschio si differenzia dalla forma nominale per la coppia di timoniere centrali bianche che assieme alla cresta, possono essere leggermente più lunghe rispetto a quelle di quest'ultimo, mentre le femmine delle due sottospecie risultano molto simili, pur essendo la vietnamita un pochino più scura. La presenza di piccole differenze nel piumaggio e l'assenza di sovrapposizioni dei territori, inducono a pensare che il vietnamita potrebbe anche essere un conspecie del L. EDWARDSI e non una sottospecie dello stesso, oppure il risultato di una serie di incroci avvenuti all'interno di una piccola e isolata popolazione, del resto una simile variazione pare essersi verificata anche in cattività tra esemplari appartenenti alla specie nominale. Sono uccelli abbastanza longevi con il record di un maschio iscritto nel registro genealogico internazionale e vissuto sino all'età di 22 anni. Un altra caratteristica che contraddistingue questi fagiani riguarda le femmine che a partire da 6-8 anni di vita  possono andare soggette ad una forma di “mascolinizzazione” ( gynandria ), condizione abbastanza comune in altre specie come i pesci, e se pur meno frequentemente, anche nei rettili, ma pressoché unica negli uccelli.

Nel MASCHIO la livrea uniformemente blu-nero metallico, per quanto sobria, è indubbiamente appariscente, ed inoltre è talmente iridescenze da farlo apparire di raso, che diviene ancor più intensa quando si trova esposta alla luce solare. Il capo è caratterizzato da una breve e ispica cresta bianca, molto più corta rispetto a quelle dei suoi congenere;lati della testa con evidenti porzioni di pelle nuda rossa attorno agli anelli oculari che si  ingrossano e papillano quando il maschio si trova in uno stato di eccitazione, o durante il corteggiamento. Coda corta, becco bianco-verdognolo e zampe rossicce con tarsi dotati di forti  speroni.

Nella FEMMINA il piumaggio è generalmente marrone-grigio senza iridescenze, con ali e coda che presentano sfumature più calde e nerastre. La cresta è praticamente inesistente;zone di pelle nuda rossa attorno agli anelli oculari meno ampie e vellutate rispetto a quelle del maschio, coda breve, zampe rossicce con tarsi privi di speroni, o solo minimamente accennati.

I GIOVANI di entrambi i sessi sono molto simili alle femmine adulte, con i maschi che dopo i tre mesi di vita si rendono distinguibili per la presenza di piume blu-nere sparse su tutto il corpo, mentre le giovani femmine sono caratterizzate da variegature nerastre sulla parte alta del dorso ( mantellina ), scapolari e copritrici.

 

VALORI FISICI: ( la sottospecie hatinensis è pressoché simile alla forma nominale )

MASCHIO: Lunghezza totale 60-65 cm.......lunghezza della sola coda 20-30 cm.......peso 0, 9-1, 2 kg.

FEMMINA: Lunghezza totale 45-55 cm.......lunghezza  della sola coda 15-25 cm.......peso 0, 8-1, 0 kg.

 

STATO DI CONSERVAZIONE IN CATTIVITA': Da ricostruzioni fatte attraverso gli archivi di Clerés risulta che già nel 1922 Labouille, collaboratore di Delacour, era riuscito ad ottenere una coppia di L. EDWARDSI mandatagli dalla regione di E-Lailang ( Vietnam ), un maschio dalla regione di  Vinh-Linh ( Vietnam ) e successivamente altri quattro maschi provenienti sempre dalle stesse regioni. Stranamente di questi sette soggetti non se ne seppe più nulla, e non esistono altri articoli riguardanti l'evento. Ed ufficialmente la specie risulta in cattività dal 1923/1924, e cioè da quando Delacour partecipò alla già menzionata spedizione nel Vietnam centrale che gli permise di catturare 22 soggetti vivi 15 dei quali vennero spediti in Francia nel maggio del 1924, e questa si può considerare come la prima importazione  riconosciuta di L. EDWARDSI. Delacour portò a Clerés 4 maschi e 3 femmine che sopravvissero adattandosi perfettamente alla cattività, tanto che nel 1952 cominciarono a riprodursi, mentre gli altri 8 esemplari furono offerti a Zoo e collezioni private di amici, fra i quali c'era anche A. Ghigi. Nel 1926 Delacour decide di recarsi in Giappone partendo direttamente dal Vietnam non senza prima aver spedito in Francia esemplari di I. RUFA, I. IGNITA ed alcuni GALLUS, ma stranamente nessun L. EDWARDSI, o perlomeno non risultano dai registri, mentre ne portò con sé tre capi, due maschi ed una femmina, da regalare al suo caro amico Taka Tsukasa, è curioso constatare che Labouille annota sul suo taccuino che in Giappone furono portati una femmina e tre maschi per il Dr. Kuroda, anche se molto probabilmente si tratta di un errore. Altri esemplari furono catturati in Vietnam e portati a Clerés da Delacour e Labouile tra il 1928 e il 1930, nel frattempo però in Inghilterra anche Spedam Lewis, proprietario di importanti collezioni di animali, nonché amico di Delacour, era sicuramente in possesso di alcuni esemplari appartenenti a questa specie perché nel 1929 riuscì ad allevare un numero, per quanto imprecisato, imprecisato di piccoli.                                 RICAPITOLANDO: si ritiene che circa 28 L. EDWARDSI siano stati stati catturati da Delacour durante missioni in Indocina fatte prima della guerra, dei quali due terzi furono mandati a Clerés, in Francia, quattro in Inghilterra e tre o quattro in Giappone. Per quanto ne sappiamo da allora non ci sono più state importazioni, inizialmente a causa della seconda guerra mondiale, ed in seguito a quella civile in Vietnam, alla quale fece seguito un lungo periodo post-bellico in cui i rapporti con questo paese non erano certo facili. E' altresì possibile che soldati americani di ritorno in licenza, oppure a guerra terminata, intravedendo un possibile profitto, abbiano portato con loro in USA e Canada alcuni esemplari di questi fagiani, tuttavia non essendoci prove a conferma del fatto, il tutto rimane a livello ipotetico. Questa trentina di soggetti arrivati in Europa tra il 1924 ed il 1930, non considerando le annotazioni di Labouille del 1922, sono da ritenersi i capostipiti di tutta l'attuale popolazione in cattività. In contrapposizione a quanto si è sempre creduto, e cioè che Clerés fosse l'unico centro per la propagazione della specie, si è scoperto che i soggetti attualmente  presenti nelle varie collezioni provengono invece da diversi allevamenti esistenti all'epoca. Ai giorni nostri pur rimanendo poco comune e rappresentato solo da poche centinaia di individui negli allevamenti di tutto il mondo, il loro numero rimane comunque stabile. Tuttavia l'alta consanguineità può portare nel medio/lungo termine alla degenerazione della specie, e considerato l'incerto futuro di questi fagiani nei luoghi di origine, l'importanza di mantenerne la vitalità genetica in cattività a ormai assunto carattere di primaria importanza. Purtroppo bisogna segnalare diversi incroci più o meno involontari, soprattutto con L. SWINHOE, con ibridi che spesso risultano del tutto simili al L. EDWARDSI.

 

CARATTERE ED ADATTAMENTO ALLA CATTIVITA': Piccoli, forti, resistenti e poco sensibili alle malattie, tanto da essere considerati al pari degli ARGENTATI fra i più rustici rappresentanti della famiglia dei fagiani. Di facile allevamento si dimostrano solitamente timidi e silenziosi apparentemente indifferenti a tutto quello che li circonda, passando la maggior parte del tempo nella penombra del rifugio o nascosti in qualche angolo della voliera. Dotati di un forte istinto famigliare sono pronti a condividere il cibo anche con piccoli di altre specie e accorrere, o quantomeno cercare di farlo, in loro aiuto sentendoli pigolare pur trovandosi in un'altra voliera, comportamento del tutto simile a quello delle chiocce domestiche. Si tratta di animali tranquilli dotati di una personalità particolare e interessante che spesso li spinge ad ignorare gli esseri umani, e fatto unico fra i fagiani sembrano amare la pioggia, cosa che potrebbe essere in qualche modo collegata alle loro origini tropicali ed al clima umido e piovoso che contraddistingue quei luoghi. Tollerando molto bene sia il freddo che le intemperie di ogni tipo, tanto da poter rimanere all'esterno anche nei mesi invernali. I maschi durante il periodo riproduttivo possono dimostrarsi aggressivi nei confronti delle femmine, che se non vengono in qualche modo “aiutate”, a causa delle continue richieste amorose dei compagni possono venirsi a trovare in situazioni poco piacevoli, soprattutto se l'ambiente in cui si trovano non è sufficientemente ampio, privo di vegetazione e/o nascondigli artificiali che consentano a loro di nascondersi alla vista dei focosi partner. E' altresì possibile che trovandosi in ambienti spogli e mancanti di nidi artificiali, qualche femmina inizi a beccare le uova per poi mangiarsele e una volta presa questa deprecabile abitudine è quasi impossibile che la perdano. Purtroppo sono da segnalare anche casi di maschi paragonabili a dei killer spietati, dominati da uno stato aggressivo completamente fuori controllo che li induce ad uccidere tutte le femmine alle quali vengono accoppiati. In casi come questi, che tuttavia possono coinvolgere ogni specie, compresa quella umana, c'è poco da fare, se non isolare il soggetto dopo essersi però assicurati che non si tratti di incompatibilità caratteriale o di forte stress dovuto a voliera e/o ambiente non adeguato. Con i dovuti accorgimenti possono essere lasciati in regime di semi-libertà.

( Approfondimenti in: PARTE GENERALE - Come gestire l'aggressività dei maschi - Progetti e attrezzature - Spazio-Rip )

 

ETA' RIPRODUTTIVA: In genere i maschi sono atti a riprodursi nel primo anno di vita mentre le femmine risultano sessualmente mature a due anni, ma grazie fors'anche al tipo di alimentazione, incroci avvenuti nel tempo e/o clima, sono spesso feconde già nel primo. Ciò nonostante per entrambi i sessi il massimo tasso sia di fertilità che di deposizione è raggiunto a circa quattro anni di vita.

 

TIPO DI ACCOPPIAMENTO: Indipendentemente da quanto avviene allo stato selvatico, in cattività vengono tenuti in condizione di monogamia, pur essendoci casi riconosciuti di trii che si riproducono con regolarità e senza problemi. A causa del carattere aggressivo che spesso contraddistingue gli individui appartenenti a questa specie, è consigliabile formare le coppie con soggetti giovani, nettamente più adattabili e tolleranti. Ostico invece quello con esemplari adulti, soprattutto nel caso si debbano sostituire per qualche motivo le femmine, dato che i maschi possono dimostrarsi estremamente violenti nei confronti delle nuove partner, ed in special'modo quando queste sono introdotte nelle voliere in cui alloggiano già da tempo, e che quindi considerano come loro territorio. Ciò nonostante trovandoci nella condizione di doverlo fare, senza però avere la necessità di un riaccoppiamento immediato, è preferibile attendere pazientemente la fine del ciclo riproduttivo, quando i maschi entrano in muta e risultano meno nervosi. Ma se per qualche malaugurato motivo si fosse costretti ad agire con una certa urgenza, è consigliabile che prima dell'accoppiamento la femmina venga alloggiata per qualche tempo in una voliera, o grosso gabbione, adiacente a quella in cui si trova il maschio in modo che possano simpatizzare, o perlomeno sperare che lo facciano, e poi portare il maschio, e mai viceversa, dalla femmina. Oppure togliere il maschio per qualche giorno dalla voliera in cui è abitualmente alloggiato, e lasciare ( o portare ) che nel frattempo la femmina famigliarizzi con il nuovo ambiente prendendone “possesso”, dopo di che si può provare ad inserire nuovamente il maschio. Se l'aggressività permane non rimane che isolare il soggetto, o attendere un periodo più favorevole.  ( Approfondimenti in: PARTE GENERALE - Come gestire l'aggressività dei maschi - Progetti e attrezzature - Spazio- Rip )

 

PERIODO RIPRODUTTIVO: I maschi iniziano molto presto, accennando i primi vigori sessuali già a fine gennaio inizidi febbraio, con le prime uova solitamente prodotte verso la metà di marzo, ma anche prima per le femmine adulte quando le condizioni climatiche sono favorevoli, mentre le giovani possono ritardare la deposizione sino agli inizi di aprile, ed a seconda dei casi, protrarsi per tutto luglio e parte del mese di agosto, nel caso in cui le uova vengano raccolte.

 

TIPO DI NIDO: Le femmine sono generalmente dotate di un buon istinto materno, ed essendo anche adattabili sono solite utilizzare qualsiasi tipo di nido artificiale venga loro messo a disposizione, sia a terra che sollevati dal suolo. In mancanza di questi è probabile che depongano in buche poco profonde scavate in angoli tranquilli di voliera e/o rifugio. Può altresì succedere che alcune femmine prima di utilizzare i nidi appositamente preparati o di approntarseli, oppure perché non predisposte alla cova, depongano le uova in giro per tutta la voliera. Nel caso di femmine con il deprecabile vizio di beccare le uova è consigliabile l'uso di nidi di sicurezza a doppio fondo che hanno lo scopo di occultare l'uovo alla vista della fagiana. Questo tipo di nido non può essere utilizzato per la cova.

( Approfondimenti in: PARTE GENERALE - Tipi di nido )

 

UOVA DEPOSTE STAGIONALMENTE: Nel caso di cova naturale vengono solitamente deposte 2-6 uova ad intervalli di 24-36 ore fra uno e l'altro, con una media di 6-8 quando le femmine raggiungono il massimo della fertilità, cioè intorno ai 4 anni di vita. Tuttavia se raccolte può verificarsi una seconda deposizione e talvolta addirittura una terza, che solitamente consiste in sole due o tre uova, spesso non fertili, per un totale complessivo di 18-20. L'intervallo tra una deposizione e  l'altra

( periodo di riposo ) varia da 6-7 a 20-21 giorni, con una media che si aggira intorno alle due settimane.

 

PERIODO DI INCUBAZIONE e SCHIUSA: L'incubazione mediamente si protrae per 23-24 giorni, con le femmine che spesso dimostrano non solo di essere buone covatrici, ma anche ottime madri crescendo amorevolmente i loro piccoli. Nel frattempo il maschio, che solitamente si dimostra tollerante nei confronti della partner,  può essere lasciato in voliera, ma deve essere prontamente allontanato nel caso in cui la disturbi mentre è intenta a covare, oppure abbia a dimostrare aggressività nei confronti dei nuovi nati, nonostante il più delle volte si comportino da padri affettuosi e molto attenti, o perlomeno isolato in un grosso gabbione o serraglio che in caso di necessità, e sempre che le misure lo consentono, può essere realizzato all'interno della stessa voliera utilizzando dei telai in rete metallica. Tuttavia sia con l'incubazione artificiale  < Temperatura pari a 37, 6-37, 7 gradi, con circa il 55-56% di umidità > che usando gallinelle o fagiane di altre specie, si possono ottenere eccellenti risultati. I piccoli non presentano particolari difficoltà d'allevamento e possono essere associati ad altri purché non aggressivi e/o dominanti, ciò nonostante all'età di circa due mesi vanno separati, ed anche prima se dovessero verificarsi dei problemi di pacifica convivenza dovuti ad intolleranza reciproca. A tre o quattro mesi, anche in relazione al loro sviluppo, è già possibile costituire le coppie di futuri riproduttori cercando per quanto possibile

di associare esemplari che siano caratterialmente compatibili.

 

ALIMENTAZIONE PER PULCINI e FAGIANOTTI: Non presenta nessuna difficoltà e può essere attuata attraverso normali composti commerciali ( mangimi bilanciati ) da somministrare a seconda dei tipi, ed in relazione ai periodi di vita. Con aggiunta di cereali, erbe, verdure e frutta, oltre a integratori alimentari e vitamine se e quando ritenuti necessari. A 3-4 mesi di vita è altresì possibile cambiare il tipo di dieta in uso portandola inizialmente ad essere mista, cioè composta da mangime e granaglie spaccate  o un mix per piccioni, e successivamente, ammesso che ci si voglia orientare verso questo tipo di alimentazione, costituito esclusivamente da cereali spaccati e/o interi o dal mix per piccioni.  ( Approfondimenti in: PARTE GENERALE - Alimenti e alimentazione )

 

ALIMENTAZIONE PER ADULTI e RIPRODUTTORI: A circa 4-5 mesi di vita si inizia a fornire quello che sarà l'alimento base per la maggior parte dell'anno, che soprattutto per praticità è solitamente costituito da   mangime granulare o pellettato da mantenimento o riposo per fagiani, integrato da una manciata di granaglie intere e/o spaccate, del solo grano oppure un buon mix per piccioni. Come già precedentemente esposto è altresì possibile una dieta sia mista che costituita esclusivamente da cereali o mix per piccioni. Con l'approssimarsi, così come durante il periodo riproduttivo, è preferibile sostituire il mangime da mantenimento con un tipo specifico per ovaiole di fagiano. In ogni stadio della vita, periodi dell'anno e/o tipi di alimentazione una buona integrazione a base di erbe, verdure e frutta a pezzetti è necessaria al loro benessere psico-fisico.  ( Approfondimenti in: PARTE GENERALE - Alimenti e alimentazione - Progetti e attrezzature ) 

 

PULCINAIA e PARCHETTI PER SVEZZAMENTO: Approfondimenti in: PARTE GENERALE - Pulcinaia e parchetti per svezzamento.

 

VOLIERA PER ADULTI: Quando si tratta di specie ben adattate non esistono regole riguardanti le misure della voliera, se non quelle dettate dal buon senso, e se la coppia ( o trio ) convive senza particolari problemi, cosa che purtroppo non sempre si verifica, non richiedono grandi strutture. Ciò nonostante è preferibile che la voliera in cui vengono alloggiati sia almeno di 15-20 mq, e alta non meno di 2, 00-3, 00 metri, tenendo tuttavia ben presente che più spazio assegneremo ai nostri EDWARDS, migliore sarà la loro esistenza, ed il comportamento molto più naturale ed equilibrato, favorendo nel contempo anche la riproduzione. Pur tollerando bene sia il freddo quanto il caldo, è preferibile che alla voliera venga annesso un rifugio non necessariamente coibentato in grado di poterli comodamente ospitarli e nel contempo difendere dalla luce troppo intensa, nonché proteggere da pioggia e vento, così come durante i lunghi periodi di maltempo particolarmente umidi e uggiosi, o più semplicemente quando sentono il bisogno di isolarsi in cerca di tranquillità, con al suo interno almeno un posatoio sopra il quale indugeranno a lungo durante le afose giornate estive.   ( Approfondimenti in: PARTE GENERALE - Voliere per adulti - Gestione della voliera - Tipi di rifugio ) 

Lophura e. edwardsi femmina....da - www.plumes-oiseux.forumactif.org

Lophura e. edwardsi ( Fagiano di Edwards ) 

1 - Lophura edwardsi edwardsi                                                                 2 - Lophura edwardsi edwardsi ( Femmina )                                     3 - Lophura edwardsi edwardsi maschio mutato     

Lophura e. hatinensis ( Fagiano vietnamita )....... Specie non più riconosciuta

Foto da :  1 Autore: @Peter Stubbs  -  2  www.uniprot.org  -  3  www.pinterest.com  

1 - Lophura edwardsi hatinhensis                                                  2 - Lophura edwardsi hatinhensis ( Coppia )                           3 - Lophura edwardsi hatinhensis     

Edward hatinensis +.jpg

Lophura e. hatinensis ( Fagiano vietnamita )....... Specie non più riconosciuta

Foto da :  1- 2 - 3  Artur Santos

1 - Lophura e. hatinhensis ( Femmina con prole )                                 2 - Lophura e. hatinhensis ( Pulcini )                                                   3 - Lophura e. hatinhensis ( Femmina con prole )     

9 artur santos.jpg

Lophura e. edwardi (  Mutato )

Foto da :  1-2-3  Autore: Jorge Vog     

1 - Lophura e. edwardsi maschio leucistico                                            2 - Lophura e. edwardsi femmina leucistica                                     3 - Lophura e. edwardsi maschio leucistico

Lophura imperialis ( Fagiano imperiale )  

Foto da :  1 www.pinterest.com  -  2  John Corder WPA  -  3  James Pfarr

1 - Lophura imperialis                                                                               2 - Lophura imperialis                                                                                 3 - Lophura imperialis

Premessa:

La maggior parte degli autori e/o appassionati considera il L. IMPERIALIS un ibrido tra L. EDWARDSI e L. NYCTHEMERA ANNAMENSIS, tuttavia questo non sembrerebbe possibile in quanto le aree abituali del L. EDWARDSI risultano molto più a nord rispetto a quelle del congenere L. N. ANNAMENSIS, quindi l'incrocio ( in natura ) è più verosimile che possa avvenire tra L. EDWARDSI e L. N. BERLIOZI o BELI. L'equivoco iniziale, ammesso che si possa considerare un equivoco, è probabilmente nato dal fatto che Delacour ( per primo in occidente ) incrociando L. EDWARDSI con L. N. ANNAMENSIS ( appunto ), ottenne ( sicuramente dopo varie selezioni della progenie ) dei soggetti simili alla coppia acquistata in Vietnam e che classificò come L. IMPERIALIS ( Delacour - Jabouille 1924 ) in onore dell'imperatore di quel Paese.

Ma perché Delacour dopo aver descritto e classificato IMPERIALIS come specie, cercò di riprodurlo anche attraverso l'incrocio ? E come mai utilizzò, a quanto pare,  proprio L. N. ANNAMENSIS quando sapeva benissimo che in natura  le due specie ben difficilmente potevano venire in contatto ? A Cleres non mancava di certo la materia prima intesa come varietà di specie e sottospecie, ma forse  preso dal dubbio, e magari riconoscendo nella coppia acquistata caratteristiche che ricordavano ANNAMENSIS, intendeva inequivocabilmente dimostrare a se stesso, presumendo che difficilmente avrebbe ammesso l'errore, la loro origine ibrida ( che fosse un ibrido era anche il parere del marchese Yamashima, e questo divenne un problema mai risolto tra i due ). Oppure che utilizzando L. EDWARDSI come "base", l'incrocio poteva essere effettuato anche con altre sottospecie di L. NYCTHEMERA a "coda corta o scuri", e forse anche con L. LEUCOMELANOS  ( kalij ) chiari tipo LINEATA o CRAWFURDI, ottenendo lo stesso risultato dopo accurata selezione e re-incrocio della progenie. A tale proposito non si deve scordare che gli studi effettuati ( vedere di seguito ) tra presunti incroci incroci naturali e forzati a scopo sperimentale, le sottospecie coinvolte sono già 5 = L. EDWARDSI - BERLIOZI - BELI - ANNAMENSIS - SWINHOEI - ( NOTA : ANNAMENSIS non è più presente nell'avicoltura occidentale ).

          

ESTRATTO DEGLI STUDI CONDOTTI  DAL TEAM FORMATO DA : Hennache A. - Rasmussen P. - Lucchini V. - Rimondi S. - Randi E. ( 2003 ) 

Il Lophura imperialis venne descritto per la prima volta nel 1924 da una coppia di esemplari acquistati in Vietnam e che divennero i capostipiti di tutti gli IMPERIALIS presenti nell'avicoltura francese dell'epoca.

Considerato da sempre una specie fortemente minacciata e misteriosa che nonostante ricerche accurate non fu più ritrovata sino al 1990 quando venne catturato un esemplare, quindi i pochi esemplari prodotti in allevamento dalla coppia  proveniente dal Vietnam a poco a poco si estinsero.

Il suo stutus come specie distinta è stato indiscusso sino alla fine del 1990 quando è stata sollevata la possibilità di un origine ibrida. Per chiarirne lo status sono stati studiati tutti gli esemplari museali esistenti ed effettuati esperimenti di ibridazione in cattività, analizzato il DNA mitocondriale e microsatelliti. Tutte queste analisi dimostrano congruentemente e definitivamente che IMPERIALIS è un ibrido tra occasionale fagiano argentato L. NYCTHEMERA e L. EDWARDSI. Mentre l'esemplare catturato nel 1990 tra L. NYCTHEMERA e L. E. HATINENSIS. Tuttavia l'ibridazione con L. NICTHEMERA rappresenta un ulteriore minaccia per la sopravvivenza in natura di L. EDWARDSI  e L. HATINENSIS.

L'incrocio più probabile  è  tra L. EDWARDSI e L. N. BERLIOZI, ed anche quello che ha prodotto gli esemplari più somiglianti alla coppia  "originale", infatti due dei tre maschi erano simili al maschio acquistato da Delacour in Vietnam , mentre il terzo più in linea con l'esemplare catturato nei primi mesi del 2000 a Da Krong ( Vietnam ).

La maggior parte delle anomalie riguardanti il piumaggio degli ibridi prodotti a Cleres durante gli studi, erano  ben visibili anche negli esemplari museali, cosi come le macchie chiare sulla coda presenti anche nel soggetto catturato nel 1990.

Tuttavia il maschio  acquistato e descritto da Delacour non poteva essere un ibrido di prima generazione, bensi il risultato di un "backcross"  di L. EDWARDSI oppure un abbinamento di ibridi di prima generazione.

Le analisi confermano l'origine ibrida di  IMPERIALIS. Tutti i risultati delle analisi del DNA sequenziale condotte sulle pelli museali, erano speculari a quelle di L. EDWARDSI. mentre quelle effettuate sull'esemplare catturato nel 2000 e inserito nel gruppo L. NYCTHEMERA i Microsatelliti si dimostrarono identici a L. EDWARDSI oppure una combinazione tra L. EDWARDSI e L. NYCTHEMERA.

L'incrocio che originò la coppia acquistata e descritta da Delacour dovrebbe essere tra L. N. BELI x L. EDWARDSI.

L'incrocio tra L. EDWARDSI x L. N. BELI  originò l'esemplare catturato nel 2000., mentre per il soggetto catturato nel 1990 la questione è più enigmatica dato che L. E. EDWARDSI non è presente nella provincia di Ha Tinh ( Vietnam ) dove invece si trova il conspecie L. E. HATINENSIS.

LOPHURA IMPERILAIS tassonomicamente non è legittimato e dovrebbe essere rimosso dalle specie dichiarate in pericolo di estinzione.

httppeople.ds.cam.ac.uk 6+.jpg

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                     

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

Uno   speciale   ringraziamento  per  l'aiuto fornitomi a :

James Pfarr                                                 Saul Villagrana                                            Steve Keller                                          Friedrich Esser                                            Njal Bergè 

birdnet.cn

orientalbirdimages.org 

Le informazioni relative allo stato di conservazione in natura sono state tratte da Wikipedia.

 

Per accedere a Wikipedia clicca sul logo qui a fianco.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...