Polyplectron schleiermacheri

Polyplectron schleiermacheri....da - World Pheasant Association ( WPA )

LUOGO DI ORIGINE

STATO DI CONSERVAZIONE IN NATURA

Grado Estinzione.jpg

ESTINTO      |    |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |    NON A RISCHIO

                                                                                                                                                                                                                                                                                        GENERE POLYPLECTRON  ( TEMMINCK,  1807 )                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    POLYPLECTRON SCHLEIERMACHERI  ( BRUGGEMANN,  1877 )

SPERONIERE del BORNEO

 

ORDINE.................GALLIFORMES.

FAMIGLIA..............PHASIANIDAE.

GENERE................POLYPLECTRON.

SPECIE..................SCHLEIERMACHERI.

 

I primi esemplari, se  pur  impagliati, arrivati in  Europa  furono  quelli  catturati da                                                                                                                                   G. Fischer ne l sud-est del Borneo ed  inviati al Museo di Darmstadt ( Germania )                                                                                                                                  e   classificati da  Bruggemann  come  POLYPLECTRON SCHLEIERMACHERI in                                                                                                                                   onore di L. Schleiermacher allora direttore del sopracitato Museo.

 

ITALIANO = Speroniere  de l Borneo |  INGLESE = Bornean  peacock  pheasant |                                                                                                                                   FRANCESE = Eperonnier  de   Borneo |  SPAGNOLO = Faisan pavo de Borneo |                                                                                                                             TEDESCO = Borneo pfaufasan.

 

SPECIE: Monotipo < PLYPLECTRON  SCHLEIERMACHERI >  ( CITES-B )

 

SOTTOSPECIE: Nessuna sottospecie sino ad oggi classificata.

 

LUOGHI DI ORIGINE: La specie è originaria del Borneo  con piccole popolazioni                                                                                                                              distribuite nelle regioni di Sarawak, Kalimantan e Sabah.

 

HABITAT NATURALE e COMPORTAMENTO:  Prediligono  terreni   di   pianura  e                                                                                                                                   bassa  collina  sino  ad  un altezza massima di 600-700 metri  sul livello del mare,                                                                                                                                 contraddistinti  da  foreste   pluviali  primarie  ad alto fusto rese impenetrabili dalla                                                                                                                                   lussureggiante  vegetazione  dominata  dai rampicanti, con fondo umido ricoperto                                                                                                                                   da un  abbondante  strato torboso composto da materiali spesso marcescenti fra i quali trovano gli insetti ed i piccoli vertebrati che costituiscono la gran parte della loro dieta, integrata con piccole quantità di erbe, semi vari, germogli, foglie tenere, fiori e boccioli, gemme, frutti e bacche. Di carattere estremamente schivo e diffidente non sembrano portati ad avere atteggiamenti territoriali particolarmente aggressivi, pur essendo i maschi spesso molto nervosi nei confronti delle femmine, ed è possibile che come per in congenere MALACENSE, i loro territori si sovrappongono, soprattutto in determinate zone. In natura la pratica riproduttiva adottata, contrariamente a quanto si è portati a credere, potrebbe essere a carattere poligamo o comunque praticare una poligamia sequenziale o promiscua con i maschi che delimitano piccole aree di corteggiamento all'interno dei territori nel quale le femmine si recano quando sentono il bisogno di accoppiarsi. Tuttavia non è chiaro se siano sempre le stesse o se più femmine frequentino lo stesso partner, oppure si accoppi e/o accoppino regolarmente con maschi diversi a seconda dell'occasione. Anche in riguardo al periodo sussistono parecchi dubbi, ma sembra che favoriti dalle condizioni climatico-ambientali possano riprodursi nel corso di gran parte dell'anno senza cadenze precise. Il nido molto rudimentale consiste in una piccola buca scavata in luogo isolato e grossolanamente rifinita con materiali morbidi e asciutti trovati nelle immediate vicinanze. Eccezionalmente può anche trovarsi sopra ad un ammasso di rami, sterpaglie, grosso cespuglio o ceppo circondato da abbondante vegetazione, così come sulla biforcazione di rami poco distanti dal suolo e ricoperti da rampicanti. Di norma viene deposto un solo uovo per covata, raramente due, incubato dalla sola femmina per circa 21-22 giorni. Appena nato il pulcino è piuttosto grande ed in grado da subito di seguire la madre che durante i primi giorni di vita lo deve praticamente “imbeccare” porgendogli pezzettini di insetti o frutta, il piccolo solitamente rimane con la genitrice per circa due mesi,  dopo di che inizia la sua esistenza solitaria. 

 

STATO DI CONSEVAZIONE IN NATURA: E' il più raro, meno conosciuto e studiato di tutti i POLYPLECTRON. Sino a non molti anni fa sia la W.P.A quanto Birdlife International lo ritenevano estinto. Di questo parere non era Resit Sozer, e dopo sette mesi di ricerche nelle foreste pluviali del Kalimantan ritrovò lo SPERONIERE DEL BORNEO, permettendo alla IUCN di classificarlo come in pericolo di estinzione, mentre la specie a lungo rimasta un mistero era nuovamente disponibile per essere studiata dagli ornitologi di tutto il mondo. Si stima che durante le sue ricerche non vi fossero più di 1000 esemplari, che in aggiunta alle già tante problematiche, dimostrano anche di essere particolarmente sensibili al contatto umano, e spesso durante le osservazioni o catture la loro vita è stata messa in serio pericolo. Proprio per la loro difficile gestione, nella prima metà degli anni novanta del secolo scorso pare che una coppia potesse valere sul mercato internazionale anche 15.000 $. Nel 1998 Sozer, dopo che ebbe ricevuto dal governo locale i permessi per la cattura e la detenzione in cattività di alcune specie di animali, fra i quali c'erano anche gli SPERONIERI del BORNEO, ne inizia l'allevamento con 4 coppie, ed è forse il primo, per lo meno in forma ufficiale, ad attuarlo, nel villaggio di Cikananga nella regione di Sukabumi ( Giava ovest ), più indicata allo scopo dato il clima insolitamente fresco per queste latitudini. In natura le femmine depongono di norma un solo uovo, mentre in cattività si scoprì che levandoli se ne potevano ottenere anche 6-8, così che in circa 4 anni riuscì ad allevare una cinquantina di S. del BORNEO, che erano il risultato di 120 uova prodotte da 4 femmine. Quando gli chiesero quale fosse il segreto del suo successo, rispose semplicemente che conosceva le esigenze di questi uccelli, anche se confessò che il momento dell'accoppiamento è cruciale ed il più difficile da gestire in cattività. L'allevatore deve conoscere con precisione in momento in cui immettere il maschio nella voliera della femmina e poi quando toglierlo, dato che se venissero lasciati perennemente assieme la femmina a causa delle continue e violente richieste amorose del partner, non essendo in grado di eclissarsi come farebbe in natura, potrebbe anche morire per lo stress o rifiutare l'accoppiamento ( di fronte a problematiche di questo tipo, è sicuramente indicato l'utilizzo di una voliera del tipo Spazio-Rip - vedere in Progetti e attrezzature ). Generalmente tra un uovo deposto e l'altro trascorrono 21 giorni con i partner che nel frattempo vivono separati, ma circa 3 giorni prima della presunta deposizione il maschio deve essere fatto "passare" o portato nella voliera della femmina e lì lasciato per circa 3 giorni, o almeno finché l'uovo non viene deposto, per essere subito dopo trasferito. Di norma i segni che preludono alla deposizione sono molto eloquenti, con la femmina che cerca di isolarsi sopra ad un posatoio o rimane accucciata in un angolo con un aspetto affranto e malaticcio. Purtroppo l'aviaria portò alla morte prima la maggior parte dei soggetti adulti, ed appena dopo quasi tutti i piccoli. L'ironia della sorte vuole che i giovani morti fossero solo femmine, o quanto meno si presumeva che lo fossero, così che la situazione attuale vede 9 maschi allevati ed una femmina di cattura, ed è estremamente difficile mantenere in vita un allevamento con una sola femmina.

 

CARATTERISTICHE PRINCIPALI e DIMORFISMO SESSUALE: Il MASCHIO è contraddistinto da un piumaggio generalmente bruno-marrone che nelle parti superiori tende a sfumare in un leggero rossiccio. Sulla sommità del capo presenta un breve cresta grigio scuro con iridescenze viola che può essere eretta durante i rituali di corteggiamento; pelle nuda rossa-arancio attorno ad anelli oculari; copritrici auricolari nere o grigio molto scuro, gola di colore bianco puro dalla quale parte una striscia sempre bianca che scende sino al basso petto rendendolo visivamente suddiviso in due parti di colore verde-bluastro, ventre nero. Ali e zone superiori del corpo sulle quali spiccano numerosi ocelli verdi-blu con iridescenze viola. La coda che si presenta con una colorazione leggermente più chiara rispetto a quella del corpo è composta da circa 24 penne picchettate di marrone scuro e nero, delle quali le prime 10 più corte presentano 2 luminosi ocelli verdi-blu di forma ovale su ogni penna, mentre le rimanenti sono caratterizzate da un solo grande ocello, ad eccezione della coppia centrale che ne presentano due. Iris grigio-bluastro, becco e zampe grigi con i tarsi dotati di due o più speroni.

La FEMMINA è molto simile al maschio, ma con colorazione della livrea complessivamente più opaca e macchiata di nero con ocelli scarsi non ben definiti o quasi inesistenti, spesso sostituiti da macchie scure irregolari. Coda composta da timoniere grossolanamente barrate di nero. Iris castano scuro, pelle nuda arancione carico attorno ad anelli oculari, becco e zampe grigi senza speroni o solo minimamente accennati.

 

VALORI FISICI:

MASCHIO: Lunghezza totale 50-60 cm.......lunghezza della coda 20-30 cm.......peso 0, 550-0, 700 kg. 

FEMMINA: Lunghezza totale 35-45 cm.......lunghezza della coda 15-20 cm.......peso 0, 400-0, 550 kg.

 

STATO DI CONSERVAZIONE IN CATTIVITA': A quanto pare i primi esemplari arrivarono in USA nel 1960 riproducendosi con un certo successo sino a circa il 1970, dopo di ché vi fu un inspiegabile declino. Attualmente non ci sono coppie nidificati sia in Europa che in USA e la specie ormai risulta estremamente rara, se non inesistente fuori dai paesi di origine, ad eccezione di alcune coppie importate nel 2010 da Singapore e concesse in “prestito riproduttivo” ad alcuni allevatori inglesi.

 

VEDERE: < POLYPLECTRON ALLEVAMENTO >

Polyplectron schleiermacheri coppia...da - www.youtube.com

Polyplectron schleiermacheri maschio...da - Autore  Sebastian Tan

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                   

Texts, unless otherwise specified, and projects related to 3D processing (Aviaries and equipment) are protected by the rules on <Copyright> (With the exception of all images or prints concerning GALLIFORMI and other kinds of birds), l The author therefore retains the exclusive right to publish the works and to use them economically, should the occasion arise, in any form and way, original or derivative.

We specify that it is not our intention to violate the rules that protect the COPYRIGHT, but it is also true that on the WEB there are images and / or materials for which the rights are claimed from multiple sources, and being unable for obvious reasons to control the goodness of each , we apologize in advance if we have inadvertently published images and / or materials protected by COPYRIGHT in violation of the law, asking you to communicate it promptly so that we can arrange for their immediate removal.

It is however intended to underline that in addition to what has already been explained above, the publication of photographic material found on the WEB by GBP.BIO is also intended to clarify, limited to its possibilities, the chaos created by images placed on the internet, in a rather superficial way and probably without even having the necessary knowledge on the subject, depicting specimens whose classification being clearly wrong misleads the unsuspecting reader / visitor. Therefore the use of images must be considered as purely educational - didactic - informative.

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

Uno   speciale   ringraziamento  per  l'aiuto fornitomi a :

James Pfarr                                                 Saul Villagrana                                            Steve Keller                                          Friedrich Esser                                            Njal Bergè 

birdnet.cn

orientalbirdimages.org 

Le informazioni relative allo stato di conservazione in natura sono state tratte da Wikipedia.

 

Per accedere a Wikipedia clicca sul logo qui a fianco.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...