- crysolophus amherstiae e sue mutazioni -

CHRYSOLOPHUS AMHERSTIAE ( Lady Amherst ) nella forma ANCESTRALE  -  Foto  da -  1 a 15  www.birdnet.cn - Autore : Musica dal mondo foto

  3           

4                                                                                                    56                                                                                                    6

7                                                                                                     8                                                                                                     9     

10                                                                                                   11                                                                                                   12

CHRYSOLOPHUS AMHERSTIAE ALBINO - da - Ricky Wharry ( facebook )

I pulcini raffigurati delle immagini poste qui sotto ( un primo esemplare schiuse nel 2016, ma purtroppo morì 36 ore dopo la nascita ) sono con tutta probabilità i primi esemplari albini ( documentati ) della loro specie. 

Nelle 3 foto : da sinistra pulcini di Crysolophus amherstiae albini di 1 e 23 giorni di vita 

Nelle 3 foto : crescita dei pulcini di Crysolophus amherstiae albini

Nelle 3 foto : crescita dei pulcini di Crysolophus amherstiae albini

Nelle 5 foto : maschio sub-adulto di Crysolophus amherstiae albino

3 Ricky Wharry.jpg
4 Ricki Wharry.jpg

DARK CHRYSOLOPUS AMERSTIAE  - ( Lady Amherst  scuro -  moro - obscurus )

Foto 1-3-4- 5- 6  www.backyardchickens.com   -  2 www.thaipheasant.cm  -  8  www.xn-12c4dtc9cvah.com   

Mutazione piuttosto controversa apparsa in tempi non ben precisati, con alcuni che ne mettono in dubbio l'autenticità sospettando  che possa essere il frutto di qualche incrocio, e successivamente selezionato a lungo per fissarne i caratteri. Altri invece dichiarano apertamente il tentativo che perdura ormai da decenni di creare una nuova mutazione attraverso l'incrocio con il chrysolophus pictus - www.cinjr.com - [ SINTESI DELLO SCHEMA UTILIZZATO : inizialmente cercare di avere più riproduttori provenienti da linee di sangue completamente diverse in modo da poter accoppiare la progenie non in consanguineità, indebolendo cosi il patrimonio genetico. I nati saranno portatori del 50% di geni golden e 50% di geni lady, ed una volta raggiunta la maturità sessuale dovranno essere a loro volta accoppiati con esemplari puri, o comunque molto tipici, nel caso non si sia certi della loro origine, di CHRYSOLOPHUS AMHERSTIAE, in modo da ottenere esemplari che sempre più si avvicinano al DARK LADY avendo il 25% di geni lady in più rispetto agli ibridi originari ]. Tuttavia pare che il problema maggiore, contrariamente al congenere dorato, sia quello di arrivare ad una colorazioni dark accettabile che rimanga uniforme e stabile  Tutto è possibile, però bisogna anche rilevare che nella colorazione presentata da questa "mutazione" non vi è la minima traccia di giallo o rosso presenti invece sia nel Chrysolopus pictus quanto nel Chrysolophus amherstiae, cosa che induce alcuni a sospettare che vi possa essere stata anche ( o solo ) un immissione di "sangue tenebroso" ( Phasianus colchicus tenebrosus ). Ammesso che non vengano fatte approfondite indagini la verità ben difficilmente potrà essere accertata, ma una cosa però è inconfutabile sin da ora, e cioè che le femmine del DARK LADY e quelle del COLCHICUS TENEBROSUS risultano pressoché identiche nella colorazione. 

1 - Maschio dark                                                                                                                   3 - Maschio dark

4 - Maschio dark                                                                                       5 - Femmina dark                                                              6 - Maschio dark

CHRYSOLOPUS AMHERSTIAE MUTATO - Nelle foto 2-3 viene definito -  Silver Lady Amherst ( Lady argento ) - Nelle altre colorazione da definire...   

1 - Maschio lady giallo                                                    2 - Coppia lady giallo                                                                                 3 - Coppia lady giallo

Foto da:  1 - 2 - 3 www.backyardchickens.com  -  4 www.pinterest.com  -  5 www.youtube.com

4 - Coppia lady giallo                                                                                     5 - Coppia lady giallo

Lady www.youtube.com.jpg
www.backyardchickens com 1.jpg

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                     

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

Uno   speciale   ringraziamento  per  l'aiuto fornitomi a :

James Pfarr                                                 Saul Villagrana                                            Steve Keller                                          Friedrich Esser                                            Njal Bergè 

birdnet.cn

orientalbirdimages.org 

Le informazioni relative allo stato di conservazione in natura sono state tratte da Wikipedia.

 

Per accedere a Wikipedia clicca sul logo qui a fianco.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...