introduzione al sito........

                                                                                                                                                                                                                                                        INTRODUZIONE:

Questo sito nasce dal desiderio di far comprendere quanto siano correlati allevamento e protezione, nonché promuovere ed incentivare la riproduzione in cattività di specie ritenute a rischio di estinzione che per quanto possano sembrare fin troppo note, risultano per lo piu' sconosciute, contribuendo così alla loro preservazione.

In merito a ciò non mi stancherò mai di raccomandare l'ormai imperante necessità di mantenere i nostri animali il più possibile geneticamente puri evitando di incrociare soprattutto gli esemplari appartenenti alle specie più a rischio di estinzione. Tuttavia a volte è pure necessario oltrepassare i limiti, cercare nuovi orizzonti, espolorare i sogni che ci animano, dare forma alle speranze, alle proprie emozioni tramutandole in qualche nuova varietà di colore con esemplari che dal punto di vista estetico possono risultare anche interessanti, ed in alcuni casi pure genetico. L'ibridazione deve essere ricercata in funzione di un esclusivo piacere personale e non per scopi meramente venali, arrivando anche a commercializzare esemplari appartenenti a determinate specie, o presunte tali, spacciandoli per puri, e purtroppo questo succede più spesso di quel che si può credere. Tutto ciò è inammissibile ed in contrasto con una qualsiasi etica aviaria, andando a minare anche la reputazione di chi opera nel rispetto delle regole. Ecco perché, si tenta di combattere, o perlomeno ostacolare l'ibridazione quando non viene praticata per scopi prettamente personali, oppure attuata sotto attento controllo, e finalizzata al “recupero” di specie che altrimenti andrebbero definitivamente perdute.

PRECISAZIONI E NOTE:                                                                                                                                                                                                                            Innanzitutto credo sia doveroso spiegare, se pur per sommi capi, la differenza che intercorre tra < SPECIE > e < RAZZA >. Nonostante possa sembrare scontato ai più navigati, per la maggior parte delle persone ( non solo i semplici appassionati di animali ) indicano la stessa cosa, quando in realtà sono profondamente diversi.

Per SPECIE, base della classificazione degli organismi viventi, si intende tutto quanto di animale e vegetale si è evoluto autonomamente in natura, dando successivamente origine anche a sottospecie, sub-specie, varianti geografiche ecc.  In pratica : Il lupo è una specie, a sua volta suddivisa in alcune sottospecie, mentre i cani, suoi derivati creati dalle esigenze e/o mode umane, appartengono a razze. Tuttavia è altrettanto doveroso far notare che la scelta di un criterio univoco e universale per identificare le specie ( classificazione ) potrebbe non essere corretto in quanto il processo evolutivo, in continuo fermento,  non si ferma nel tempo, pertanto, ciò che osserviamo è solo una frazione di questo inarrestabile processo naturale che muta costantemente.

 

Per RAZZA si intende tutto quanto di origine animale o vegetale è stato, in qualche modo attivamente selezionato fin da tempi remoti o "creato" dall'uomo, quindi non si è evoluto autonomamente.

Il termine <razza> iniziò ad essere utilizzato nel XVI secolo, e raggiunse il suo apice nel XIX secolo, divenendo una categoria tassonomica gerarchicamente equivalente a quella di sottospecie. Tuttavia nel 1905 il Congresso Botanico Internazionale eliminò il valore tassonomico di <razza>.

Nel caso degli esseri umani ( Homo ), la comunità scientifica non ritiene opportuno l'utilizzo del sostantivo <razza> in riferimento ai differenti gruppi umani, considerando più pertinenti i termini etnia o popolazione. La stessa comunità scientifica ritiene che non esistano < razze > in senso biologico. Aggiungo che personalmente ritengo il genere Homo, come tutte le creature di questo mondo siano esse animali o vegetali, suddiviso in specie e sottospecie, e nel contempo non capisco perchè le autorità, e non solo, si ostinino  ad affermare che l'essere umano non è niet'altro che uno dei tanti animali presenti sul Pianeta, per poi  aver quasi timore a definirlo, come si dovrebbe, una specie.... 

IBRIDO - INCROCIO - METICCIO - MUTAZIONE.                                                                                                                                                                                    L'ibrido è il discendente di due genitori geneticamente diversi ( TAXA ), con alcuni sotto casi, che differiscono per più caratteri e che nell'ambito delle scienze biologiche assume differenti significati; l'incrocio è l'operazione ( Accoppiamento ) che si compie per ottenere l'ibrido.  

1 ) Ibridi tra specie appartenenti allo stesso genere = incroci o ibridi INTERSPECIFICI.

2 ) Ibridi tra sottospecie all'interno di una specie..... = ibridi..............  INTRASPECIFICI. 

3 ) Ibridi tra diversi generi ....................................... = ibridi..............  INTERGENERICI.

4 ) Ibridi tra diverse famiglie ( Sebbene molto rari ). = ibridi..............  INTERFAMIGLIRI.

Per  ibridi  si  possono anche intendere incroci tra popolazioni, razze, cultivar o varietà                                                                                                                           botaniche  all'interno di una medesima specie   producendo  in questo caso i cosi detti                                                                                                                           meticci. Il  significato   viene utilizzato   in  zootecnia  e  agronomia dove questi meticci                                                                                                                           ( Ibridi ) vengono prodotti  e selezionati artificialmente avendo caratteristiche desidera-                                                                                                                          bili non presenti, o limitatamente tali, nella generazione genitoriale.

La mutazione, spontanea  o  manipolata, è  una  variazine  più o meno significativa del                                                                                                                         genotipo ( DNA ) che   provoca il cambiamento ( Casuale o ricercato ) di alcuni cromo-                                                                                                                           somi  che  nel caso degli uccelli  riurda principalmente il colore del piumaggio e margi-                                                                                                                           nalmente quelli di becco, occhi, carrucole e zone di pelle esposta, zampe e piedi.

PREMESSA:

Ritengo  doveroso  iniziare  ribadendo  che  il  principio  al  quale si deve attenere ogni                                                                                                                           buon  avicoltore  si  basi  sulla  comprensione  degli  animali che alleva, o intende farlo,                                                                                                                         perché  se  è indubbio  che  questi  debbano  adattarsi in qualche modo alla cattività, è                                                                                                                           altrettanto vero che è compito dell'allevatore conoscerne le esigenze e trovare il giusto                                                                                                                         compromesso,    nonché le soluzioni più  adeguate che consentano di mantenerli nelle                                                                                                                       migliori condizioni possibili, facendo loro vivere un esistenza dignitosa e tranquilla.

 

PRECISAZIONE:

Quanto qui riportato, oltre ad esperienze personali maturate nel corso degli anni, è frutto di approfondite ricerche bibliografiche ed elaborazioni di notizie pubblicate sul WEB. Quindi la GBP non necessariamente avvalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato ( trovato o altro ) declinando ogni responsabilità di quanto riportato, invitando il visitatore/lettore a ulteriori verifiche presso fonti accreditate e/o aventi diritto qualora sussistessero dubbi.

Per il benessere degli animali bisogna spesso dar credito alle proprie sensazioni sapendosi adattare e rinnovare giorno dopo giorno, attingendo informazioni dal bagaglio di conoscenze che ognuno di noi acquisisce nel corso della vita, avendo nel contempo il buon senso di confrontarci con i metodi di altri allevatori. Solo tenendosi sempre aggiornati, con la voglia di misurarsi continuamente attraverso realtà e/o problemi apparentemente irrisolvibili, si possono raggiungere i migliori risultati, cioè saper coniugare esperienza, passione, orgoglio e redditività.

 

RIFLESSIONI:                                 

Una prima riflessione è necessario farla sul modo in cui viene gestita l'informazione riguardante i galliformi in generale, e dei fasianidi in particolare, che per le loro caratteristiche dovrebbero invece essere molto più conosciuti, ed in conseguenza anche apprezzati. Spesso mi sono chiesto il perché studiosi e documentaristi si interessino poco o nulla a questi uccelli che appartengono ad una galassia di specie con pochi rivali in quanto a bellezza e suggestività degli habitat in cui si trovano. Amo tutti gli animali, però non mi sembra giusto che si insista nel proporre pubblicazioni o filmati riguardanti la vita di specie talmente conosciute che non di rado inducono il lettore a non comprare, ed il telespettatore a “cambiare canale”, quando si "dispone" di un mondo come quello dei galliformi ancora per certi versi misterioso ed intrigante, permeato di un fascino ancora tutto da scoprire.  

Nel corso degli ultimi secoli, un numero difficilmente precisabile di specie si sono estinte, e sicuramente oltre al ciclo evolutivo giunto al termine, una delle concause determinanti è stata ( ed è ) la sconsiderata pressione antropica. Così come capita piuttosto spesso che passando in rassegna i vari generi e/o specie ci si imbatta in considerazioni del tipo <..." Non è più possibile importare soggetti di cattura, e questo neppure allo scopo di rinsanguare popolazioni che in cattività si trovano vicine alla catastrofe genetica...", ecc.>. Molti allevatori avrebbero la necessaria passione ed esperienza per gestire specie problematiche o difficili nella speranza di dar loro un futuro, ed il poter contare su soggetti provenienti dai luoghi di origine, non farebbe altro che dare nuova linfa a linee di sangue ormai prive di vitalità. A tale proposito la "storia" del TRAGOPANO OCCIDENTALE ( testo a fondo pagina ) potrebbe essere citato come un classico esempio in cui leggi, burocrazia, avidità e ottusità umana, si scontrano violentemente contro il buon senso, incaponendosi utopisticamente nella salvaguardia di specie ritenute a rischio di estinzione, presupponendo, con una buona dose di incoscienza che per questo possa bastare, anzi, che la loro esistenza possa essere garantita esclusivamente, o quasi, attraverso ( spesso costosi ) programmi di tutela nei luoghi d'origine, istituendo centri d'allevamento, che il più delle volte servono solo ad “ingrassare” qualche potente del posto, e forse non solo questi, oppure attutati in habitat naturali che, soprattutto a quelle latitudini, risultano pressoché incontrollati, se non addirittura incontrollabili, dove le leggi, ammesso che vi siano, sono spesso solo carta scritta. Tuttavia, una pratica non deve necessariamente escluderne un altra, e quindi sarebbe ora che i rappresentanti delle più importanti organizzazioni ambientaliste, nonché i più accaniti detrattori della avicoltura, ne capissero il senso, e cominciassero a considerare la questione in modo realistico, non solo guidati da emozioni spesso ingiustificate o integralismi fuori luogo che lasciano il tempo che trovano...., perché di sogni ne sono pieni i cassetti. Ma soprattutto non è giusto arrogarsi il diritto, per mantenere fede alle proprie ideologie, di decidere del destino di creature che non hanno la possibilità di gestire il loro futuro. Il mondo sta velocemente cambiando, anzi, purtroppo è già cambiato, e per certi aspetti anche in maniera irreversibile, pertanto la necessità di adattare il pensiero a quella che è la realtà, è divenuto ormai imperante, ed alla fin fine meglio degli esemplari in voliera, ma con la speranza di poter sopravvivere a se stessi attraverso la progenie, di qualche soggetto impagliato in loro ricordo, e della stupidità umana. L'allevamento in cattività quando attuato nelle migliori condizioni e con cognizione di causa non è, e non deve essere inteso come una barbarie, una sorta di perversa tortura operata da menti sadiche e contorte, ma visto come una forma di garanzia, una sorta di banca genetica, che può contribuire come spesso ha già fatto, nonostante questo venga velocemente dimenticato, o deliberatamente messo in sordina, a salvaguardare specie che altrimenti allo stato selvatico sarebbero ormai solo un ricordo.....  

Giuliano Forni

Alcune delle specie descritte in questo sito - immagine da - www.etsy.com

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        Himachal State Bird – Western Tragopan Faces Uncertain Future.

 

Facing Extinction: Western Tragopan breeding program headed for disaster.

 

Shimla: After spending crores of rupees on conservation breeding of Western Tragopan, a highly endangered Western Himalayan pheasant facing extinction, the program is but an apparent failure that the wild life officials and an overseas consultant refuse to acknowledge.

Reliable sources revealed that in March-April, 2010 nearly all of the 23 Western Tragopan’s in captivity at the specially made Saharan breeding center in Shimla district had bacterial infection and were being treated.

Eventually three adult females’ birds died, leaving behind a population of 11 males and 9 females.

The surviving birds laid 17 fertilized eggs of which only one hatched and that too the chick died within a week. Post-mortem findings of the dead birds including the chick has revealed bacterial (e-coli) infection.

Since 1992, when the Saharan aviary was set up for captive breeding of the Western Tragopan so as to augment the depleting population in the wild, this centre has bred only 20 birds and thus far has not been able to release any bird into the wild.

In 2009, two chicks had managed to survived out of 23 fertilized eggs that were laid.

Differing with the wildlife department run program under the supervision of John Corder, a British expert, Kaushlendra Singh, a Lucknow based wild life activist says, “As far as I can make out, the project is heading for total disaster.”

Singh who has been a member of Uttrakhand Wild Life Board and is currently involved in saving the Dudhwa Tigers along with Francy Hermans, a Belgian breeder of pheasants including Tragopans, on the invitation of Himachal wild life officials had visited Saharan in 2006.

The duo in a written report had pointed out the deficiencies in the breeding program to the Himachal government.

Observations then made by Kaushlendra were, “ I was shocked to see the upkeep and management of the world’s rarest pheasant. With all of them having eco parasites, nutrition being given was as good as being given to village hens, incubator courtesy World Pheasant Association (WPA), United Kingdom was non-functional, no brooders and people entrusted with the job and trained in United Kingdom had no knowledge, as a result year after year there has been no breeding success.”

When contacted over email about another year of failure in the breeding program and his reaction to the recent death of the birds at Saharan, Kaushlendra said “I always had this fear in my mind ever since I visited Saharan.”

John Corder, a member of WPA under whose guidance the Himachal governments’ conservation Western Tragopan Breeding Program has been operating, was here on 14 July, 2010 to attend yet another meeting of the core group of the program.

Catching up with Corder, just before the crucial core group was to be held to discuss the failure of the year’s breeding season, he point blankly refused to talk.

“I will meet the media on my terms,” said Corder.

When contacted, AK Gulati, Principal Chief Conservator Wildlife, under whose supervision the conservation program is being executed, he too passed the buck and refused to answer any queries.

Seven large enclosures as part of a prestigious Rs 4.92 crore project for the conservation breeding of the rare bird that was sanctioned in 2005-06, are still to be set up.

However, the 7 large enclosures (28 m long, 10 meter wide and 4.5 meter high) costing Rs 1.33 crore for the birds to breed under natural conditions that involve no human intervention, are still to come up.

Presently it is only a captive breeding program at Saharan and the natural conservation program is yet to start, says a retired wild life officer.

Francy Hermans in an email response reacted, “1 million Euros made available by the CZA (Central Zoo Authority in India) to breed Western Tragopan. I fail to understand why some-one needs that astronomical amount of monies when I have bred Tragopans in Belgium for 10 times less that amount.”

He said “enough proofs have been given where matters are going wrong. Lot’s of Tragopans are being bred in Europe each year, so why not in Sarahan?”

Kaushlendra adds that he had written to chief minister Prem Kumar Dhumal, earlier to his predecessor and also to Prime Minister Manmohan Singh about the mishandling of the Saharan conservation project.

“I want the Saharan project to succeed but it is indeed very unfortunate that all conservation projects are being run like this one and ultimately they bog down,” he said.

Hunted for it bright plumage, the Western Tragopan is a highly endangered species and the state bird of Himachal.

ARTICOLO ORIGINALE IN INGLESE

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                   

Texts, unless otherwise specified, and projects related to 3D processing (Aviaries and equipment) are protected by the rules on <Copyright> (With the exception of all images or prints concerning GALLIFORMI and other kinds of birds), l The author therefore retains the exclusive right to publish the works and to use them economically, should the occasion arise, in any form and way, original or derivative.

We specify that it is not our intention to violate the rules that protect the COPYRIGHT, but it is also true that on the WEB there are images and / or materials for which the rights are claimed from multiple sources, and being unable for obvious reasons to control the goodness of each , we apologize in advance if we have inadvertently published images and / or materials protected by COPYRIGHT in violation of the law, asking you to communicate it promptly so that we can arrange for their immediate removal.

It is however intended to underline that in addition to what has already been explained above, the publication of photographic material found on the WEB by GBP.BIO is also intended to clarify, limited to its possibilities, the chaos created by images placed on the internet, in a rather superficial way and probably without even having the necessary knowledge on the subject, depicting specimens whose classification being clearly wrong misleads the unsuspecting reader / visitor. Therefore the use of images must be considered as purely educational - didactic - informative.

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...

  • Facebook
  • Instagram