- phasianus colchicus : sottospecie -

Stampe 1-3  Phasianus c. principalis  da :  John Gerrard Keulemans   -  2  Phasianus c. colchicus  - da : www.gpeppas.gr

Principalis - John Gerrard Keulemans 1 -
Principalis - John Gerrard Keulemans 1.j

Le sottospecie di phasianus colchicus allo stato naturale ed in cattività:                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         © 2011 World Pheasant Association. International Journal of Galliformes Conservation. 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Articolo di: Thiemo Braasch - Tomas Pes - Stefan Michel - Heiner Jacken

* 1 - Società zoologica per la conservazione delle specie e delle popolazioni (ZGAP), Hans-Adolf-Str. 21, 24306 Plön, Germania

* 2 - Zoo and Botanical Garden Plzen, Repubblica Ceca

* 3 - Nature Protection Team, 77 Lenin Street, Khorog 736000, GBAO, Tagikistan

* 4 - Conservation Breeding Group of WPA, Maarstr. 61, 41238 Moenchengladbach, Germania

* Correspondence author - heiner-jacken@gmx.de

Documento ricevuto il 10 maggio 2010, revisione proposta il 2 agosto 2011, accettata il 1 settembre 2011.

Riassunto:                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Il Phasianus colchicus, o fagiano comune, in molte aree dell'Europa centrale, è elencato come "meno preoccupante" da IUCN, e quindi difficilmente si  arriverebbe a pensare che possa essere una specie in via di estinzione. Tuttavia molte delle 31 sottospecie ( 30 di Pasianus colchicus + 1 di Phasianus versicolor ) distribuite dall'Asia orientale alle montagne del Caucaso e Balcani, sono minacciate a vari livelli. Le prime introduzioni di fagiani comuni nell'Europa centrale avvennero tra il 500 e l'800 d. C. con esemplari provenienti dal Cucaso ( Phasianus colchicus colchicus ), più tardi con Phasianus colchicus mongolicus ( Asia centrale ), e Phasianus colchicus torquatus ( Cina orientale ). In Bulgaria il P. c. colchicue si è estinta a causa delle ibridazioni con fagiani di altre sottospecie. Non esistono molte informazioni relative alle quattro sottospecie che che si trovano attorno al Mar Caspio, ma almeno tre di esse potrebbero essere minacciate. Allo stesso modo, i pochi dati riguardanti le cinque sottospecie distribuite nell'Asia centrale indicano che la maggior parte di esse è a rischio. Tuttavia, è probabile che le popolazioni di P. c. il turcestanicus siano vitali, così come P. c. zerafshanicus e P. c.  bianchii potrebbero addirittura ampliare le loro gamme. Il rilascio in natura di un gran numero di "fagiani da caccia" è una minaccia reale ed incombente in diverse aree. Poiché ci sono state introduzioni di sottospecie alloctone, la situazione del fagiano verde ( Phasianus versicolor ) in Giappone deve essere chiarita. Quindici sottospecie tra Phasianus colchicus e Phasianus versicolor sono conservate in Europa. Queste popolazioni provengono solo da pochi esemplari fondatori e la consanguineità è ormai un grave problema. Sedici sottospecie diverse di P. colchicus e P. versicolor sono mantenute negli USA.

Introduzione:

Il fagiano comune ( Phasianus colchicus ) è elencato nella Lista Rossa IUCN come Least Concern ( BirdLife International, 2008 ). Il nome scientifico Phasianus colchicus deriva probabilmente dal fiume Phasis ( oggi fiume Rioni in Georgia ) e dalla regione Colchis, antico nome di una zona, che si trova nell'attuale Georgia  ( Jelen, 2009 ).  Ad oggi sono state descritte 31 sottospecie, compreso il P. versicolor ( vedi Delacour, 1977) suddiviso as ua volta in tre sottospecie ( McGowan, 1994 ). Altre sottospecie del fagiano comune come P. c. bergii - P. c. europaeus e la sottospecie di kigis del Phasianus versicolor, sono considerate sinonimi e non ampiamente accettate. Sorprendentemente le informazioni relative a questa specie sono poche, fors'anche a causa della vastissima distribuzione e l'essersi costantemente mantenuta lontano dal genere umano  ( McGowan, 1994). Come primo passo alla ricerca di dati sulla specie, sono stati presi in esame varie fonti, formali ed informali, e qui riassunte. Lo scopo era quello di raccogliere informazioni aneddotiche e di altro tipo che altrimenti  potrebbero andare perse e consolidarle in un articolo. E' pertanto necessario esaminare attentamente ciascuna fonte prima di utilizzare le informazioni in essa contenute. Il fagiano comune in Europa proviene da diverse sottospecie e successivi incroci tra gli stessi ibridi ( Harrison, 1982 ). Le prime introduzioni risalgono al 500 d. C. ( Boev, 2000 ) e relative alla sottospecie nominale P. c. colchicus. Nel 18 ° secolo, fu la volta del P. c. mongolicus e P. c. torquatus ( Boev, 2000 ). La gamma originale della specie si estende dalla Siberia orientale all'Indocina, all'Afghanistan, al Caucaso e Balcani sud-orientali ( Hill & Robertson, 1988 ). Oltre all'Europa occidentale e centrale, la specie è stata introdotta nel Nord America, Hawaii, Nuova Zelanda e Australia ( Johnsgard, 1999). In alcune zone, in cui viene rilasciato, la sopravvivenza non è scontata, esempio in Francia, dove in inverno deve essere fornito loro il cibo necessario (Jelen, 2009). Questo articolo non tratta di introduzioni, ma di sottospecie e popolazioni indigene ed il loro status in cattività. 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      Sottospecie allo stato naturale:                                                                                                                                                                                                                                                                                             Il Phasianus colchicus colchicus o fagiano del Caucaso ( meridionale ) è la sottospecie più occidentale del fagiano comune, nonché forma nominale, distribuita in tutti i Balcani, Bulgaria e Grecia ( Boev, 1997 ). Nel sud-est, questa sottospecie era piuttosto comune tra il fiume Maritsa e la costa del Mar Nero fino alla fine del XIX secolo ( Boev, 1997). Dagli anni '50 del secolo scorso, l'unica area che ospita una popolazione indigena è la Riserva Dolna Topchiya in Bulgaria ( Boev, 1997 ). La purezza genetica  è andata persa negli anni '70 a causa delle ibridazioni con i fagiani d'allevamento ( Boev, 1997 ). L'habitat di questa sottospecie consiste i foreste decidue aperte ( Boev, 1997 ). Numerosi gli allevamenti di fagiani sono stati realizzati in tutta la Bulgaria così che negli anni 50 gli esemplari rilasciati a scopo venatorio, ormai ampiamente diffusi su tutto il territorio, hanno spodestato le popolazioni indigene (Boev, 1997). Questi ibridi sono generalmente più grossi e pesanti della forma nominale selvaggia caucasica ( Boev, 1997 ). Contrariamente alle informazioni precedenti, i sotto-fossili risalenti al 6000 a. C. indicano la presenza di fagiani indigeni nei Balcani sud-orientali, quindi che non derivavano da successive  introduzioni prodotte da antiche attività greche, romane o medievali ( Boev, 1997 ). L'unica  popolazione di P. c. colchicus, geneticamente pura sopravvive nelle aree del  Delta del Nestos nel nord della Grecia ( Sokos et al., 2007 ). In passato la specie era molto diffusa in Turchia ( Turan, 1987, citata in Ogurlu, 1993 ) all'interno di foreste arbustive ad altezze comprese tra  0 e 400 m.  A causa della forte pressione venatoria, perdita di habitat adeguato e uso di pesticidi, le popolazioni sono drasticamente diminuite ( Tarhan, 1987, citato in Ogurlu, 1993). Dagli anni '90, la caccia è stata vietata in Turchia ( Ogurlu, 1993 ). Sei stazioni d’allevamento furono istituite dopo il 1969, ma secondo Hus ( 1974, citato in Ogurlu, 1993 ) gli esemplari allevati altro non erano che ibridi importati con P .c. mongolicus, ed introdotti in 13 aree dell'ex range originale della specie e, successivamente ne venne registrata la riproduzione ( Ogurlu, 1993 ). Sulle montagne del Caucaso, oltre al già citato P. c. colchicus, nei pressi del Mar Caspio, si trovano  altre 3 sottospecie: P. c. septentrionalis ( fagiano del Nord Caucaso ), P. c. talischensis ( fagiano di Talish ) e P. c. persicus ( fagiano persiano ). Quest'ultima sottospecie era ampiamente distribuita, e piuttosto comune, in tutta la Transcaucasia ( Jelen, 2009 ). Le popolazioni secondo quanto riferito, sono diminuite ( Carroll, 2007 ). Sempre  in base a questa fonte, i motivi principali del declino sono la caccia e la deforestazione convertendo i boschi in pascoli adatti al bestiame domestico. A quanto già citato va aggiunto il massiccio rilascio di esemplari ibridi, prodotti dall'incrocio tra le diverse sottospecie, nelle gamme originali del P. c. persicus. I P. c. colchicus erano molto comuni intorno a Baku, capitale dell'Azerbaigian, fino a pochi anni fa ( Jelen, 2009 ). Popolazioni residue sopravvivono in alcune valli del Daghestan ( Federazione Russa ), e nella parte sud-orientale della sua gamma, vicino al confine iraniano, lungo le rive del fiume Aras, dove sono ancora comuni ( Jelen, 2009 ). La distribuzione del fagiano del P. c. septentrionalis è molto frammentata, con popolazioni residue sopravvissute in Crimea, dove non vengono cacciate, sebbene non esplicitamente protette dalla legge ( Jelen, 2009 ). La popolazione ex-situ di questa sottospecie è estinta ( vedi tabella 1 ). Ad oggi non ci sono informazioni affidabili relative al P. c. talischensis e P. c. persicus, tuttavia si ritiene che il primo possa essere piuttosto raro, nel 1996 venne riferito che la popolazione totale comprendeva da 900 a 1000 esemplari ( Jelen, 2009 ), mentre Il P. c. persicus era precedentemente distribuito in Iran nei bacini fluviali di Sumbar, Chandur e Atrek, nella valle di Hodjakalin e  sulle montagne di Kopetdag ( Jelen, 2009 ). In Turkmenistan, questa sottospecie si trovava nella Riserva di Sunt Hasardag e venne allestito un centro d'allevamento a Kara Kala ( Jelen, 2009 ). La caccia è ora totalmente vietata dal decreto dell'ex presidente del Turkmenistan, sebbene un'esenzione fosse data in favore degli  emiri di Dubai ( Jelen, 2009 ).  

Asia centrale: ( stranamente dalle sottospcie elencate nell'Asia Centrale manca il P. c. principalis )

Secondo il Libro Rosso del Tagikistan, P. c. turcestanicus ( fagiano del Syr Daria ) è quasi estinto ( Abdusalyamov, 1988 ). Negli anni '70 venne importata la sottospecie di fagiano comune e rilasciata nella gamma originale del P. c. turcestanicus, con conseguente ibridazione tra le due sottospecie. Esemplari, che per fenotipo potrebbero essere identificati come introdotti o ibridi non sono più osservati all'interno della popolazione autoctona, ma comunque in minoranza rispetto ai soggetti indigeni ( Rustam Muratov, pers. comm., 2009 ). Questa affermazione contraddice le informazioni contenute nel Libro rosso del Tagikistan ( vedi sopra ). Si ritiene che le popolazioni di questa sottospecie si trovano in Uzbekistan, siano pure e di dimensioni ragionevoli. Secondo quanto riferito, le  introduzioni locali di  P. c. mongolicus, se pur in modeste quantità, provenienti da Kazakistan, non ha portato a significative ibridazioni ( Sergey Zagrebin, comm. pers., 2009 ). Stefan Michel nel 2007 ha potuto osservare un gran numero di P. c. turcestanicus lungo le rive del fiume Syr Daria in Kazakistan. Non sono note introduzioni di sottospecie non native in quest'area ( Sergey Zagrebin, comm. Comm., 2009 ). Il P. c. zerafschanicus ( fagiano Zeravshan ), che vive nella Valle dello Zeravshan, piccola area del Tagikistan nei pressi del confine con l'Uzbekistan ( Abdusalyamov, 1988 ). Ben protetto nello Zeravshan Zapovednik  ( Uzbekistan ), sta ampliando la sua gamma.  Si trova anche nella Regione di Bukhara, ( sud centro Uzbekistan ), dove potrebbe entrare in contatto con il P. c. zarudyni ( fagiano di Zarudny )  a seguito della costruzione di ampi canali di irrigazione e drenaggio che li collegano, ma finora non sono state condotte indagini su potenziali ibridazioni  tra le due sottospecie ( Sergey Zagrebin, comm. Comm., 2009 ). Il P. c. bianchii ( fagiano di Bianchi ), elencato nel Libro Rosso del Tagikistan, con una popolazione stimato tra 400 e 500  esemplari ( Abdusalyamov, 1988c ).  Questa sottospecie predilige foreste alluvionali di pianura a ridosso dell'Amu Daria e nelle zone inferiori del bacino del fiume Pyanj ed i suoi affluenti Kofarnihon, Vakhsh, Kizilsu ed anche nella valle di Hissar ad ovest di Duschanbe. Questa sottospecie è relativamente comune nei suoi habitat principali, ed in particolare nell'area protetta "Tigrovaya Balka". Negli ultimi tempi sta lentamente riprendendosi la gamma originale nella valle di Hissar. Gli habitat principali sono costituiti da pianure alluvionali con foreste e boschi a galleria, ma anche aree aperte caratterizzate da cespugli e arbusti, canali di irrigazione e drenaggio con canneti. L'uso ridotto di prodotti agrochimici e la diversificazione delle colture, sembrano avere un impatto positivo, mentre il bracconaggio continua a costituire una seria minaccia ( Saidov e Rakhimov, 2011 ). Il P. c. chrysomelas ( fagiano di Khivan ), ed in relazione a quanto riferito, sopravvive con popolazioni pure, nella regione del Mare d'Aral ( Sergey Zagrebin, comm. comm., 2009 ). Il Comitato per la protezione ambientale del Tagikistan nel 2009 ha avviato l'allevamento in cattività di fagiani comuni, ed a tale scopo, dalla Russia sono state importate 1000 uova. Gli esemplari allevati nelle voliere, vengono rilasciati a scopo venatorio all'esterno delle aree originali dei fagiani indigeni ( Rustam Muratov, comm. Pers., 2011 ). La rivalutazione dello status relativo a tutte le sottospecie presenti nel Tagikistan è recentemente iniziata con il sostegno della Zoological Society per la Conservazione di specie e popolazioni ( ZGAP: Roland Wirth, comm. Pers., 2009; Saidov & Rahimov, 2011 )   

Cina:

Si presume che il  Phasianus colchicus possa essersi evoluto in Cina ( Wang e Yang, 1993 ), dov'era anche la specie di Galliforme selvatico più comune, e distribuito in gran numero in diverse zone ( Zhou, 1990 ),  e assente solo dall'altopiano di Qiangtang ( Tibet ) e Provincia di Hainan ( Tang, 1990; Wang et al., 2004 ). Attualmente in  Cina sono elencate diciannove sottospecie ( Qu et al., 2009 ) che, all'interno delle loro gamme, occupano habitat molto diversi, tra i quali prati, seminativi, canneti, foreste, boschi, aree arbustive e persino  territori desertici, ad un altitudine compresa da 0 a 3000 m ( Cheng, 1978, citata in Ying et al., 2009 ).  La distinzione tassonomica delle 19 sottospecie si basa su criteri morfologici quali lunghezza del corpo, colorazione, esistenza o meno del colletto bianco e sopracciglia bianche ( Johnsgard, 1999; Liu & Sun, 1992 ) che fu proposta per la prima volta da Delacour ( 1951 ). Una recente indagine sul DNA mitocondriale delle sottospecie non ha supportato la loro distinzione morfologica, ad eccezione di due sottospecie, il Phasianus c. suehschanenis  ( fagiano di Sungpan ) e Phasianus c. shawi ( fagiano dello Yarkand ).  Tuttavia sono necessarie ulteriori ricerche per verificare il carattere genetico distintivo  di ciascuna sottospecie ( Qu et al., 2009). Liu et al. (2010 ) dovuto con tutta probabilità al rapido innalzamento dei paleo-laghi del Loess Plateau che causò drammatici cambiamenti, mutando condizioni climatiche da relativamente umide a più aride. Questi eventi, in combinazione con i già citati cambiamenti climatici, cioè da caldo-umido a freddo-secco, può aver influenzato la differenziazione tra la sottospecie che si trovano in quei territori ed aree adiacenti.  In Cina nord-orientale sono stati realizzati allevamenti di diverse dimensioni che producono migliaia di fagiani comuni per soddisfare la crescente domanda venatoria ( Zhou, 1990 ), e questo può portare all'introduzione di ibridi tra diverse sottospecie o all'immissione di sottospecie in regioni in cui vivono popolazioni indigene. Il  P. c. formosanus ( fagiano di Taiwan ) sembra difficile da trovare ( Tomaš Peš, osservazione personale ). Si considera che gli esemplari di P. c. formosanus allevati in Europa, formino due "tipi distinti", uno chiaro, nei Paesi Bassi e l'altro scuro in Germania, ma probabilmente sono ibridi, essendo entrambi nettamente diversi dalla forma selvatica. L'illustrazione in Wolters ( 1987 ) ricorda la forma chiara allevata, piuttosto che un individuo selvaggio. Si ritiene che questa sottospecie sia seriamente minacciata dalle recenti introduzioni sull'isola di Taiwan del P. c. karpowi. Tutti gli uccelli maschi in cattività a Taiwan erano ibridi ( Tomaš Peš, osservazione personale ).

Vietnam:                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Il Vietnam del Nord ospita due sottospecie: P. c. takasukasae ( fagiano tonkinese ) e P. c. Rothschildi ( fagiano di Rothschild ) (Nguyen Cu & Eames, 1993). Entrambe hanno distribuzioni molto limitate, con poche registrazioni recenti nel nord di Tonkino e ad est delle montagne Hoang Lien ( Brickle et al., 2008 ). Sembra esserci una popolazione piuttosto numerosa ( confermata ) che non si trova in area protetta, quindi soggetta a pressione venatoria ( Brickle et al., 2008 ).

Giappone:

Il Phasianus c. karpowi ( fagiano coreano ) è stato introdotto a Honshu, Shikoku e Kyushu, le tre isole principali del Giappone,  verso il 1920, e successive ibridazioni con la sottospecie nativa di fagiano verde, il Phasianus v. robustipes ( fagiano verde settentrionale ) ( Kiyosu, 1978; Kuroda e Komiya, 1987, Eguchi e Amano, 2004; Leva, 1987). In seguito le introduzioni furono interrotte, poiché si temeva che l'ibridazione potesse diffondersi su tutte le isole ( Eguchi & Amano, 2004 ).  Nel 1930 è iniziata l'introduzione a Hokkaido del P. c. karpowi, dato che sull'isola non sono presenti popolazioni autoctone di fagiani verdi o comuni ( Eguchi & Amano, 2004 ). Queste introduzioni suggeriscono che le popolazioni che si trovano in Giappone, richiedono ulteriori indagini ( Fuller & Garson, 2000 ).

Europa:

Attualmente sono mantenute 13 sottospecie di P. colchicus più due di P. versicolor:

P. c. colchicus – P. c. septentrionalis – P. c. persicus – P.c. zarudnyi – P. c. zerafschanicus - P. c. mongolicus - P. c. bianchi – P. c. crysomelas – P. c. formosanus – P. c. Pallasi – P. c. karpowi – P. c. torquatus – P. c. strauchi – P. v. versicolor – P. v robustipes.

Nel giardino zoologico e botanico di  Plzen  ( Repubblica Ceca ) sono ospitate 12 sottospecie di P. colchicus più 1 di P. versicolor:   P. c. persicus - P. c.  zerafschanicus - P. c. karpowi - P. c. chrysomelas - P. c. torquatus - P. c. bianchii - P. c. pallasi - P. c. formosanus - P. c. zarudnyi - P. c. strauchi - P. c. colchicus - P. c. mongolicus - P. versicolor robustipes, alcuni rappresentati da un singolo individuo. Questi esemplari, che provengono da piccole importazioni nell'ex Repubblica Democratica Tedesca, risultano ormai eccessivamente consanguinei e prossimi all'estinzione in cattività. Nel complesso, la situazione riguardante le diverse sottospecie  in Europa è precario e di conseguenza, la World Pheasant Association Germany ( WPA-Germany ) ha creato un “Common Pheasant Focus Group ”nel 2006. L'obiettivo è mantenere geneticamente pure le popolazioni in cattività attualmente presenti in Europa e aumentare l'interesse in relazione alla loro gestione controllata. Gli esemplari appartenenti alla stessa sottospecie, ospitati nello zoo di Plzen e quelli tenuti in collezioni nell'Europa occidentale ( principalmente in Germania e Svizzera, Francia, Austria e alcune strutture nel Benelux ), secondo quanto riferito, provengono dalla stessa fonte: la collezione di Christian Möller a Erfurt prima dell'unificazione della Germania, che ha importato ed allevato 14 diverse sottospecie. Complessivamente 15 diverse sottospecie sono mantenute in Europa. Attualmente la consanguineità viene evidenziata da bassa fertilità e  scarsa qualità della prole: bassa fertilità, basso tasso di sopravvivenza e deformità del  becco, con la mandibola superiore che risulta molto più corta di quella inferiore, mentre in alcuni  casi estremi, mancano gli occhi. Ad esempio, entrambe le malformazioni sono state riscontrate in alcune coppie di P. c. binchii e P. c. zarudnyi nello zoo di Pilsen. Tuttavia, il cambio regolare di soggetti adulti fornisce progenie di successo. A Plzen è stato anche osservato che molti adulti non sono più in grado di essere utilizzati come riproduttori a causa delle lesioni, in quanto possiedono ancora un indole molto selvaggia (ad es. fagiani di zarudnyi e  mongolicus ). Nonostante ne perda molti ( soprattutto maschi ), lo zoo di Plzen ne sta comunque allevando un buon numero. 

 

Stati Uniti d'America:

Ci sono cinque principali allevatori di Phasianus colchicus negli Stati Uniti ( James Pfarr, commento personale ), che mantengono 16 diverse sottospecie: P. c. torquatus -P. c. formosanus - P. c. pallasi - P. c. hagenbecki - P. c. strauchi -  P. c. takatsukasae - P. c. karpowi - P. c. colchicus - P. c. talischensis - P. c. bianchii - P. c. zarudnyi - P. c. zerafschanicus, P. c. turcestanicus - P. c. decollatus - Phasianus v. versicolor e P. v. robustipes. Le date relative alle importazioni di importazione, sono note solo per alcune delle sottospecie elencate  ( James Pfarr, commento personale; Tabella 2 ).

Sottospecie mantenuta negli Stati Uniti (secondo James Pfarr, comm. Comm.). "FGD" sta per Fish and Game Department. Sottospecie Importatore Data di importazione:

P. c. talischensis...................Allevatore privato.............................................................................10 anni 

P. c. colchicus........................Allevatore privato.............................................................................10 anni 

P. c. zarudnyi.........................Allevatore privato.............................................................................10 anni 

P. c. mongolicus................,...Allevatore privato.............................................................................10 anni 

P. v. versicolor.......................Allevatore privato tramite Hogle Zoo, Salt Lake City, Utah.........10 anni 

P. c. zerafschanicus..............Allevatore privato via Zoo San Diego, California 1987

P. c. strauchi Michigan.........FGD.....................................................................................................1987

P. c. bianchii Oregon.............FGD.....................................................................................................1980

P. c. colchicus Idaho.............FGD.....................................................................................................1980

P. c. pallasi............................MacFarlane Pheasant Farm, Janesville, Wisconsin..... in ritardo 1950 fino a 1960

Una popolazione di P. c. bianchi è distribuita nel sud del New Mexico ( introdotta dal dipartimento di fauna selvatica ) che pare essersi adattata bene a condizioni molto secche ( James Pfarr, commento  personale ).

 

Implicazioni sulla conservazione:

Il futuro delle diverse sottospecie di P. colchicus e P. versicolor in natura sembra essere molto problematico, e dopo aver raccolto e considerato tutte le informazioni sulle  sottospecie sopra citate, siano esse in natura oppure in cattività in Europa e negli Stati Uniti, gli autori concludono che è necessario avviare diverse misure:

1 - Una accurata indagine nelle remote regioni dei Balcani e Turchia con habitat idonei alla ricerca di popolazioni indigene del P. c. colchicus.                                                                              2 - Conferma della popolazione nel delta del Nestos  ( Grecia settentrionale ) e valutazione della sua popolazione.

3 - Valutazione dello stato riguardante le popolazioni del P. c. talischensis

4 - Continuazione delle indagini sulla sottospecie dell'Asia centrale avviate da uno degli autori (SM).

5 - Ulteriore indagine sullo status dei P. versicolor in Giappone.

6 - Chiarimento sulle  gamme  del P. c. torquatus , e stato delle popolazioni.

7 - Potenziamento delle sottospecie pure mantenute in Europa e Stati Uniti e ulteriori indagini  intese a ricercare altre strutture in cui vengono ospitate sottospecie pure.

8 - Scambio di informazioni ed esemplari tra le diverse strutture d'allevamento al fine di evitare la consanguineità.

Ringraziamenti:

Gli autori ringraziano Christian Möller, James Pfarr, Erwin Burkhart ( Coordinatore del Common Focus Fagiano del WPA-Germania ),

Roland Wirth e Manfred Prasch per informazioni sulle popolazioni di fagiani comuni in cattività. Ringraziamo anche Rustam Muratov ( direttore dell'Istituto di silvicoltura ) e Nurali Rakhimov, entrambi di Duschanbe, Tagikistan e Sergey Zagrebin ( Tashkent, Uzbekistan ) per le informazioni sulla gamma, popolazioni in situ e introduzioni in Asia centrale. Infine, grazie a Michael Braun e Philip McGowan per l'aiuto con la letteratura e revisori anonime per commenti relativi ad una versione precedente del manoscritto.

Sintesi biografica:
Theimo Braasch a conseguito il diploma in biologia ed è membro del comitato consultivo scientifico e capo del gruppo di lavoro sull'isola di Java della Zoological Society for the Conservation of Specie e popolazioni ( ZGAP ) in Germania.
Tomaš Peš è curatore dello Zoo e Giardino botanico di Plzen nella Repubblica Ceca. Il suo obiettivo è l'allevamento delle sottospecie di Phasianus colchicus.                                              Stefan Michel è uno zoo allevatore e biologo impegnato nella Central Asian Countries da oltre quindici anni. Attualmente lavora  presso una ONG del tajikistan come consulente a progetto sulla gestione della caccia, ed in particolare nei riguardi di pecore e capre selvatiche.                                                                                                                                                              Heiner Jacken alleva fagiani da circa 50 anni. Come fondatore membro e membro del consiglio WPA Germania i suoi interessi si sono progressivamente sviluppati verso l'allevamento di conservazione. È attivo nei focus group riguardanti fagiani comuni e d'argento, come coordinatore per i libri genealogici di Lophura e in ECBG.

Nota: Per la maggior parte di noi appassionati un buon numero di sottospecie appartenenti ai colchicus ( e non solo ) è sempre stato una sorta di mistero, non esistendo, perlomeno per quanto mi è dato sapere, una esauriente documentazione fotografica ( attuale ) con immagini scattate sia in ambiente naturale, quanto in allevamento, che le riassumesse in modo da renderle identificabili con una certa facilità, ad eccezione delle pubblicazioni di James Pfarr , nelle quali le varie sottospecie vengono presentate in maniera del tutto unica attraverso esemplari in "pelle" messi a disposizione da Musei.

Non è stato facile, ma dopo circa due anni di ricerca, studio e parametrazioni, sono stato in grado di raggruppare in sequenza fotografica tutte le sottospecie di PHASIANUS COLCHICUS. Ciò premesso, tengo particolarmente a precisare che tutto questo lavoro non sarebbe stato possibile, in un periodo relativamente breve, senza la  costante e competente consulenza di James Pfarr e Njal Bergè ( quest'ultimo anche nel recuperare alcune delle foto allegate a questa pagina ).

Considerazioni:  Soprattutto per i profani o meno esperti, ma spesso anche per i più "navigati", la classificazione delle sottospecie può prospettarsi piuttosto ostica e, se per i maschi nella maggior parte dei casi il compito potrebbe sembrare relativamente semplice, il riconoscimento delle femmine, le cui diversificazioni più significative solitamente riguardano solo sfumature di colore più o meno marcate del piumaggio ed in alcuni casi, il colore delle iridi, diviene alquanto difficoltosa, se non spesso illusoria.  Inoltre anche allo stato naturale i rappresentanti di una sottospecie possono cromaticamente differenziarsi tra loro, a volte pure in modo significativo, per effetto di pressioni antropiche, variazioni genetiche, isolamento geografico, modificazioni dell'habitat, brevi migrazioni o sovrapposizione dei territori che involontariamente favoriscono gli incroci  con esemplari appartenenti ad altra sottospecie, e la creazione di ibridi naturali che potendo riassumere le caratteristiche di entrambe le  forme coinvolte, ne rendono difficoltosa l'identificazione, e altro ancora. Oltre a tutto ciò, va anche detto che in Cina l'allevamento dei classici ibridi ( P. c. europaeus ) sia a scopo alimentare che venatorio, in quanto molto più prolifici, pesanti, rustici e "tranquilli" rispetto alle forme selvatiche, è sempre più diffuso quindi, pressochè scontato che, soprattutto in determinate zone, la purezza degli esemplari, nonostante fenotipicamente possano sembrare corretti, debba essere accertata attraverso l'analisi del DNA.

In avicoltura invece, oltre a quanto appena espresso, va sottolineato il fatto che ogni allevatore opera perseguendo dei propri modelli e quindi nel selezionare i riproduttori può, più o meno involontariamente, innescare processi selettivi, anche importanti, che portano ad avere soggetti, che pur rispecchiando in linea di massima quelle che sono le caratteristiche della sottospecie alla quale appartengono, possono apparire cromaticamente e strutturalmente piuttosto diversi.

Nota:  Chi intende allevare in purezza deve porre particolare attenzione nella scelta delle femmine, in quanto essendo molto simili tra loro rendono estremamente difficoltoso il riconoscimento, soprattutto ai meno esperti, e tutto ciò è ancor più ostacolato sia dalle descrizioni quanto dalla mancanza di immagini adeguate che solitamente tendono a immortalare i maschi piuttosto che le meno appariscenti femmine, ma che nello specifico assumono un ruolo determinante. 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI RIGUARDANTI LA SPECIE VEDERE ALLA PAGINA :  PHASIANUS COLCHICUS

Alcuni soggetti a causa delle condizioni ambientali e/o di luce, al momento dello scatto fotografico, possono apparire come non conformi allo standard della specie/sottospecie alla quale appartengono.

GRUPPO CON 13 SOTTOSPECIE dal groppone violaceo-ramato o verde oliva :

Questo gruppo è caratterizzato dalla completa mancanza di collare bianco, groppa violacea ed una colorazione della livrea che appare complessivamente piuttosto scura ed uniforme.

Salitamente i rappresentanti di questo gruppo vengono indistintamente denominati < colchicus >.

* Phasianus colchicus colchicus

* Phasianus colchicus septentrionalis

* Phasianus colchicus talischensis

* Phasianus colchicus persicus

* Phasianus colchicus bianchii

* Phasianus colchicus chrysomelas

* Phasianus colchicus principalis

* Phasianus colchicus zarudnyi

* Phasianus colchicus zerafschanicus

* Phasianus colchicus shawii

* Phasianus colchicus tarimensis

* Phasianus colchicus mongolicus

* Phasianus colchicus turcestanicus

Phasianus c. principalis   -   www.k2.j.p68.jafar.panahpuor  

1° Gruppo costituito da 4 sottospecie < colchichicus > ( assenza di collare e groppone violaceo-ramato )

Phasianus c. colchicus  ( Fagiano del sud Caucaso )......................................Linnaeus.............................1758  

Luoghi di origine:  Attualmente vive in una piccola compresa area tra il bacino del fiume Rioni e la parte superiore del bacino del fiume Kura ( Georgia ), mentre in passato si trovava anche lungo la costa del Mar Nero estendendo i suoi territori verso il nord a raggiungere la valle del fiume Kodori ( Abkhazia ). Era distribuito in tutta l'Armenia, mentre ora lo si riscontra solo nella regione di Kafansky, lungo la valle degli Araks ed i suoi affluenti ( Leister, Sosnin, 1942 ). Distribuito anche nella parte più a nord-est della Turchia lungo la valle del Chorokh e Grecia nel delta del fiume Nestos ( (Sokos & Birtsas 2005, Braasch et al. 2011), compreso nell'area del Parco Nazionale della Macedonia orientale e Tracia, dove sopravvive una piccola popolazione di P. c. colchicus, forse tra le più geneticamente pure.                                                                                                 

Descrizione: Nel MASCHIO adulto il colore generale è bruno-dorato con ali marrone chiaro; testa verde con riflessi metallici; parte anteriore del collo e del torace superiore viola della stessa tonalità. Sulle piume allungate marrone dorato del collo con bordi stretti e vertici verdi. La parte posteriore del collo è viola-blu, con riflessi metallici verdastri. Tonalità di fondo della parte superiore del corpo bruno-dorata ( viola nella parte posteriore e superiore del corpo dell'ala ) è un complesso schema di macchie nere che nella parte anteriore della schiena assumono un modello squamoso e biancastro con macchie nere nella regione marginale delle lancette scapolari . Tutte le penne della parte superiore del corpo presentano ampie frange rossastre, che a seconda dell'angolo visivo appaiono viola e/o dorate.  Questi bordi, che sono  molto  ampi  sulle piume di groppa e sopracoda, formano una "superficie" uniforme rossiccio dorato con riflessi violacei. La parte inferiore del corpo  si presenta con tonalità dorata più leggera. Petto caratterizzato da un modello squamoso molto spesso costituito da semicerchi neri a formare delle strisce trasversali, e macchie nere sulla parte anteriore di ventre e fianchi. Ventre nero e rosso scuro;  remiganti marrone chiaro con disegno trasversale poco evidente a formare delle righe biancastre. Le piume omerali e copritrici dell'ala sono e marrone scuro , con disegno bianco a righe trasversali e ampi bordi grigio-giallastri, e bordo stretto marrone o viola ( a seconda dell'angolo di visuale ). Timoniere  marrone giallastro con  bordi stretti ocra-rossiccio o viola strette sulle  3 coppie centrali con disegno perpendicolare  di strette righe nere sulla parte bassa della coppia di timoniere centrali che non arrivano sino al bordo terminale delle stesse. Sulle coppie esterne le strisce oltre ad essere più larghe, vi si aggiunge un disegno di tipo marrone spruzzato. Il becco e le gambe sono giallastro grigiastro. 

Nella FEMMINA adulta la colorazione in generale è marroncino molto chiaro/sabbia che soprattutto sulla parte superiore si presenta cosparsa di macchie ovali bruno-nerastre disposte in ordine regolare. Sulla testa e sul collo, le macchie assumono la forma di strisce trasversali che  trovandosi l'una vicina all'altra, rendono queste parti visivamente più scure. Sulle penne della testa e del collo traspare una debole lucentezza viola. La parte inferiore del corpo è di color sabbia chiara con disegno debole sul ventre e macchie marroni semicircolari nella parte superiore del torace e nella parte inferiore del collo. Ai lati del corpo lo stesso schema di macchie ovali oblunghe di colore marrone sullo sfondo grigio sabbia. L'addome si presenta  monocolore, con un disegno a giallastro appena visibile. Le remigati sono "disegnate"  come nei maschi, ma con un motivo trasversale più chiaro di strisce bianche. Le penne delle ali presentano una colorazione uguale anche sul retro. Timoniere con un modello trasversale  chiaro costituito da sottili frange di colore biancastro e con le più ampie strisce nere e marrone, che nella coppia centrale non raggiungono i bordi e vi si aggiunge un disegno di tipo marrone spruzzato. Il becco e zampe grigi. 

Nota: Come si evince dalle foto sotto poste, gli esemplari che vivono allo stato naturale ( quando geneticamente puri, o  comunque del tutto simili a questi ) si presentano con colorazione della livrea piuttosto diversa da quelli che normalmente si possono trovare negli allevamenti, nonostante vengano definiti puri. Questo, come per altri casi, è presumibile sia dovuto alla selezione, quanto al modello che ogni allevatore, pur rimanendo il più possibile entro gli standard della specie, intende perseguire, quanto ad  ibridazioni più o meno consapevoli al fine di raggiungere lo scopo. 

Foto da  :  1  www dogalhayat.org ( Grecia ) - 2  Amiran Kodiashvili ( Associazione amici N. P. Vashlovani  Georgia  ) - 3  www.grekbirding.blogspot.com   ( Grecia )

1 - Phasianus c. colchicus ( Sud Caucaso )                                      2 - Phasianus c. colchicus ( Sud Caucaso )                                    3 - Phasianus c. colchicus ( Sud Caucaso )

Phasianus c. colchicus  

Foto da  :  1  www.georgianjournal.ge  (  N.P. Vashlovani  Georgia Caucaso )  -  2   Spectrum Ranch  South Dakota <USA>    - 3  By: g.spiridakis   ( Nestos - Grecia ) 

1 - Phasianus c. colchicus ( Sud Caucaso )                                     2 - Phasianus c. colchicus ( Sud Caucaso )                                      3 - Phasianus c. colchicus ( Sud Caucaso )

Phasianus c. septentrionalis  ( Nord Caucaso ).........................................Lorenz................................1883

Luoghi di origine: Questa sottospecie si trova nel Caucaso settentrionale dal Mar Nero al Caspio. Sulla costa del Caspio verso sud a lambire la Penisola Apsheron, mentre a nord si propaga dal delta del Volga agli Urali ( In questi questi ultimi non è più presente ). Nel delta del Volga, dopo essere scomparso, è riapparso di nuovo, pur essendo numeroso. Sulla costa del Mar Nero in precedenza viveva nel delta del fiume Kuban , dove però non è più presente, mentre piccole popolazioni si possono ancora riscontrare lungo il bacino di quest'ultimo e nel territorio del Terek ( Cabardino -Balcaria ) 

Descrizione: Il MASCHIO è molto simile al P. c. colchicus, ma se ne distingue per la colorazione in generale più chiara e tendente all'arancione dorato che mette in maggior risalto l'iridescenza violacea, per quanto non significativa, delle parti inferiori. Orlature nere su parte alta della schiena e scapolari;  gola, lati del collo e groppa con sfumature verdastre; petto e fianchi con riflessi metallici più intensi rispetto al P. c. colchicus e leggere sfumature verdastre che si possono intravedere anche sulle copritrici della coda.

FEMMINA con livrea  leggermente più chiara rispetto alla nominale.

Foto da :  1  www.nwv-schaben.de   -  2  www.torghachin.ru    -   3  www.trakus.org  

1 - Phasianus c. septentrionalis                                                        2 - Phasianus c. septentrionalis                                                        3 - Phasianus c. septentrionalis

Phasianus c. septentrionalis 

Foto da :  1 www.torgachkin.ru    -   2   A. Kuzmin    -   3  www.traakus.org 

1 - Phasianus c. septentrionalis                                                        2 - Phasianus c. septentrionalis                                                        3 - Phasianus c. septentrionalis

Phasianus c. talischensis ( Fagiano di Talisch )...........................................Lorenz................................1888

Luoghi di origine:  Distribuito nella parte sud-orientale delle pianura che costeggiano il Mar Caspio meridionale, cioè Talysh, Gilyan e, ovviamente, le aree che si trovano ad occidente del  Mazanderan. Abita alcune isole della baia di Kizyl-Agach ( introdotto sull'isola di Sara alla fine del 19 ° secolo ) sino a raggiunge i tratti inferiori del Kura a nord.

Descrizione: E'distinguibile dal P. c. colchicus  per la livrea piuttosto scura, molto più violacea e iridescente rispetto a quest'ultimo, con parte bassa della schiena e sopra coda che presentano un cromatismo violaceo uniforme, senza la presenza di piume e/o riflessi metallici d'altro colore; orlature nere costituenti il caratteristico disegno su parte alta della schiena, petto e fianchi che si presentano più strette rispetto a quelle delle sottospecie precedenti. Femmina leggermente più scura rispetto alla forma nominale.     

Foto da :    Foto da :  1-2-3   by: abbasalizadeh.official  

1 - Phasianus c. talischensis                                                              2 - Phasianus c. talischensis                                                               3 - Phasianus c talischensis 

Phasianus c. talischensis  

Foto da :  1 Darab Asadpoor  www.gramho.com   -  2 www.iranwatching.ir   -  3   www.veres.ir  

1 - Phasianus c. talischensis                                                               2 - Phasianus c. talischensis                                                              3 - Phasianus c talischensis 

Phasianus c. talischensis  e Phasianis c. colchicus  differenze

Nelle prime due immagini, pur trattandosi di esemplari allevati, comunque in purezza, si possono meglio apprezzare alcune delle differenze che distinguono il Phasianus c. talischensis dal Phasianus c. colchicus. Molto simili, tuttavia la colorazione in generale è più scura ed iridescente per P. c. talischensis, con groppa che nel P. c. colchicus appare leggermente "sporcata" da piume e riflessi di altro colore. Uniformemente violacea per P. c. talischensis. 

Foto da :  1-2-3   Spectrum Ranch  South Dakota <USA>

1 -  P. c. talischensis e P. c. colchicus                                                                       2 -  Ph. c. talischensis e c. colchicus  3 -  P. c  talischensis

Talisch & Southern Blackneck males- Spec

Phasianus c. persicus ( Fagiano persiano )......................................................Sewertzow.........................1875.         

Luoghi di origine: Questa sottospecie è riscontrabile nella Transcaspica sud orientale e le aree pianeggianti dell'Iran che costeggiano il Mar Caspio. Un tempo abitava le valli del Kopet-Dag ( Turkmenistan ) occidentale, mentre ad est si spingeva sino a lambire la città di Ashgabat ( Turkmenistan ), ma ora sembra che non ve ne sia più traccia. Lungo il confine settentrionale, tra Iran e Turkmenistan, si trova lungo lo spartiacque compreso tra il bacino Atrek e fiumi che scorrono a nord. Lo si può trovare anche nelle aree occidentali di confine del Turkmenistan, lungo il corso inferiore del fiume Sumbar, mentre nel corso inferiore dell'Atrek non è presente. In Iran occupa la valle Atrek ed a ovest la  valle di Gorgan giungendo a contatto con il Phasianus c. talischensis,  tuttavia non ci sono dati in merito a possibili incroci tra le due sottospecie.

Descrizione: Pur essendo a prima vista simile, si distingue dalle sottospecie precedenti, ed in particolare dal P. c. talischensis, per avere le copritrici alari superiori solitamente grigio biancastro o sabbia biancastro molto chiaro; interscapolari, parte alta del petto e fianchi con prevalenza di tonalità arancione dorato e marcatura nera che oltre ad essere contraddistinta da macchie più grandi, sono anche più abbondanti . Copritrici della coda dalla colorazione uniforme con assenza di riflessi verdastri.

Foto da :  1  www.imghabit.com  -  2 Amin  Rahmatian  @aminwlp   -   3  Hossein Khademi  @ hossein_ khademi_  

1 - Phasianus c. persicus                                                                     2 - Phasianus c. persicus                                                                      3 - Phasianus c. persicus

Phasianus c. persicus 

Foto da :  1-2  ali.kamalli  @ali.free.69   -   3   Dorna Mojab - www.ebird.org 

1 - Phasianus c. persicus                                                                     2 - Phasianus c. persicus                                                                      3 - Phasianus c. persicus

2° Gruppo - 6 sottospecie  < principalis-chrysomelas >  ( fagiani ali bianche )

I rappresentati di questo gruppo sono caratterizzati dall'assenza di collare, o comunque poco evidente; groppone e sopra coda violaceo-ramato con copritrici alari biancastre o color sabbia chiaro e piumaggio che nel complesso si presenta più lucido e brillante rispetto agli esemplari del gruppo precedente.

Phasianus c. bianchii  ( Fagiano di Bianchi ).....................................................Buturlin...............................1904

Luoghi di origine: Vive nell'alta valle Darya - sud Uzbekistan -  est estremo del Turkmenistan - sud ovest Tagikistan e nord Afganistan. Occupa la parte superiore del bacino Amudarya sino Termez. Fino a Panj ( Ramo sorgentifero dell'Amudarya )  è stato distribuito a Chubek e leggermente superiore per valle Karasan ha raggiunto Sherabad a Surhanu - fino a quando la Valle del Hissar (villaggio Saryssiya) su Kafirnigan - per Ordzhonikidzebada su Vakhsh - a Kurgan-Tube e Kuibyshev su Kyzylsu e Yakhsu - a Kulyab (Smith, 1969). Chi è sopravvissuto solo nelle valli del fiume Panj Amu Darya e Vahš in corso inferiore fino a Jilikul, così come nel villaggio Syryssiya su Surhane (dati 1960)., e ovunque il suo numero è diventato molto basso. In Afghanistan, la sua distribuzione è limitata solo dalle valli dell'Amu Darya superiore, del Pyanj inferiore, delle zone inferiori di Kunduz e Kokcha. Ci sono indicazioni che abbia incontrato Balkh (Paludan, 1959).

Descrizione: I maschi si distinguono per la  sviluppata colorazione verdastro scuro, tanto da apparire nerastra, con riflessi metallici, a creare ampi cerchi di piume, che vanno a ricoprire ( nascondere ) quasi interamente la parte dorata delle piume sui fianchi.  

Foto da : 1 -  2   www.uzbekistan.bird.watch Autore: Maksim Mitropolskiy  -   3   www.talco.com.tj

1 - Phasianus colchicus bianchii                                                        2 - Phasianus colchicus  bianchii                                                      3 - Phasianus colchicus bianchii

Phasianus c. bianchii  

Foto da :  1-2- 3  Spectrumranch   

1 - Phasianus colchicus bianchii                                                         2 - Phasianus colchicus  bianchii                                                     3 - Phasianus colchicus bianchii

bianchi spectrumranch 5.jpg

Phasianus c. bianchii  

Foto da :  1-2-3   Spectrum Ranch  South Dakota <USA>

1 - Phasianus colchicus bianchii                                                        2 - Phasianus colchicus  bianchii                                                      3 - Phasianus colchicus bianchii

bianchi spectrum ranch 3.jpg
bianchi www.softbillsforsale com.jpg

Phasianus c. chrysomelas  ( Fagiano di Khiva )..................................... .....Sewertzow.........................1875   

Luoghi di origine: Trovano il loro habitat naturale lungo il corso inferiore dell'Amu Darya, ovest  Uzbekistan e nord Turkmenistan. Solitamente si trovava dalla valle dell Amudarja fino al delta Dargan-Ata, tuttavia pare che alcune popolazioni si stiano muovendo seguendo il corso del fiume Amu Darya verso occidente  a raggiungere  Sarykamysh.

Descrizione: Nel maschio la colorazione in generale è simile a quella del conspecie P. c. bianchi, ma se ne distingue per la predominanza sul petto di colore rosso rame con il verde quasi assente;  parte  superiore  del corpo bronzo rosso scuro.

Foto da : 1 Gordon  Dietzman  -    2  www.birds.uz  Autore Asif Khan   -  3  www.kurtveliev.com

1 - Phasianus c. chrysomelas                                                              2 - Phasianus c. chrysomelas                                                            3 - Phasianus c. chrysomelas

Phasianus c. chrysomelas  

Foto da :  1 - 3  www.edelfasan.de  -  2  www.uzbekistan.bird.watch   Autore:   Masha Gritsina

1 - Phasianus c. chrysomelas                                                             2 - Phasianus c. chrysomelas                                                             3 - Phasianus c. chrysomelas

Phasianus c. principalis  ( Fag. principe di Galles ).......................................Sclater................................1885

Luoghi di origine: Le aree di questa sottospecie si estendono dal sud Turkmenistan, lungo le valli del Kopetdag orientale ( confine tra Turkmenistan e Iran ) all'estremo nord dell'Iran e nord Afganistan.  Attualmente però sembra  sopravvivere solo in alcune di queste aree, ed in particolare quelle dove persistono boschetti e terreni  alluvionali. Sembra che in passato possa aver avuto contatto, a causa della sovrapposizione dei territori, con il conspecie P. c. persicus nella regione di Ashgabat. Un tempo era abbondante lungo le parti superiori del Murgab, sul lato afghano, ma da tempo è stato completamente sterminato (Paludan, 1959).

Descrizione : Il MASCHIO adulto presenta copritrici alari in bianco quasi puro. Parte superiore della schiena con base predominante dorata, ed un modello a squame ben sviluppato grazie a grandi ( 1,5 mm ) orlature che nella regione interscapolare sono solite fondersi con le macchie scure visibili sulla perte terminale delle piume.

Spalla ampiamente orlata, con la maggior parte della superficie contraddistinta da disegno centrale nero opaco e bianco panna nascosto sotto alle altre penne. Conseguentemente a ciò, queste parti sono prive della caratteristica screziatura che caratterizza le sottospecie caucasiche.

Rosso porpora sulla parte posteriore del collo non sempre visibile. Orlatura rosso porpora delle piume che si trovano nella parte centrale del petto ( sino a lambire la base del collo )  pressochè indistinguibile, per tonalità, da quella dei fianchi.

FEMMINA  simile, ma con livrea più chiara rispetto alla forma nominale.

Foto  da :  1 - 3  Autore: Behzad Azimi    -    2   @miran.abyareh 

1 - Phasianus c. principalis                                                                  2 - Phasianus c. principalis                                                                 3 - Phasianus c. principalis

Phasianus c. principalis  

Foto da  :  1-2  www.k2.j.p68.jafar.panahpuor   -   3  Javal Sadeghi

1 - Phasianus c. principalis                                                                   2 - Phasianus c. principalis                                                                3 - Phasianus c. principalis

Phasianus c. zarudnyi  ( Fagiano di Zarudny )...............................................Buturlin...............................1904   

Luoghi di origine: Aree confinanti tra Uzbekistan e Turkmenistan. Distribuito nei territori centrali delle valli alluvionali dell' Amu Darya, dalla città di Kerki a nord sino a Dargan Ata. Al confine tra Turkmenistan e Uzbekistan ( Valle del medio corso del fiume Amu-Darya o Oxus. Verso nord ( Petro-Alexandrovsk ), quasi a lambire la gamma più meridionale del P. c. chrysomelas. A sud è stato registrato a Karnas, non lontano dal confine con l'Afghanistan, e nella parte più orientale della gamma del P. c. bianchii ).            Attualmente in Uzbekistan, la distribuzione di questa sottospecie è limitata alla riserva di Kyzylkum organizzata nel 1971 ubicata sulla riva destra dell'Amu Darya.       

Descrizione: La colorazione dei maschi è caratterizzata da una forte variabilità individuale ed alcuni esemplari risultano essere molto simili al conspecifico P. c. principalis, ma si distinguono per la colorazione più luminosa e leggera del dorso. Per contro, in un certo numero di individui, la suddetta colorazione sul dorso, è uguale se non addirittura più scura, con le marcature nere ( bordi ) sulla parte terminale delle scapolari che possono essere più sviluppati, rispetto a P. c. principalis, oppure non esserci affatto. Sul collo può essere presente un collare formato da strisce a mezzaluna che in alcuni casi è ridotto solo minimamente accennato, oppure completamente assente, come per il conspecifico P. c. principalis. Il colore scarlatto sul collo è appena visibile o del tutto assente. Sulle penne rossastre-dorate del petto, le frange rosso scarlatto sono più strette rispetto a quelle del già citato P. c. principalis, di solito circa 2 mm, ma possono essere anche da 1,5 e 4,0 mm.  

Generalmente però, rispetto al conspecifico P. c. principalis, nel maschio di P. c. zarudnyi le marcature nere ( bordi ) sulla parte terminale delle scapolari è molto più stretto; collare bianco che può essere presente e quasi completo, oppure rappresentato solo da alcune tracce laterali, così come del tutto assente; colore  porpora del petto più scuro con piume dei lati i cui apici si presentano verdastri, mentre quelle della gola hanno bordi verdastri anziché porpora. Sono state descritte altre tre forme, due delle quali, P. c. gordius e P. c. tschardjuensis, devono essere considerate come variazioni individuali di P. c. zarudnyi, mentre il terzo P. c.  jabae può essere considerato sia come variazione, quanto come ibrido o transizione tra P. c. zarudnyi e P. c. bianchii. 

Foto da :  1-2  Bridgerland True Pheasants    -   2  Praga Zoo 

1 - Phasianus c. zarudnyi                                                                      2 - Phasianus c. zarudnyi                                                                     3 - Phasianus c. zarudnyi 

Phasianus c. zarudnyi  

Foto da :   1-2  Bridgerland True Pheasants   -  2   Praga Zoo    

1 - Phasianus c. zarudnyi                                                                     2 - Phasianus c. zarudnyi                                                                     3 - Phasianus c. zarudnyi  

Phasianus c. zerafschanicus ( Fagiano del Zerafshan )..........................Tarnovski............................1892

Nota: E' l' unica sottospecie di Phasianus colchicus elencata nel Red Book of Ruz ( Uzbekistan ), e questo non parrebbe giustificato poiché secondo le osservazioni effettuate sul campo, altre sottospecie risulterebbero ( più o meno ) nelle stesse condizioni.                                                                      

Luoghi di origine:  Attualmente abita l'intera pianura alluvionale dei fiumi Zeravshan, Karadarya e Akdarya. Una popolazione sufficientemente grande si trova sul territorio della riserva naturale di Zeravshan, ed anche nell'area del santuario di Sarazm al confine con il Tagikistan. Nel distretto di Samarcanda sono considerati comuni e si incontrano piuttosto spesso nei dintorni delle città di Navoi e Kermen, mentre nella regione di  Shafrikan occupano soprattutto  terreni agricoli lungo i canali di irrigazione. Piuttosto diffuso anche nella regione di Bukhara, dove possono essere visti  persino all'interno dell’area urbana. Alcune osservazioni, che sembrano attendibili, nella regione del Kashkadarya. In generale, lo stato della popolazione, secondo le stime degli esperti, è abbastanza soddisfacente. La caccia è ufficialmente vietata, ma a causa del bracconaggio, i capi abbattuti ogni anno sembra che non siano inferiori a quelli di tutte le altre sottospecie del fagiano comune per le quali l’azione venatoria è consentita.   

Descrizione: In generale assomiglia al conspecie P. c. zarudnyi, ma la parte superiore del corpo è solitamente più chiara, più dorata,  ed i bordi neri delle piume che si trovano sul dorso sono solitamente assenti o comunque poco sviluppati. Inoltre una caratteristica distintiva tra le due sottospecie è data dai bordi delle piume sulle scapolari che in zerafschanicus disegnano un V piuttosto netta, così come i bordi rosso-rame delle piume presenti sulla parte bassa del collo ( Gozzo ) e sul petto sono più strette che in zarudnyi.  Il colletto bianco, stretto ed aperto in maniera evidente sul davanti. La variabilità individuale è comunque altamente sviluppata. 

Foto da :    1  Valentin Soldatov  www.birds.uz     -     2   Marmazinskaya Natalia  www.birds.uz   -    3  Volkov Alexey   www.birds.uz

1 - Phasianus c. zerafschanicus                                                         2 - Phasianus c. zerafschanicus                                                        3 - Phasianus c. zerafscanicus

Phasianus c. zerafschanicus  

Foto da :  1 - 2  Marmazinskaya Natalia  wwww.birds.uz  -  3   www. birds.uz

1 - Phasianus c. zerafschanicus                                                         2 - Phasianus c. zerafschanicus  ( Fagianotti )                             3 - Phasianus c. zerafschanicus

Phasianus c. zerafschanicus  

Foto da :  1  Sergei Kuznezov    -   2   Nedosekov Boris   www.birds.uz

Nella foto N° 1 raffigurante dei  maschi cacciati nei luoghi di origine, si può ancor meglio  comprendere quanto la colorazione, ed in particolare tutte le parti superiori, degli esemplari selvaggi sia diversa da quelli che solitamente si trovano in allevamento.

1 - Phasianus c. zerafschanicus                                                                                                                                                                             2 - Phasianus c. zerafschanicus

Phasianus c. shawii ( Fagiano del Yarkland )...................................................Elliot....................................1870           ( approfondimenti a fondo pagina )

Luoghi di origine: Distribuito nello Xinjiang meridionale ( Cina occidentale ), Tiansha, Shache occidentale e Kashgar.

Descrizione: Questa sottospecie mostra le tipiche caratteristiche dei fagiani ad "ali bianche", pur essendo generalmente meno scuro, con fianchi che presentano una colorazione arancione dorato resi ancor più evidenti dalle ampie punte nere delle piume.

Foto 1 - 2 - 3  www.xinjiang.birds.watch 

1 - Phasianus c. shawii                                                                         2 - Phasianus c. shawii                                                                         3 - Phasianus c. shawii 

shawi 8 xinjiang.birds watch Liang Yong.

Phasianus c. shawii   

Foto da :  1-2 -3  www.xinjiang.birds.watch  

1 - Phasianus c. shawii                                                                         2 - Phasianus c. shawii                                                                         3 - Phasianus c. shawii 

shawi 2 httpnews.ifeng com_edited.png

Phasianus c. shawii  

Foto da :  1-2-3   www.xinjiang.birds.watch   

1 - Phasianus c. shawii                                                                        2 - Phasianus c. shawii                                                                          3 - Phasianus c. shawii 

3° Gruppo - 1  sottospecie < P. c. tarimensis dalla groppa verde-oliva >    ( approfondimenti a fondo pagina )

Phasianus c. tarimensis  ( Fagiano del Tarim ).............................................Pleske.............................. 1888 

Luoghi di origine: Vive nella regione autonoma dai confini controversi dello Xinjiang la cui appartenenza è da sempre in contestazione tra Cina e Kazakistan, trovando i suoi habitat preferiti nei bacini dei fiumi del Tarim ( da cui prende il nome ) e Turpan ( Xinjiang Cina occidentale ).  

Descrizione: Sottospecie che si discosta da tutte le altre, ed è per questo che ha meritato una posizione propria. Assenza di linee sopraorbitali e collare; sopracoda verde olivastro con copritrici alari castane o marrone chiaro. 

Foto da :  1  -  2  - 3 www.birdnet.cn - Autore: 1-3  leihong0133  -  2  Crescent Moon Knife

1 - Phasianus c. tarimensis                                                                 2 - Phasianus. c. tarimensis                                                               3 - Phasianus c. tarimensis 

Phasianus c. tarimensis

Foto da :  1 -  2 -   www.birdnet.cn - Autori:  1 leihong0133 -  2 - 3  Crescent Moon Knife  

1 - Phasianus c. tarimensis                                                                 2 - Phasianus. c. tarimensis                                                               3 - Phasianus c. tarimensis 

Phasianus c. tarimensis

Foto da :  1- 2-3    www.xinjiang.birds.wath - Autori:  leihong0133  e  wolf old wolf

1 - Phasianus c. tarimensis                                                                 2 - Phasianus c. tarimensis                                                                3 - Phasianus c. tarimensis 

Phasianus c. tarimensis  

Foto da :  1-2-3   www.xinjiang.birds.wath

1 - Phasianus c. tarimensis                                                                 2 - Phasianus. c. tarimensis                                                               3 - Phasianus c. tarimensis 

4° Gruppo 2 sottospecie < mongolia >  ( La maggior parte degli autori  considera il P. c. bergii come geo-variante del P. C  turcestanicus )

Phasianus c. mongolicus  ( Fagiano mongolia o kirghiso ).......................Brandt.................................1844

Luoghi di origine:  Distribuito nel Kazakistan sud orientale dove si spinge verso nord a raggiungere il lago Zajsan e lambire i confini della Mongolia, dove probabilmente scomparve già dalla fine del XIX secolo, e Kirghisia nord orientale. Si addentrano nelle valli montane dei Tian-Shan e Naryn comprendenti i bacini dei laghi Issyk-kul, Balkash e Ala-kul  con i loro affluenti. Da rilevare che la distribuzione di questa sottospecie nei territori confinanti dello Xinjiang ( Cina ) è poco studiata, in ogni caso copre la parte superiore del bacino del fiume Ili ( e probabilmente è distribuito anche verso sud, in alcune zone comprese tra i fiumi Tekes e Ili ) e le aree settentrionali della catena montuosa del Boro-Horo. Ai piedi del Tien Shan occidentale, questa forma di fagiano è sopravvissuta fino ad oggi in forma isolata, senza contatto con altre sottospecie.                                                                                Nota:  Da attuali indagini, per quanto solo fotografiche, risulta che sia in Kazakistan quanto nello Xinjiang ( e probabilmente anche nella Kirghisia ) le gamme storiche assegnate al P. c. mongolicus sono occupate dal P. c. turcestanicus.

In generale: A sud-est l'enorme Tian-Shan funge da confine tra il fagiano kirghiso ed i conspecifici P. c. shawi e P. c. tarimensis. A sud-ovest i Monti Alexander e Karatan intervengono in misura minore tra esso e il P. c. turcestanicus, mentre a nord-ovest i Monti Altai formano in qualche modo una barriera tra esso ed il P. c. hagenbecki.                  Questa sottospecie venne introdotta in Uzbekistan nel corso dei primi '70 del secolo scorso. L'operazione fu condotta sotto la guida dell'Uzbekhotrybolovsoyuz and Glavokhot under Uzbekles con soggetti provenienti dal Tokmak pheasantry ( Kirghisia ). Dal 1970 al 1975 sono stati effettuati 6 rilasci in regioni montuose dell'Uzbekistan. Circa 2000 esemplari furono introdotti e rilasciati in natura nella natura. Tuttavia pare che l'operazione non abbia dato i risultati sperati. La caccia a questa sottospecie  non  vietata, ma a causa del numero estremamente ridotto, viene raramente trovato. 

Descrizione: Nel maschio adulto le parti superiori, ed in particolare la groppa, sono contraddistinte da una colorazione rosso ramato intenso intriso di riflessi verdastri che in condizione di luce favorevole, divengono ben evidenti. Testa cromaticamente in verde-bronzo più intenso rispetto a P. c. turcestanicus; gola con sfumature verdi ben visibili e bordature nere delle piume a volte poco evidenti, se non del tutto assenti; petto e torace, presentano una colorazione rosso aranciato, mostrando iridescenze viola-carminio o verdi a seconda dell'esposizione alla luce; torace e fianchi punteggiati di verde nerastro; centro del torace e fianchi dell'addome verde scuro. Il colletto bianco di solito è largo ma si restringe bruscamente e viene interrotto anteriormente (da 8 a 9 punti) in misura significativamente maggiore rispetto al P. c. turcestanicus. Area lombare, copritrici caudali superiori e, se pur in misura minore, tutti i lati dei dorsali, presentano una colorazione visibilmente verdastra; coperture superiori dell'ala biancastre. Oltre alla maggiore apertura anteriore del collare, ed a quanto già sopra citato, si distingue dal P. c. turcestanicus per essere solitamente più piccolo con mantella, petto e macchie scure dei fianchi intrisi di iridescenze verdi anziché bluastre o viola. differenze di fenotipo. La femmina è quasi indistinguibile dalla conspecifica P. c. turcestanicus.

Foto da :  1  www.birds.kz  Autore: Oleg Belyalov birds kz   - 2  www.birdnet.cn   -   3  www.birds.kz  Autore: Askar Isabekov 

1 - Phasianus c. mongolicus                                                               2 - Phasianus c. mongolicus                                                               3 - Phasianus c. mongolicus

Phasianus c. mongolicus  

Foto da :  1  www.birds.kz  Autore: Ivan Bevza   -  2   Autore: Jaffrey SoRelle    - 3 www.birds.kz  Autore: Askar Isabekov 

1 - Phasianus c. mongolicus                                                               2 - Phasianus c. mongolicus                                                               3 - Phasianus c. mongolicus

Phasianus c. turcestanicus ( Fagiano Syr-Darya )....................Lorenz................................1896

Luoghi di origine:  La gamma di questa sottospecie è la più ampia rispetto ai suoi conspecifici che vivono nell'Asia Centrale. Comprende Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan e Tagikistan ( dalle ultime osservazioni, se pur solo fotografiche, sembra che il P. c. turcestanicus abbia occupato i territori del P. c. mongolicus nello Xinjiang - Cina ).  Occupa  l'enorme bacino del fiume dell'Asia centrale Syr Darya dalle sorgenti della valle di Ferghana alla Kyzylorda, con una lunghezza di oltre 1000 km. Gli habitat principali sono i tugai ( steppe cespugliose ) e turang ( Canneti ) che si estendono lungo la riva del fiume. Il Syr Darya in particolare, permise a questa sottospecie di espandere significativamente la sua gamma.  In Uzbekistan, dal 1968, nel sud-est del deserto di Kyzyl-Kum, a nord-ovest del lago Tuzkan, a seguito dello scarico di emergenza del serbatoio di Chardara, si formò il lago Aydarkul con una lunghezza di oltre 400 km ed una larghezza di 10 km. Nel corso del tempo, le rive di questo bacino si sono trasformate in turanga tugai ( boschi cespugliosi ) e le isole sul lago, ricoperte di canne e cespugli, erano, e sono eccellenti habitat per la vita e riproduzione del fagiano Syr Darya. Tuttavia in quest'area la sottsopecie venne notata ancor prima della formazione del sopracitato lago, ed un maschio fu catturato nel 1934 nei pressi di un piccolo lago salino (R. N. Meklenburtsev -  1936). Attualmente l'habitat di questa sottospecie occupa  pressochè l'intera area coltivata,  spostandosi tra  la rete di canali adibiti all'irrigazione delle piantagioni di cotone.

In generale: La distribuzione del P. c. turcestanicus è delimitata a sud-est da parti delle montagne Tian-Shan e Alai, ed a sud dai monti Alai e Gissar. Queste catene di montagne lo separano da P. c. shawi, P. c. bianchii e P. c. zerafshanicus. A ovest il deserto di Kysil-Kum lo divide dai P. c. chrysomelas, sebbene i loro territori sembrino incontrarsi sulla riva dell'Aral. A nord-est del Karatan, Alexander e I Monti Terskentan costituiscono i limiti della sua distribuzione formando altresì una sorta di barriera tra P. c. turcestanicus e P. c. mongolicus. Come già citato nella parte relativa al P. c. mongolicus, da recentissime prove, se pur solo fotografiche, parrebbe che la sottospecie abbia occupato tutte le aree storicamente attribuite al P. c. mongolicus.

Descrizione: Questa forma è la più numerosa in confronto a tutti i conspecifici che vivono nell'Asia Centrale. Di dimensioni maggiori rispetto a qualsiasi altra forma di fagiano, può essere paragonato solo al conspecifico kirghiso. Il maschio adulto presenta minime differenze di fenotipo rispetto al P. c. mongolicus  e, se ne distingue, comunque a fatica, per la colorazione in generale meno metallica. Parti superiori, ed in particolare il dorso, dalla colorazione rosso ramato piuttosto intenso con debole, se pur visibile, luminosità verdastra. Piume che sulla parte bassa del collo ( gozzo ) e superiore del petto caratterizzate da sfumature violacee solitamente prive bordi terminali neri, o comunque poco sviluppati, con debolissime sfumature verdastre. Testa che in generale si presenta riflessi verde-bronzo meno evidenti; colletto bianco solitamente più stretto rispetto al P. c. mongolicus e con minore interruzione anteriore ( 8 punti ). Copritrici caudali inferiori e superiori dalla colorazione rosso-ramato più intensa rispetto a quest'ultimo, con il groppone che può evidenziare deboli sfumature verdastre. La femmina è quasi indistinguibile dalla conspecifica P. c. mongolicus.

Foto da :  1- 2 - 3  www.birds.kz  -  Autori: 1  Viktoriya Zvyaginceva  -  2 - 3  Askar Isabekov   

1 - Phasianus c. turcestanicus                                                            2 - Phasianus c. turcestanicus                                                           3 - Phasianus c. turcestanicus

Phasianus c. turcestanicus   

Foto da :  1 - 3 www.birds.kz  Autori:  Askar Isabekov  -  Viktoriya Zvyaginceva  -  2  www.xinjiang.birds.watch 

1 - Phasianus c. turcestanicus                                                            2 - Phasianus c. turcestanicus                                                          3 - Phasianus c. turcestanicus

Phasianus c. turcestanicus 

Foto da :  1 - 2 - 3   www.birs.kz  Autori:  Viktoriya Zvyaginceva -  Ivan Bevza  - Askar Isabekov 

1 - Phasianus c. turcestanicus                                                           2 - Phasianus c. turcestanicus                                                           3 - : Phasianus. c. turcestanicus 

Phasianus c. turcestanicus    

Foto da :  1 www.birdnet.cn Autore: Big mountain cat  -  2 James Pfarr   -  3  www.birds.kz  Autore:  Askar Isabekov    

1 - Phasianus c. turcestanicus                                                           2 -  Comparazione tra P. c. turcestanicus e mongolicus             3 - Phasianus c. turcestanicus

Testo e foto da : Eduard Jelen ( Pelli da Tring Museum - UK )
Text and photos by : Eduard Jelen ( Skins by : Tring Museum - UK )

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                   

Texts, unless otherwise specified, and projects related to 3D processing (Aviaries and equipment) are protected by the rules on <Copyright> (With the exception of all images or prints concerning GALLIFORMI and other kinds of birds), l The author therefore retains the exclusive right to publish the works and to use them economically, should the occasion arise, in any form and way, original or derivative.

We specify that it is not our intention to violate the rules that protect the COPYRIGHT, but it is also true that on the WEB there are images and / or materials for which the rights are claimed from multiple sources, and being unable for obvious reasons to control the goodness of each , we apologize in advance if we have inadvertently published images and / or materials protected by COPYRIGHT in violation of the law, asking you to communicate it promptly so that we can arrange for their immediate removal.

It is however intended to underline that in addition to what has already been explained above, the publication of photographic material found on the WEB by GBP.BIO is also intended to clarify, limited to its possibilities, the chaos created by images placed on the internet, in a rather superficial way and probably without even having the necessary knowledge on the subject, depicting specimens whose classification being clearly wrong misleads the unsuspecting reader / visitor. Therefore the use of images must be considered as purely educational - didactic - informative.

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

Uno   speciale   ringraziamento  per  l'aiuto fornitomi a :

James Pfarr                                                 Saul Villagrana                                            Steve Keller                                          Friedrich Esser                                            Njal Bergè 

birdnet.cn

orientalbirdimages.org 

Le informazioni relative allo stato di conservazione in natura sono state tratte da Wikipedia.

 

Per accedere a Wikipedia clicca sul logo qui a fianco.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...