- perdicinae : specie e sottospecie -

Illustrazione di Perdix perdix da: 1-3    www.etsy.com    -   2   John Gould  < Birds Great Britain Plates 1862 >

Ca.PNG

PERDICINAE   ( Horsfield....... 1821 ) -  Per  ulteriori informazioni vedere in : GENERE PERDICINAE 

Si tratta di uccelli che appartengono ad un gruppo piuttosto omogeneo, con caratteristiche comuni che li distinguono dagli altri membri dell'ordine dei galliformi, quali le dimensioni relativamente piccole, il dimorfismo sessuale poco evidente, se non del tutto assente, nonché la mancanza di penne ornamentali, bargigli e carrucole. I PERDICINAE costituiscono un gruppo di 17 generi suddivisi in 54 specie, comprendenti a loro volta un certo numero di sottospecie. Tutte le specie sino ad oggi conosciute, appartengono a due sottofamiglie ben distinte, e pertanto il termine “PERNICI “ non dovrebbe essere considerato indicativo all'interno di un ordine tassonomico corretto. 

GENERI CONSIDERATI IN QUESTA PAGINA:   ALECTORIS  -  AMMOPERDIX  - PERDIX  -  BAMBUSICOLA  -  ROLLULUS  - GALLOPERDIX - LERWA. 

Genere Alectoris (  Kaup.... 1828 )  

Distribuzione Genere Alectoris - Mappa da:  www.volkov-serge.livejournal.com

volkov-serge.livejournal com.jpg

Perdi hodgsoniae sifanica  -  Foto da :  www.birdnet.cn

Alectoris rufa   ( Pernice rossa )........................Linnaeus........1758

La specie è suddivisa in 3 sottospecie:  

* Alectoris r. rufa.....................Linnaeus............1758  - Francia, nord-ovest Italia, alcune zone degli appennini centrali, isola d'Elba e Corsica.

* Alectoris r. hispanica...........Seoane...............1894  - Nelle aree che si trovano da nord a ovest della Penisola iberica.

* Alectoris r. intercedens.......Brehm A. E. .......1857  - Distribuita da est a sud della Penisola iberica e Isole Baleari.

Introdotta in molte parti d'Europa e diverse isole atlantiche - A. r. hispanica a Madeira, A. r. intercedens e probabilmente anche A. r. hispanica nelle Azzorre, A. r. ntercedens nelle Canarie ( in quest'ultima non è certo se residente o introdotta ). Introdotta a scopo venatorio nel Regno Unito e in alcune aree del Nord America, della Nuova Zelanda ed Europa centrale, sebbene con successo variabile. In Spagna è ben distribuita in tutta la Penisola Iberica e lIsole Baleari. Scarso o assente nelle zone di alta montagna sopra 1.500-1. 800 metri di altitudine, mentre è particolarmente abbondante al centro e al sud della Penisola ma con popolazioni esigue sulla costa mediterranea e quella della Cantabria. È assente a Ceuta e Melilla.

Descrizione: Alectoris, dal greco = gallo  - rufa, dal latino =  rossa, fulva, rossiccia = Gallo rosso

Galliforme di media taglia dall'aspetto tozzo; testa, mento e gola grigio pallido; vertice, nuca, e retro del collo bruno rossicci  con il collare è dello stesso colore, picchiettato di bianco; iride castano rossastra con anello oculare arancione e stria fulva; il becco rosso arancio è robusto e leggermente ricurvo; le parti superiori si presentano bruno-grigiastre, mentre quelle inferiori sono castano-bruno, con addome e sottocoda aranciati; i fianchi color crema, sono attraversati da larghe barre bianche, castane e nere; ali  corte e arrotondate; la coda è breve e cuneiforme; zampe rosso-arancio. Il dimorfismo sessuale è poco pronunciato: sui tarsi del maschio è presente un corto e tozzo sperone. A volte ne è provvista anche la femmina, se pur meno evidente. Le dimensioni variano da 32-34 cm per un peso di 450-500 g. 

A. rufa hispanica mutata, nuova specie o iirido? Foto da: Nello Alberti  -  www.juzaphoto.com Estremadura - Spagna.

Rufa_Cosa_è_-_Nello_Alberti__-_www.juzap

Alectoris rufa  rufa 

Foto da : 1-2-3   www.pbase.com   Autore:  Daniele Occhiato  

1 - Alectoris rufa rufa                                                                                     2 - Alectoris rufa rufa                                                                                   3 - Alectoris rufa rufa 

Rufa rufa - Daniele Occhiato - pbase com
rufa rufa - Daniele Occhiato pbase com t
rufa rufa - Daniele Occhiato pbase com t

Alectoris rufa hispanica 

Foto da :  1-2-3  www.eb3alf.bolgspot.com   ( Catalogna - Spagna ) 

1 - Alectoris rufa hispanica                                                                2 - Alectoris rufa hispanica                                                             3 - Alectoris rufa hispanica  

Alectoris rufa - eb3alf.blogspot com 5 -
Alectoris rufa - eb3alf.blogspot com 4.j
Alectoris rufa - eb3alf.blogspot com 8 -

Alectoris rufa intercedens

Foto da :  1-2- Jesús Laborda  www.hbw.com  ( Muel  - Zaragoza - Aragóna - Spagna )   -  3   www.juzaphoto.com   Autore:  Luis Barrón     ( Cordoba Spagna )

1 - Alectoris rufa intercedens                                                           2 - Alectoris rufa intercedens                                                         3 - Alectoris rufa intercedens       

Intercedens - Paul www.flickr com.jpg
Intercedens_-_Jesús_Laborda__hbw_com__Mu
Rufa intercedens - Luis Barrón - www.juz

Alectoris barbara   ( Pernice barbarica  < sarda > )...........Bonaterre.........1792

La specie è suddivisa in 3 sottospecie:  ( In alcuni casi vengono considerate 6 sottospecie, tuttavia è parere pressochè comune di includere A. r .  theresae e  duprezi in A. r. spatzi ) - Alectoris, dal greco = gallo  -  barbara  = abitante della Barberia  ( nord Africa ) = Gallo della Barberia

* Alectoris b. barbara.............Bonnaterre.......1790 -  Distribuita nel nord-est Marocco, Algeria settentrionale , nord Tunisia e Sardegna dove probabilmente vi fu introdotta. 

* Alectoris b. spatzi...............Reichenow.......1895 - Sud-est Marocco, nord Mauritania, sud Algeria, centro e sud Tunisia,  nord-ovest ed estremo sud-ovest della Libia ed è probabile che la sottospecie sia presente anche nel Ciad settentrionale.

* Alectoris b. barbata.............Reichenow........1896   - Distribuita nel nord-est della Libia con vecchie registrazioni nel nord-ovest dell'Egitto.​

* Alectoris b. koenigi..............Reichenow........1899   - Distribuita nel nord.ovest del Marocco;  introdotta con successo nelle Canarie.

Specie stanziale diffusa in Nordafrica ed Europa meridionale ( introdotta con successo a Gibilterra Ssp barbata e isole Canarie Ssp koengi ). In Italia nidifica esclusivamente in Sardegna e sulle isole satellite con una popolazione di 3000-10.000 coppie, mentre le introduzioni nel resto d'Europa, Stati Uniti e Australia non hanno avuto esito positivo fin dall'inizio o le popolazioni si sono estinte.

Alectoris barbara barbara 

Foto da :  1 Svitlana Tkach   -   2  www.visitgibraltar.gi  Autore:  Nicholas Ferrary    -   3   Tom Heijnen 

1 - Alectoris b. barbara                                                                       2 - Alectoris b. barbara                                                                      3 - Alectoris b. barbara 

Barbara barbara pare . Svitlana Tkach.jp
Alectoris b. Barbara - by Nicholas Ferra

Alectoris barbara spatzi 

Foto da :  1-3  www.pbase.com  Autore:  Daniele Occhiato   -   2  www.inaturalist.org Autore:  Cchristian Langner 

1 - Alectoris b. spatzi                                                                           2 - Alectoris b. spatzi                                                                        3 - Alectoris b. spatzi 

Alectoris b. spatzi pare - Daniele Occhi
Alectoris b. spatzi + christianlangner i
Alectoris b. spatzi pare - Daniele Occhi

Alectoris barbara koenigi                                                                                       

Foto da :   1  www.pbase.com  Autore:  Jaap Vink   -   2   Autore:  Frits van der Meer from Utrecht, Nederland   -   3   Autore:  Colin Bradshaw

1 - Alectoris b.  koenigi                                                                        2 - Alectoris b. koenigii                                                                      3 - Alectoris b. koenigii  

Alectoris b. koenigi - Jaap Vink pbase c
Alectoris_barbara_koenigi%20-%20Frits%20
A. b koenigi - Colin Bradshaw - Fuerteve

Alectoris barbara barbata 

Descrizione e considerazioni:  Questa forma presenta diversi caratteri morfologici piuttosto differenti dai conspecifici, ed in particolare: gola e sopracciglia grigio bluastro scuro; piume della gola con rachide appiattito allungato, con effetto “barba”; colletto marrone arancio con toppe grigiastre, non marrone-rosso con toppe bianche; piume dei fianchi con una sola spessa striscia nera, raramente vi è solo un vago accenno di una seconda striscia in alcune piume; diverso aspetto del collo, le sopracciglia non rompono il colletto; anche i valori delle misure morfometriche considerate, in particolare la coda, sono significativamente maggiori che in A. barbara. I risultati del test genetico condotto su 4 esemplari di A. barbara barbata indicano che la distanza genetica tra A. barbara dalla Sardegna e dalla Tunisia e A. barbara dalla Cirenaica era 0,060 (6%). Ghigi nel 1923 fu probabilmente l'ultimo ad essere interessato a questo taxon e considerò l'Alectoris barbata come una specie separata. Avendo avuto l'opportunità di tenerne in cattività diversi esemplari, ha sottolineato, in aggiunta ai caratteri morfologici sopra descritti, anche informazioni sul comportamento che lo ha supportato nel considerare A. barbata una specie separata ( Ghigi 1920, 1921, 1923 ). L'elevata distanza genetica 0,060 (6%), le caratteristiche morfologiche, e la differenza statisticamente significativa nella lunghezza della coda trovata tra i campioni dei due taxa analizzati indica che Alectoris barbara barbata dovrebbe essere considerata come un unità significativa evolutiva distinta ( ESU ), come per A. graeca whitakeri, la sottospecie endemica siciliana di Alectoris graeca ( Randi et al. 2003 ). Tuttavia, dovremmo tenere conto del fatto che le pernici sono specie sedentarie e che A. barbara barbata è endemica della penisola cirenaica nella Libia settentrionale e quindi separata dalle altre popolazioni nordafricane di A. barbara. Questo isolamento aumentò la differenziazione morfologica e genetica che divenne così importante che questo taxon poteva essere trattato come una specie separata, in seguito all'opinione espressa da Reichenow ( 1896, descrizione originale ), Salvadori & Festa ( 1916 ) e Ghigi ( 1920, 1921 , 1923 ). Un esame più attento deve essere effettuato con un numero maggiore di campioni, preferibilmente con materiale fresco. Inoltre, essendo una specie separata dall'ESU, sono necessarie indagini ecologiche e demografiche per valutare lo stato e monitorare le tendenze demografiche di A. barbata .

Foto da :  1-2-3    Salem Essaker  www.facebook.com  ( Wildbirdslibya )  

1 - Alectoris b.  barbata                                                                                2 - Alectoris b.  barbata                                               3 - Alectoris b. barbatai  

Alectoris_barbara_barbata_-_By_Salem_Ess
Alectoris b. barbata - By Salem Essaker
Alectoris barbara barbata - By Salem Ess

Alectoris barbara barbata 

Foto da :  1-2-3    Salem Essaker  www.facebook.com  ( Wildbirdslibya )  

1 - Alectoris b.  barbata                                                                                2 - Alectoris b.  barbata                                               3 - Alectoris b. barbatai  

68347211_2.jpg
Salem Essaker 2 (1).jpg
677 ok.jpg

Alectoris graeca  ( Coturnuce ).............................Meisner......1804

La specie è suddivisa in 4 sottospecie :

* Alectoris g. graeca...............Meisner.....1804 -Distribuita nella ex Jugoslavia sud-orientale, Bulgaria meridionale, Grecia, isole ioniche e probabilmente anche in Albania  ( Nonché in Italia nell’Appennino centro-meridionalesulle se non si considera A. g.orladoi come sottosèpecie ). 

* Alectoris g. saxatilis............Bechstein...1805 - Distribuita sulla Catena montuosa delle Alpi, dalla Francia all'est Austria sino a raggiungere l'ovest della Bulgaria.

* Alectoris g. whitakeri........Schiebel........1934 - Endemica della Sicilia con un piccola popolazione censita sul versante calabrese.

* Alectoris g. orlandoi.........Priolo..............1984 - Distribuita sulla Catena appenninica italiana. In riferimento a questa sottospecie  è stata formulata l’ipotesi che la popolazione appenninica sia da considerare diversa da saxatilis, ovvero A. g. orlandoi ( Priolo, 1984 ). Tuttavia tale ipotesi non è ancora stata confermata da specifiche analisi genetiche.

Nota: In riguardo alla distribuzione delle sottospecie Alectoris graeca:  Sunto del testo di Tommaso La Mantia & Bruno Massa "....  In merito a questa specie, essa presenta una certa variabilità geografica, che ha consentito nel corso di un secolo di suddividerla in popolazioni geografiche morfologicamente riconoscibili a cui sono stati dati nomi sottospecifici, e precisamente: Alectoris graeca graeca ( Grecia, Isole Ionie, Macedonia, Bulgaria, Albania ), Alectoris graeca saxatilis ( Alpi italiane, francesi, austriache e slovene occidentali, Croazia, Bosnia, Serbia e forse Montenegro ), Alectoris graeca orlandoi Priolo, 1984 ( Appennino centrale e meridionale ) e Alectoris graeca whitakeri ( Sicilia, un tempo si trovava anche a Pantelleria ed Eolie, ove è estinta ). La forma più affine a queste coturnici, in passato ritenuta conspecifica, è la Coturnice orientale, Alectoris chukar (Gray, 1830), che con diverse sottospecie è diffusa dall’Europa orientale all’Asia minore e Medio Oriente (Orlando, 1956, 1967; Priolo, 1984; Corso, 2010). È possibile che le popolazioni continentali (ad esempio quelle degli Appennini e quelle delle Alpi) abbiano avuto in un passato non molto remoto o abbiano tuttora contatti ed un certo flusso genico, che causa una certa variazione clinale, fatto che rende difficile una netta separazione. Tuttavia, la sottospecie siciliana è certamente quella in cui i caratteri salienti sono sempre riconoscibili con una certa facilità, probabilmente per il fatto che il suo isolamento è molto antico (almeno 100 mila anni Randi et alii, 2003). Quindi, indipendentemente dall’effettiva validità tassonomica delle sottospecie, argomento che esula dalle finalità del presente contributo, il loro piumaggio ha una certa variabilità e determinate caratteristiche che consentono di ascrivere con una buona approssimazione l’appartenenza di un esemplare alla popolazione siciliana o ad un’altra..... ".

Alectoris graeca graeca 

Foto da :  1-2-3  Autore:   Martin Flack 

1 - Alectoris graeca graeca                                                                2 - Alectoris graeca graeca                                                              3 - Alectoris graeca graeca

graeca graeca pare - Martin Flack hbw co
graeca graeca pare - Martin Flack hbw co
graeca graeca pare - Martin Flack hbw co

Alectoris graeca saxatilis

Foto da :  1  Diego Bonafé  www.flickr.com  -  2 -3  Joël Bruezière www.airleman.ch  

1 - Alectoris graeca  saxatilis                                                            2 - Alectoris graeca saxatilis                                                           3 - Alectoris graeca saxatilis 

Alectoris_graeca_saxatilis_Diego_Bonafé_
Saxatilis - Joël Bruezière www.airleman
Alectoris-greca saxatilis - www.valbrona

Alectoris graeca orlandoi

Foto da :  1-2-3  Emidio Civitillo - www.emidiocivitillocusanomutri.blogspot.com

1 - Alectoris graeca orlandoi                                                              2 - Alectoris graeca orlendoi                                                           3 - Alectoris graeca  orlandoi con prole

orlandoi Emidio Civitillo 2.jpg
orlandoi Emidio Civitillo 3 - Copia.jpg
orlandoi Emidio Civitillo 6 - Copia.jpg

Alectoris graeca whitakeri

Nota:  La più piccola tra tutti i conspecifici, con i maschi che difficilmente raggiungono i 600 grammi, mentre le femmine  solitamente non superano i 300-350 grammi, risulta altresì del tutto distinta dai consimili continentali. In Sicilia, nonostante la maggior parte della popolazione si trovi a livello del mare, la si può trovare ( e nidificante ) anche a quote di 2500 metri. 

Foto da :  1-2-3  www.amatofoto.it   

1 - Alectoris graeca whitakeri                                                          2 - Alectoris graeca whitakeri                                                          3 - Alectoris graeca whitakeri  

Whitakeri - www.amatofoto it 8.jpg
Whitakeri - www.amatofoto it   7 - Copia
Whitakeri - www.amatofoto it 3.jpg

Alectoris graeca  differenze :  Autore:  Andrea Corso                                                                                              Alectoris graeca  differenze :  Autore:   Lorenzo Starnini  

Nota: Un tratto di facile individuazione che distingue Alectoris  graeca da Alectoris chukar riguarda le redini che in questa ultima sono assenti, con la parte interessata totalmente bianca, mentre in Alectoris graeca si presenta nera. Per redini si intendono le strisce nere, ai lati delle aperture nasali, che partono dalla grande fascia nera che circonda la testa e arrivano sino alla base del becco, simbolizzando una sorta di redini. 

By Andrea Corso - Copia - Copia.png
Cattura222 (2) - Copia - Copia.png
Catturahhh (2) - Copia - Copia.png

Variabilità del modello/testa nella A. g.  whitakeri Autore:   Lorenzo Starnini

Catturafffg (2)_PNG - Copia.jpg

Alectoris chukar  ( Coturnice  chukar )................................Gray J. E. ...1830

La specie è suddivisa in 16 sottospecie: ​

* Alectoris c. chukar............... Gray J. E. ....................1830  -Distribuita nelle aree orientali di Afghanistane Nepal.

* Alectoris c. sinaica..............Bonaparte...................1858  -Distribuita dal sud del deserto siriano alla penisola del Sinai e presumibilmente sino al nord-ovest dell'Arabia Saudita; tuttavia alcune autorità limitano la specie al sud di quest'ultima, riconoscendo che A. c. ciprioti si trova da sud a nord di Israele, con differenza genetica tra le popolazioni  ( del nord e del sud )  che si presenta abbastanza marcata.

* Alectoris c. pubescens........Swinhoe......................1871 - Distribuita dall'ovest del Qinghai, Gansu e Sichuan al nord-est della Mongolia interna fino al Liaoning ( Cina ).

* Alectoris c. pallida................Hume A. O. ................1873 - Distribuita nel bacino del Tarim nell'ovest dello Xinjiang ( Cina ).

* Alectoris c. pallescens.........Hume A. O. ................1873  -Distribuita nel nord-est Afghanistan, sud Pamirs, nord-ovest dall'India sino all'ovest del Tibetan Plateau.

* Alectoris c. werae.................Zarudny & Loudon....1904  - Distribuita nell'est Iraq e sud-ovest Iran.

* Alectoris c. subpallida.........Zarudny......................1914  - Distribuita in Uzbekistan, Kazakistan meridionale e Tagikistan.

* Alectoris c. koroviakovi.......Zarudny......................1914  - Distribuita in est Iran e da est a ovest del Pakistan.

* Alectoris c. kleini ................ Hartert E. J. O. .......... 1915 -  Distribuita  dal sud-est al nord-est della Bulgaria e la Grecia, nord-ovest e nord della Turchia e Caucaso.

* Alectoris c. cypriotes ..........Hartert E. J. O. ..........1917 - Distribuita nel sud-ovest e sud-centro della Turchia, Cipro, Creta e Rodi ( Grecia )

* Alectoris c. falki....................Hartert E. J. O. ...........1917 - Distribuita nel nord-est Kazakistan,  Afghanistan settentrionale ed ovest Xinjiang ( Cina nord occidentale ).

* Alectoris c. kurdestanica....Meinertzhagen R. .... 1923 -  Distribuita nel sud del Caucaso, sud- est della Turchia, nord Siria, nord Iraq e nord Iran.

* Alectoris c. shestoperovi....Sushkin.......................1927 - Distribuita nel Turkmenistan e nord Afghanistan.

* Alectoris c. dzungarica........Sushkin......................1927 -  Distribuita nell'est del sistema montuoso del Tien Shan   ( Ovest Xinjiang - Cina ), Mongolia occidentale ( Monti Altai )e Repubblica di Tuva ( Russia ).

* Alectoris c. fallax..................Sushkin.......................1927 -  Distribuita nel sud dei monti Tien Shan nello Xinjiang occidentale ( Cina ).

* Alectoris c. potanini.............Sushkin.......................1927 -  Distribuita nell'ovest Mongolia e nel nord di Gansu e Mongolia interna ( Cina ).

Popolazioni miste, senza distinzione di sottospecie, di Alectoris chukar  e Alectoris graeca sono state introdotte nel Regno Unito, Russia, USA ( A. c. koroviakovi ), Canada, Messico, Sant'Elena e Nuova Zelanda ( A. c. koroviakovi ); sottospecie A. c. werae e presumibilmente A. c. ciprioti sono state introdotte negli Emirati Arabi Uniti.  

Nota: Pur essendo in possesso delle immagini di tutte le sottospecie che, tuttavia, essendo fenotipicamente molto simili tra loro, risulterebbero fotograficamente indistinguibili, vengono pubblicate solo quelle della forma nominale a riferimento della specie.

Alectoris chukar chukar  

Foto da :  www.orientalbirdimages.org  Authori:  1 Min Bahadur Gurung  - 2  Manjula Mathur  -  3   Nilay Desai

1 - Alectoris c. chukar                                                                          2 - Alectoris c. chukar                                                                        3 - Alectoris c. chukar

Alectoris chukar chukar - Gorkha Nepal -
A. c. chukar -male -  Uttarakhand, India  Manjula Mathur oriental 1 - Copia.jpg
Alectoris chukar chukar - Uttarakhand In

Alectoris magna   ( Coturnice  di przewalski )..................Przevalski.......1876

La specie è suddivisa in due sottospecie:

* Alectoris magna magna...................Przevalski...................................................................1876    Province del Qinghai e Gansu ( Cina centro settentrionale ).

* Aectoris magna lanzhouensis....... Liu Nai-Fa, Huang Zu-Hao & Wen Long-Ying........ 2004  –  Cina settentrionale, nel nord-est  Qinghai, centro Gansu e sud-ovest Ningxia.

Alectoris magna magna 

Foto da : 1 -  www.volkov-serge.livejournal.com   -   2  www.birdnet.cn   Autore:   Bian Hao   -   3  www.birdguides.com  Autore:  Ron Macintyre 

1 -  Alectoris magna  magna                                                             2 -  Alectoris magna magna                                                             3 -  Alectoris magna magna  

magna magna +- www.volkov-serge.livejour
1 Magna magna  ( Maduo County - Qinghai - China ) By www.birdnt_edited.jpg
A. m. magna Ron Macintyre - www.birdguid

Alectoris magna lanzhouensis   ( Coturnice di Lanzhou )......Liu Nai-Fa, Huang Zu-Hao e Wen Long-Ying........ 2004 

Descrizione: La sottospecie si differenzia notevolmente dalla forma nominale per la colorazione in generale color cannella scuro tendente al terracotta, e priva della tonalità sabbia sul dorso, ed il nero all'interno del collare è più ampio riespetto al marrone-rosso della parte esterna che prosegue sotto alla gola senza nessuna interruzione; bande nere sui fianchi più larghe ( 2,4 - 4,5 mm)  e meno mumerose ( 12 -15 barre), cosi come anche il becco è più alto e spesso. Nella A. m. magna la colorazione in generale è più chiara con impronte sabbiose sulle parti superiori; il nero all'interno del collare è più stretto rispetto al marrone rossiccio della parte esterna, che si restringe, e talvolta interrompe, sotto alla gola. bande nere sui fianchi significativamente più strette ( 1,6  - 3,0 mm ) ed in numero maggiore (16 -18 bar ); il becco è più sottile e meno arquato. Dalle analisi ( DNA compreso ) risulta che non c'è un aplotipo condiviso tra le due sottospecie, ed il flusso genico tra loro è limitato, ma è tuttavia pressoché certa la provenienza da un antenato comune. Dstribuzione geografica, morfologia e risultati dell'evoluzione molecolare, confermano che la Coturnice di przewalski può essere suddivisa in due sottospe Alecotoris magna magna e Alectoris magna lanzhouensis. 

Foto da : 1-2-3   Autore:   Lars Petersson  

1 -  Alectoris magna lanzhouensis                                                  2 -  Alectoris magna lanzhouensis                                                 3 -  Alectoris magna lanzhouensis 

magna%2520Lars%2520Petersen%2520www_edit
magna%2520Lars%2520Petersen%2520www_edit
magna%20Lars%20Petersen%20www.%20hbw_edi

Alectoris magna lanzhouensis  

Foto da : 1 -2-3   www.birdnet.cn  Autore: New   

1 -  Alectoris magna lanzhouensis                                                  2 -  Alectoris magna lanzhouensis                                                 3 -  Alectoris magna lanzhouensis  

Alectoris magna (subspecies) magna or la
Alectoris magna (subspecies) magna or la
Alectoris magna (subspecies) magna or la

Alectoris melanocephala  ( Coturnice araba )....................Ruppel......1835

La specie è suddivisa in due sottospecie:

* Alectoris m. melanocephala..........Rüppell.......................... 1835  -  Distribuita nel sud dell'Arabia, da Jedda meridionale all'ovest-centro dello Yemen e Oman occidentale ( Est Dhofar ); la popolazione apparentemente isolata che si trova nella regione di Jabal Akhdar, nei pressi di Muscat nel nord-est dell'Oman, è probabile che sia stata introdotta. Recentemente segnalata vicino a Madinah, nel nord di Hejaz ( Centro-ovest Arabia Saudita ), indicherebbe notevole estensione della loro gamma. Le osservazioni riguardanti popolazioni  a Jabal Hafit ( confine tra Emirati Arabi Uniti e Emirati Arabi Uniti ) è probabile che riguardino soggetti introdotti o fuggiti da allevamenti.

* Alectoris m. guichardi.....................Meinertzhagen R. .........1951 -  Si trova solo nella regione di Hadramaut  ( Yemen orientale ).

Nessuna registrazione accettabile in Eritrea, dove non è stata più osservata dal 1890 ed i precedenti dati è probabile che riguardassero esemplari rilasciati o fuggiti da qualche allevamento.

Alectoris m. melanocephala 

Foto da :  1-2-3  www.birdsofsaudiarabia.com  

1 - Alectoris m. melanochepala                                                        2 - Alectoris  m. melanochepala                                                    3 -  Alectoris m. melanochepala 

Melano melano - www.birdsofsaudiarabia c
Alectoris m melanocephala -  Jem Babbing

Alectoris m. guichardi 

Foto da :  

1 - Alectoris m. 

work_in_progress.png

Alectoris philbyi  ( Coturnice  di Philby ).....................Lowe................1934

Luoghi di origine:  Specie autoctona del sud-ovest dell'Arabia,  nord Yemen da ovest ad est e Oman dove ad est del paese è presente con piccole popolazioni. Di norma predilige dimorare ad altitudini superiori ai 2500 m.

Foto da :  1  Autore Pekka Fagel  -  2  www.birdsofsaudiarabia.com                                                        Foto da :  1-2  Jem Babbington  www.focusingonwildlife.com  

1 - Alectoris philbyi                                                                               2 -  Alectoris philbyi                                                                            3 -  Alectoris philbyi 

philbys- www.birdsofkuwait com  Autore P
Philbys_Partridge Jem Babbington  www.fo
Alectoris philbyi  Jem Babbington  www.f

Generi Alectoris e Ammoperdix: comprendono anche 4 specie di pernici dei deserti Medio Orientali poco conosciute.

Testo ( sintesi ) e foto da:  www.trofeocaza.com

Alectoris melanocephala e philbyi sono abitanti tipici della penisola arabica, condividendo le stesse aree   con A. heyi, mentre Ammoperdix griseogularis è distribuita più a nord, dalla Turchia al Pakistan.

Alectoris melanocephala:

I Monti Sarawat, sono catena montuosa che corre lungo  la penisola arabica parallela alla costa occidentale sino a raggiungere lo Yemen, e riparano le terre interne, sono l'habitat della pernice araba o ( Alectoris melanocephala ). È la specie più grande del Genere Alectoris, raggiungendo un peso di circa tre quarti di chilo ed una altezza di oltre quaranta centimetri. La sua gamma si estende dal sud-ovest Arabia Saudita, nord Yemen da est a ovest e Oman, dove ad est del paese è presente con piccole popolazioni. Predilige pendii e pianure arbustive fino a un altitudine di circa 1800 metri. Nel passato è stato considerato un come genere separato, oggi si sa che è strettamente imparentata con il resto delle congenere Alectoris, ed in particolare con Alectoris philbyi. In natura si ibrida con  Alectoris chukar e philbi.

Pewrcici diffeenze www.trofeocaza com.jp

Alectoris philbyi:                                                                                                                                                                                                                                                  

Ampiamente commercializzata come un uccello esotico in passato, è localmente ancora relativamente abbondante in Arabia Saudita  ma scarsa nello Yemen.  Originario della parte occidentale della penisola arabica, sulle catene montuose di Ajaz e Asir, predilige pendii desertici ad altezze comprese tra 1200 e 3600 metri, condividendo la sua area di distribuzione con la pernice araba ( Alectoris melanocephala ), sebbene occupi territori che si trovano più ad est, rispetto a quest'ultima, ed anche a maggiore altitdine.

Come aspetto è simile al resto delle Alectoris, ad eccezione della gola nera, caratteristica particolare che la differenzia dal resto dei congenere.

Attualmente, l'alterazione del loro habitat sta causando una chiara regressione della specie, ed in Yemen il loro futuro è piuttosto incerto.  Ciò ha dato origine ad un curioso movimento di conservazione delle specie, correlato a questioni religiose, in questo paese da parte di alcuni membri della comunità e per questo  alcuni rabbini hanno iniziato a organizzare piccole fattorie sparse in tutto il paese per garantire la sopravvivenza della specie.  

Ammoperdix heyi:  

Occupa aree desertiche o semi-desertiche della penisola arabica fino ad altezze da 1000 a 1500 metri, sebbene possa raggiungere il 2000, ma sempre nelle immediate vicinanze dell'acqua, piccole oasi o ruscelli.

Una caratteristica atipica di questa specie, rispetto alle congenere e non, è che sembra disprezzare le aree coltivate e/o con abbondanza di graminacee e semi, facendo degli insetti l'alimento primario o comunque un elemento nutrizionale molto importate nella loro dita. 

Generalmente vive riunito in piccoli nuclei costituiti da una decina di individui, anche se nelle vicinanze dell'acqua possono riunirsi in gruppi di 60-70  esemplari. 

Ammoperdix griseogularis:  

Più a nord-est, la pernice del deserto ( Ammoperdix heyi ) lascia il posto alla congenere Ammoperdix griseogularis. I loro habitat sono molto simili, aree pietrose prive di vegetazione, sebbene si trovino sempre vicino all'acqua, preferibilmente ad altezze fino a circa 1000 metri, nonostante possano raggiungere i 2000 metri sull'altopiano iraniano, dove si trovano le popolazioni più numerose. Il loro comportamento è molto simile a quello delle congenere.  

Genere Ammoperdix (  Gould.... 1851 )   

Ammoperdix heyi  ( Pernice della sabbia )..................Temminck........1825

La specie è suddivisa in due sottospecie:

* Ammoperdix h. heyi........................Temminck.................1825 –  Distribuita dalla valle del Giordano ( Israele ) alla penisola del Sinai e all'Arabia Saudita occidentale.

* Ammoderdix h. cholmleyi............. Ogilvie-Grant.............1897 –  Distribuita nell'Egitto centrale ad est del Nilo fino al nord del Sudan; 

* Ammoperdix h. intermedius..........Hartert E. J. O. ........ 1917 –  Distribuita nel sud della Arabia Saudita, Yemen, Oman e  Emirati Arabi Uniti.

* Ammoperdix h. nicolli.....................Hartert E. J. O. .........1919 –  Distribuita nel nord-est Egitto ( est del  Nilo ). 

Introdotta senza successo a Cipro.

Ammoperdix heyi heyi  ( Foto scattate sui monti Eilat - Israele ) 

Foto da :  www.hbw.com   Autori:  1   Stanislav Harvancik    -   2   MinoZig   -   3   Lior Kislev 

1-  Maschio                                                                                              2 -  Femmina                                                                                        3 - Maschio 

ammperdix heyi Stanislav Harvancik www.b
A. h. heyi - Lior Kislev - hbw com.jpg

Ammoperdix heyi cholmleyi ( Foto scattate a Sinkat - sud Sudan )

Foto da : Naturalist from Sudan  Autori: 1 Mohamed  Hazen   -   2-3  anaconda 2015   

1-  Maschio                                                                                              2 -  Femmina                                                                                        3 - Maschio 

A. h. cholo  Mohamed Hazem Egitto - Copi
Ammoderdix h. cholmleyi_Naturalis_from_S
A. h. cholmleyi - naturalis from Sudan -

Ammoperdix heyi intermedius   

Foto da :  1  Autore:  Zoltan Kovacs   -   2   Autore:   S. S. Suresh   -   3  www.BirdsOman com   Autore:  Jeans Eriksen 

1-  Maschio                                                                                              2 -  Femmina                                                                                        3 - Maschio 

Ammoderdix heyi intermedius - Shawka Dam, Ra's al-Khaimah, United Arab Emirates - Laurent
Ammoderdix heyi intermedius -  Al Aynen, Az¸ Z¸ahirah, Oman - S. S. Suresh - search  1 - C
Ammoderdix heyi intermedius +  Mudday Dhofar Oman - Hanne & Jeans Eriksen www.BirdsOman co

Ammoperdix heyi nicolli

Foto da :  

1-  Maschio                                                                                              2 -  Femmina                                                                                        3 - Maschio 

work_in_progress.png

Ammoperdix griseogularis ( Pernice golagrigia ).........Brandt...............1843

La specie è monotipica.

Luoghi di oridgine :  Estremo sud-est della Turchia, nord-est Siria,  sud  di Armenia e Iraq, da nord a sud-ovest del Kazakistan, da  est a  sud-est dell' Uzbekistan, ovest Tagikistan e Pakistan. Introdotto senza successo negli Stati Uniti.

Foto da : 1 www.birdphotoworld.sk   Autore:  Stanislav Harvančík -  2 www.calphotos.berkeley.ed  Autore: Behnam Ghorbani  - 3  www.flickr.com  Autore:  Kuzey Cem Kulocoglu 

1-  Maschio                                                                                              2 -  Femmina                                                                                        3 - Maschio 

Ammoperdix griseogularis - Stanislav Har
Griseogularis - Behnam Ghorbani - www.ca
A. griseogularis -  Kuzey Cem Kulaçoğlu

Genere Perdix  ( Brisson.... 1760 )   

Perdix perdix   ( Starna euroasiatica o pernice grigia ) ............Linnaeus......1758

Si tratta di un piccolo Galliforme dall'aspetto paffuto, lungo 28-32 cm, con dorso brunastro mentre petto e fianchi si presentano perlopiù grigi; zona ventrale, nei maschi, è solitamente biancastra contrassegnata da una grande macchia a formare una sorta di ferro di cavallo marrone, tuttavia, non di rado, anche le femmine possono avere tale caratteristica più o meno definita. Il dimorfismo sessuale è poco evidente e l'unica costante differenza tra i sessi è la cosiddetta croce di Lorena sulle copritrici terziarie delle femmine che risultano contrassegnate da due barre trasversali, contrariamente a quella dei maschi, visibile dopo circa 16 settimane di vita, cioè quando viene completato il piumaggio adulto.  La deposizione, in natura, consiste da un massimo di 18-20 uova. Dopo la schiusa, nel corso dei primi 8-10 giorni, i piccoli si nutrono quasi esclusivamente di insetti per far fronte  al grande fabbisogno proteico.  E' specie stanziale che forma stormi al di fuori della stagione riproduttiva. 

Sul campo, gli esemplari rilasciati sono spesso riconoscibili dal loro comportamento docile e domestico, addomesticato, dalla dimensione del gruppo innaturalmente grande e, non di rado, dalla forma del becco "simile a un rapace". La mandibola superiore, e non solo,  nei soggetti allevati è spesso notevolmente più lunga della mandibola inferiore conferendole un aspetto simile a quello di un rapace. Ciò è causato, sia dalla manualità e relativi sistemi antibeccaggio, che dalla fornitura di cibo in pellet che offre ben poche possibilità di consumare la punta del becco. In allevamento si può anche notare una forte usura sulle punte delle primarie, causata dal camminare su e giù ai lati delle sezioni della penna in rete metallica. Gli uccelli allevati non dovrebbero mai essere inanellati.

La specie è suddivisa in otto sottospecie ( geografiche ) :

* Perdix p. perdix..........................Linnaeus....................................1758  - La forma nominale si trova nelle isole britanniche, Scandinavia meridionale, Italia e Balcani

* Perdix p. robusta........................Homeyer e Tancré....................1883  - La pernice grigia sudorientale, è distribuita dagli Urali alla Siberia sudoccidentale e Cina nord- occidentale

* Perdix p. hispaniensis...............Reichenow................................1892 -  La pernice iberica, rinvenuta dai Pirenei centrali al nord-est del Portogallo

* Perdix p. sphagnetorum...........Altum.........................................1894 -  Vive nelle brughiere che si trovano nel nord dei Paesi Bassi e della Germania nord- occidentale.

* Perdix p. lucida...........................Altum.........................................1894  - La pernice grigia orientale,è distribuita dall'est della Finlandia agli Urali ed a sud fino al nord Cucaso

* Perdix p. canescens...................Burturlin....................................1906 - La pernice grigia del sud, è distribuita dalla Turchia alle aree che si trovano  est del Caucaso meridionale e nel nord- ovest dell'Iran.

* Perdix p. armoricana.................Hartert.......................................1917 -  Si trova in aree piuttosto circoscritte ( localmente ) della Francia. 

* Perdix p. italica...........................Hartert.......................................1917 - La pernice  grigia italiana è estinta

Diffusa e comune in gran parte del suo areale, la starna è valutata come "minore preoccupazione" nella Lista Rossa IUCN delle specie minacciate. Tuttavia, ha subito un grave declino nel Regno Unito e nel 2015 è stata inserita nella Lista Rossa "Birds of Conservation Concern". Questa specie si riproduce sui terreni agricoli di gran parte dell'Europa e Asia occidentale, ed è stata ampiamente introdotta in Canada, Stati Uniti, Sud Africa, Australia e Nuova Zelanda. Nel Nord America, è nota come "pernice ungherese" o semplicemente "hun". Sono anche una specie terrestre stanziale e formano stormi al di fuori della stagione riproduttiva.

Nota: Fotograficamente le varie sottospecie risultano difficilmente distinguibili, quindi vengono pubblicate, come riferimento generale, solo quella della forma nominale, soffermandomi in particolare, sul riconoscimento dei sessi non sempre di facile determinazione.

Foto da :  1  www.picfair.com   Autore:  Fred  Visscher     -    2 - 3   Autore:  Jivko Nakev

1 - Maschio                                                                                              2 - Femmina                                                                                                                      3 -  Maschio 

Perdix perdix  fred visscher www.picfair
Perdix female Jivko Nakev.PNG
Perdix  www.jungledragon.com.PNG

Dimorfismo sessuale, come distinguere con relativa facilità maschi e femmine.

Testo e immagini da: https://www.gwct.org.uk/game/advice/how-to-sex-and-age-grey-partridges/

Caratteristiche che dovrebbero essere considerate per determinare sesso ed età:

1 - Sfumatura della testa e colore del becco

2 - Schema nascosto delle ali

3 - Forma delle penne primarie

4 - Colore delle zampe

Determinare il sesso

Caratteristiche facciali degli uccelli adulti:

Nella mano, le pernici grigie maschi e femmine adulte sono separate usando differenze nelle caratteristiche facciali e nel disegno sugli scapolari, sulle copritrici alari minori e mediane. I maschi hanno una faccia color arancio, un lungo sopracciglio e una gola con una pelle nuda rossastra chiaramente visibile sopra, dietro e sotto l'occhio. Quest'ultimo è più prominente e rosso vivo a fine inverno/primavera e di solito molto più piccolo e sbiadito in autunno. Le femmine hanno tipicamente una faccia arancione-marrone e un sopracciglio bianco. Tuttavia, alcune femmine mancano di un sopracciglio biancastro e altre hanno una faccia più biancastra che marrone. Il colore del becco negli uccelli adulti è marrone-corno sfumato di grigio m

Figura 1 A 

Sinistra: maschio adulto ( aprile ) che sfoggia un piumaggio riproduttivo. Notare la pelle nuda di colore rosso vivo intorno agli occhi, piume facciali uniformemente arancioni e copritrici auricolari marrone-oliva. <Credito fotografico: Eckhard Gottschalk>  
Destra: maschio adulto ( ottobre ) in muta delle piume  attiva. Piume facciali arancio pallido molto consumate (fronte, striatura oculare, gola) in netto contrasto con le nuove piume color cannella (redine e guancia). In questa fase, i maschi con piumaggio pesantemente consumato possono essere confusi con le femmine in base ai soli lineamenti del viso (specialmente nel caso di femmine senza sopracciglio bianco). < Credito fotografico: Francis Buner>

Fig1.jpg

Figura 3 B < Croce di Lorena > 

Il dimorfismo sessuale è poco evidente e l'unica costante differenza tra i sessi è la cosiddetta croce di Lorena sulle copritrici terziarie delle femmine che risultano contrassegnate da due barre trasversali, contrariamente a quella dei maschi, visibile dopo circa 16 settimane di vita, cioè quando viene completato il piumaggio adulto.  

Sinistra: femmina adulta ( gennaio ) che presenta il caratteristico piumaggio invernale completo; sopracciglio bianco prominente con faccia e gola marrone-arancio. Nota becco grigio medio tinto corno-marrone, tipico per gli adulti dal secondo anno solare in poi. < Credito fotografico: Francis Buner > 

Destra: giovane femmina ( ottobre ) dalla faccia insolitamente biancastra dopo aver effettuato la completa muta post-giovanile (tutte le piume facciali adulte). Notare il becco di colore scuro, tipico degli uccelli giovani nel loro primo anno solare. (Credito fotografico: Francis Buner)

cross-of-lorraine.jpg

Figura 4 A:  
Di norma i maschi, sul fondo biancastro del ventre, presentano una macchia ben definita marrone castano o nera ("ferro di cavallo"), mentre nelle femmine, solitamente, si riduce a poche macchie nere su un ventre bianco (nel 15% circa è assente).  Tuttavia, alcune femmine (soprattutto le più anziane), possono essere contraddistinte da un piccolo, quando non addirittura grande, ferro di cavallo. Quindi la presenza o meno, di questo carattere, non è un indicatore affidabile del sesso.  Pertanto, è sempre consigliabile controllare il modello scapolare.
Sinistra: maschio con tipico ferro di cavallo. <Credito fotografico: Markus Jenny> 
Destra: femmina con ferro di cavallo molto attenuato. <Credito fotografico: Markus Jenny>

horseshoe.jpg

Determinazione dell'età: Piumaggio e muta
Il piumaggio del corpo giovanile è quasi completo a quattro settimane, ma la coda non prima delle sei settimane. La muta del corpo post-giovanile inizia con la primaria interna (P1) all'età di quattro o cinque settimane. La muta del corpo inizia tra le sei e le sette settimane con le penne posteriori e i fianchi. La muta degli scapolari e delle copritrici minori inizia all'età di otto settimane. La muta delle penne del petto, incluso il ferro di cavallo, è completata tra le nove e le dieci settimane. La muta della testa inizia a 10 settimane e le penne facciali sono completamente acquisite all'età di 13 settimane. La mutazione giovanile è completa a 17 settimane in ottobre-novembre (estremi a gennaio), ad eccezione delle due primarie esterne (P9 e P10) che vengono mantenute almeno a settembre del secondo anno solare.

Gli adulti subiscono una muta completa post-riproduttiva, che inizia con P1 a metà giugno o all'inizio di luglio (nelle femmine quando le uova si schiudono), con alcuni fino all'inizio di agosto. In genere termina con le primarie esterne all'inizio di novembre. L'invecchiamento dopo la completa mutazione post-giovanile viene effettuato in base alla forma delle punte delle primarie P9 e P10. Negli adulti tutte le punte primarie sono arrotondate, mentre le primarie più esterne conservate P9 e P10 dei giovani sono più strette e appuntite di quelle degli adulti.

Figura 6: Starne nel piumaggio giovanile all'età di sei-sette settimane, 19 agosto. Gli uccelli sono per lo più nel piumaggio giovanile con la corona e i lati della testa ancora seppia scuro, finemente striato di bianco sporco. Collo, mantello, petto e fianchi bruno fulvo con striature del gambo fulvo chiaro. Scapolari e terziali sono di un nero opaco con barre color cuoio chiaro e striature dell'asta. Le copritrici dell'ala superiore minore e mediana sono marroni con striature dell'asta color camoscio chiaro e bordi ampi color camoscio. Nota muta del corpo iniziata sui fianchi inferiori e sul petto superiore. Gli uccelli a questa età non possono essere sessuati. (Credito fotografico: Markus Jenny)

juveniles.jpg

Figura 9:                                                                                                                                                   Sinistra: Ala dell'adulto, 2 ottobre (codice età 4). Primarie più esterne P8, P9 e P10 ancora in crescita e chiaramente arrotondate. (Notare le distinte striature biancastre degli alberi delle copritrici alari minore e mediana che identificano questo uccello come maschio.) (Credito fotografico: Francis Buner) A
Destra: Ala di giovane, 2 ottobre (codice di età 3). P7 in crescita, P8 in pin e non visibile, P9 e P10 sono penne giovanili conservate e chiaramente appuntite, il resto dell'ala è adulto. Si noti inoltre che il motivo a barre su P9 e 10 è più stretto sulle penne giovanili rispetto alle primarie adulte 1-7. (Il motivo a "Croce di Lorena" sulle copritrici mediana e minore identifica questo uccello come femmina.) (Credito fotografico: Francis Buner)

wings.jpg

Figura 2 

Sinistra: femmina adulta ( gennaio ) che presenta il caratteristico piumaggio invernale completo; sopracciglio bianco prominente con faccia e gola marrone-arancio. Nota becco grigio medio tinto corno-marrone, tipico per gli adulti dal secondo anno solare in poi. < Credito fotografico: Francis Buner > 


Destra: giovane femmina ( ottobre ) dalla faccia insolitamente biancastra dopo aver effettuato la completa muta post-giovanile (tutte le piume facciali adulte). Notare il becco di colore scuro, tipico degli uccelli giovani nel loro primo anno solare. (Credito fotografico: Francis Buner)

Fig2.jpg

Non solo croce di Lorena - Considerazione personale - Foto da: www.gallowayfarm.files-wordpress.com

Un altro particolare, che mi permetto di aggiungere a quanto già menzionato, riguarda la "barratura" di sella, groppa e groppone che, come si evince anche dall'immagine, è piuttosto diversa e, nei maschi, si presenta sempre molto più definita.  

Perdix p. perdix  gallowayfarm.files.wor

D. Sessare i giovani  nella corso della muta post-giovanile:
In allevamento, quanto allo stato selvatico, i soggetti 
con piumaggio giovanile non possono essere sessuati. Tuttavia, una volta che la muta post-giovanile è progredita allo stadio in cui vengono acquisite le prime caratteristiche dell'adulto, diviene possibile, soprattutto in allevamento. In natura serve molta più attenzione, e particolarmente quando la muta è appena iniziata, poiché i tratti del viso di giovani e femmine possono sembrare molto simili a distanza. Una volta che la muta della testa è a circa metà del suo compimento (tipicamente in settembre-ottobre, all'età di 10-11 settimane), il sessaggio è possibile anche in sul campo.

I maschi hanno sempre più piume facciali arancioni rispetto alle femmine e mai il sopracciglio bianco. Il colore del becco dei giovani è grigio ardesia scuro. In allevamento, ricontrollare sempre il motivo scapolare 'Croce di Lorena', forma delle primarie e colore delle zampe.

Figura 5 A:  
Sinistra: giovane maschio (ottobre) in muta post-giovanile attiva. Notare le nuove piume facciali color arancio, compreso il sopracciglio ampio ma incompleto; piume post oculari e la corona in muta attiva o ancora giovanile; piume giovanili marroni bianche nella zona del collo contrastano chiaramente con il nuovo piumaggio grigio da adulto. Anche il becco, nei soggetti giovani, è scuro. <Photo credit: Francis Buner>
Destra: giovane femmina (gennaio) con piumaggio adulto quasi completo. Muta di copritrici auricolari a metà del completamento e piume giovanili arancio-marroni sbiadite tra l'occhio e la mandibola inferiore in contrasto con le piume da adulto arancione/marrone più scure su fronte e gola. Inoltre, rimangono ancora piume giovanili striate di bianco sul lato della parte superiore del petto (cerchiate in rosso). <Credito fotografico: Francis Buner>

fig5.jpg

Figura 7:  
Sinistra: Starne nel piumaggio giovanile all'età di sette-otto settimane, 26 agosto. Uccelli ancora per lo più con piumaggio giovanile ma muta del petto più avanzata rispetto alla Figura 6, che mostra piume grigie più adulte. Si noti che le penne del petto inferiore a questa età sono ancora giovani insieme a scapolari e copritrici alari (non visibili in questa foto), e quindi il sessaggio non è ancora possibile. (Credito fotografico: Markus Jenny) A
Destra: Pernice grigia giovanile in un'età di nove a 10 settimane. Piume del fianco e del petto prevalentemente adulte con solo poche penne giovanili color camoscio striate che rimangono sul fianco superiore. Nell'ala, le nuove copritrici minori e mediane più scure contrastano con le piume giovanili più chiare. Gli scapolari sono ancora giovani. (La mancanza di un ferro di cavallo e la presenza del motivo 'Croce di Lorena' nelle nuove copritrici alari identifica questo uccello come una femmina). (Credito fotografico: Alexis de la Serre)

juveniles2.jpg

Figura 8:  Gruppo di giovani starne all'età di circa 12 settimane. Uccelli in primo piano da sinistra a destra. 

* Femmina (notare muta ancora incompleta della testa e del collo, che mostra un piumaggio prevalentemente giovanile, ma sopracciglio bianco insieme a un motivo femminile sugli scapolari).

* Maschio

* Maschio (notare il modello maschile sugli scapolari in entrambi gli uccelli e la muta quasi completa delle penne facciali, ma le penne del collo sono ancora per lo più giovani).

Nota anche le zampe giallastre di tutti gli uccelli. <Credito fotografico: Francis Buner>

subadults2.jpg

Colore delle zampe: I giovani (codice di età 3) possono essere invecchiati anche sul colore delle gambe, che è giallo-marrone. Gli uccelli che quindi nel loro secondo anno solare cambiano il colore delle zampe in grigio da metà a fine inverno, quindi da gennaio in poi, il colore delle zampe non dovrebbe essere usato per invecchiare gli uccelli.
Figura 10:                                                                                                                                    Sinistra: giovane con zampe giallastre. <Credito fotografico: Francis Buner>  
Destra: adulto con zampe grigie. <Credito fotografico: Francis Buner>

legcolour.jpg

Perdix dauurica  ( Starna o pernice di Dauria o orientale ).......................Pallas......1811

La specie è suddivisa in tre sottospecie : 

* Perdix d. dauurica.....................................Pallas...............  ..1811 - Si trova in Russia e Transbaikalia, Uzbekistan, est Kirghisia diramandosi su ampia parte della catena montuosa egli Altai,  Kazakistan, Xinjiang e Inner Mongolia ( Cina ), Mongolia. 

 * Perdix d. suschkini  ( o przewalskii )....Poliakov...............1915 - Distribuita nell'estremo oriente russo e dal centro della provincia del Qinghai, all'Heilongjiang ( Cina )

** Perdix d. przewalskii ( susckini )......... Sushkin...............1926 - Sottospecie non riconosciuta dalla maggior parte degli autori ed  inglobata nella forma P. d. susckini

È molto simile alla pernice grigia ( Perdix perdix ), ma ne differisce per la colorazione in generale dai cromatismi meno intensi ( grigio e rosso-ocra più chiari ); la macchia addominale ( ferro di cavallo ) si presenta nera o nerastra, anziché marrone scuro come nella congenere Perdix perdix, inoltre sotto l'occhio si evidenzia una sottile striscia nera; banda rossastra-ocra, presente ed evidente, soprattutto nella sottospecie P. d. suschkini, che dalla gola allargandosi, si congiunge con la macchia addominale. In autunno e inverno  sia i maschi, quanto le femmine, sfoggiano piume allungate ai lati della gola: una sorta di "barba" < da qui il termine di Pernice barbuta >. Delle 3 sottospecie riconosciute, due si trovano in Siberia dove sono considerate piuttosto comuni.  La sottospecie nominale P. d. dauurica presenta una colorazione grigia solitamente più scura, ed è comune in molte zone della Siberia meridionale, tra cui Transbaikalia.  In Russia P. d. suschkini  si trova ad est nella parte alta del fiume Amur e rispetto alla sfoggia una colorazione grigia più chiara in contrapposizione a toni più pronunciati di rosso e ocra.

Perdix d. dauurica 

Foto da :   www.birds.kg   Autori: 1  Philippe Campeau  -  2   Nurlan Kalchinov   -   3    www.russia.birds.watch  Autore:  Valerii Bogdanovich 

1 -  Maschio                                                                                             2 - Femmina                                                                                         3 - Maschi

Perdix%20d.%20dauurica%20%20-%20Kirghisi
Perdix%20d.%20dauurica%20%20-%20Kirghisi
Perdix%20d.%20dauurica%20%20-%20Russia%2

Perdix d. suschkini 

Foto da :  1  www.cnbird.org.cn   Autore: Tianfu   -   2-3   www.birdnet.cn  Autore:  Yinuo  

1 - Maschio                                                                                              2 - Femmina                                                                                                                      3 -  Maschio 

Autore - Tianfu - Heilongjiang - www.cnb
Perdix dauurica suschkini - Yinuo 6.jpg
1 starna cinese poseidon2 - Copia.jpg

Perdix hodgsoniae  ( Starna o pernice del Tibet )..........................Hodgson......1856

La specie è suddivisa in tre sottospecie:

* Perdix h. hodgsoniae.................Hodgson.................................................................1856 – Sud Tibet ( Cina ), Bhutan, Nepal, est e nord-est India ( ovest Arunachal Pradesh e Assam ). Tuttavia, recenti immagini ( 26-11-2020 ) sembrerebbero indicare che la forma nominale si trova anche nel Jammu & Kashmir ( Ladakh ), quindi, sovrapponendo si alla forma conspecifica Perdix h. caraganae. Questo significherebbe, ammesso che non si tratti di un ingannevole effetto fotografico o, esemplari rilasciati, che la sottospecie, contrariamente a quanto riportato nella letteratura, occupi tutto il nord dell'India.                                                                                                                                                                                        * Perdix h. sifanica.........................Przevalski.................................................................1876  – Centro Qinghai, centro e sud Gansu, est Tibet e centro e sud del Sichuan. 

* Perdix h. caraganae....................Meinertzhagen R. & A. C. Meinertzhagen A. C. ...1926  – Est Kashmir e Ladakh ( Nord-ovest India ),  nord Uttarakhand ( India ), sud-ovest Tibet ( Cina) . 

Descrizione:  "... Il nome scientifico "Sacfa hodgsoniae" fu attribuito da Brian Houghton Hodgson in commemorazione per commemorare della prima moglie, Anne Scott. Il genere originale proposto da Hodgson era basato sul nome che i tibetani utilizzano < Sakpha > per questa specie . Coda, con 16 penne, mentre la maggior parte delle altre specie di Perdix ne hanno 18. Gli studi filogenetici collocano le specie come basali all'interno del genere. Il dimorfismo sessuale è pressoché inesistente, con i sessi che presentano le stesse dimensioni, tuttavia le femmina è solitamemte distinguibile per la colorazione più spenta, ed il portamento meno impettito. Sia i maschi quanto le femmine non presentano speroni sulle zampe. Si nutrono a terra nelle regioni di alta quota con scarsa vegetazione, spostandosi in coppia nel corso dell'estate e riuniti in gruppi fuori dal periodo riproduttivo Ad oggi sono riconosciute tre sottospecie che differiscono principalmente in alcune sfumature del piumaggio, diventando più scure verso est. Nelle aree tibetane sono ampiamente distribuite e presentano alcune variazioni nel piumaggio all'interno delle stesse popolazioni.

* * P. h. hodgsoniae: si trova nel Tibet sud-orientale ed attraverso l'estremo ovest del Bhutan ed il Nepal occidentale fino all'India nord-orientale (Assam e Arunachal Pradesh ). L'ampio colletto nucale si presenta color castagno scuro con il nero delle guance che si estende  sotto la gola a formare una sorta di collare.

* * P. h. sifanica:  Cina centro-occidentale ( province del Qinghai e Gansu ) fino a raggiungere il Tibet orientale ed il Sichuan centrale e meridionale  Pressoché identica alla forma nominale, ma il nero della guancia è limitato.

* * P. h. caraganae:  si trova nell'India nordoccidentale e nel Tibet orientale. Il colletto nucale è stretto e con una colorazione castagno-giallastro pallido...".

Perdix h. hodgsoniae 

Foto da:  1 - 2 - 3   www.pinsdaddy.com   -   3  Autore:  Karl Hu 

1 - //////                                                                                                  2 - //////                                                                                                 3 - /////

Autore - Village chief - plateau 2.jpg
Autore%20-%20Village%20chief%20-%20plate
Perdix h. hodgsoniae Xiongse Temple Tibe

Perdix h. sifanica

Foto da :   www.birdnet.cn  Autori:  1   Small teapot  -  2   休闲男    -   3  Hebei Laoxu 

1 - //////                                                                                                  2 - //////                                                                                                 3 - /////

Hodgsoniae sifanica - Small teapot.jpg
Perdix hodgsoniae sifanica - Uomo per il
Perdix hodgsoniae sifanica - Hebei Laoxu

Perdix h. caraganae                                                                                                

Foto da:   Autori 1  Ashwin Mohan    -   2  www.orientalbirdimages.org  Autore:  Dhritiman Mukherjee   -   3  Harshavardhan Jamakhandi  

1 - //////                                                                                                  2 - //////                                                                                                 3 - /////

Perdix h. caraganae - Mandachan la Lhe (
si Perdix hodgsoniae caraganae  Dhritima
A. b koenigi - Colin Bradshaw - Fuerteve
Perdix h. caraganae -Hemis NP Lhe ( lada

Perdix h. hodgsoniae o caraganae ?

Nota: Come già precedentemente menzionato, alcune immagini, come quelle sottoposte, sembrerebbero indicare che la forma nominale si trova anche nel Jammu & Kashmir, quindi, ed ammesso che non si tratti di un ingannevole effetto fotografico, o esemplari rilasciati, comunque poco verosimile, considerata la località in questione, ciò significa che la specie occupa, contrariamente a quanto riportato nella letteratura, tutto il nord dell'India.

Foto da:  1-2   Autore:   Karma Sonam   ( Località: Rumtse Leh <Ladakh> Jammu & Kashmir  - India )

1 - Perdix hodgsoniae hodgsoniae o caraganae ?                                                                                2 - Perdix hodgsoniae hodgsoniae o caraganae ?

Perdix h. caraganae ( sembra nominale )
Perdix h. caraganae ( sembra nominale )

Genere Bambusicola  ( Gould.... 1862 )  

Nota comunemente come «pernice del bambù», è originaria dell'Asia orientale sud-orientale. La specie B. sonorivox, endemica in Taiwan, introdotta anche in Giappone, viene da alcuni autori, considerata una sottospecie della pernice del bambù della Cina. Le dimensioni sono paragonabili a quelle di una starna eurasiatica, mentre il dimorfismo sessuale ( Considerando il piumaggio ) è poco evidente, tuttavia i maschi presentano uno sperone tarsale che è assente nelle femmine. La coda cuneiforme, relativamente lunga, è costituita da 14 timoniere.

La specie è suddivisa in tre sottospecie:

* Bambusicola fytchii ........................Anderson..............................1871  -  Pernice del bambù montana   

* Bambusicola thoracicus.................Temminck.............................1815  -  Pernice del bambù della Cina  -  Cina orientale e Giappone dove è stata introdotta.

* Bambusicola sonorivox..................Gould.....................................1863  -  Pernice del bambù di Taiwan  -  Endemica dell'isola di Taiwan e introdotta in Giappone.

Bambusicola fytchii  ( Pernice del bambù montana )...........Anderson…...1871

Descrizione:  Il colore del becco varia a seconda dei sessi, bruno-nerastro nei maschi, mentre nelle femmine è bruno-corno scuro con apice e mandibola inferiore più chiari. Inoltre il maschio è dotato di un forte sperone tarsale, del tutto assente nella femmina, mentre per il resto sono molto simili, anche in riguardo all'iride, marrone o bruno-giallastra chiaro e zampe, bruno-oliva. Tuttavia, nel maschio adulto il vertice, la nuca e la parte alta del mantello sono bruno-rossastro; sopracciglio bianco-camoscio, sottolineato da una linea nera che inizia dietro l'occhio; gola, parte bassa delle copritrici auricolari e la parte anteriore del collo presentano una vivace tinta camoscio ampiamente macchiata e striata di bruno-rossastro ai bordi del petto. I fianchi biancastri sono in gran parte segnati da macchie scure a forma di cuore; parte centrale del ventre e zona anale di colore camoscio puro; parti superiori bruno-oliva grigiastro, con evidenti segni neri e castani su mantello, scapolari e copritrici alari; dorso, groppone e copritrici sub-alari con vermicolazioni grigie; primarie e secondarie di colore rosso; timoniere esterne rosse barrate di marrone, mentre le centrali barrate di camoscio e marrone. La femmina è molto simile al maschio, ma presenta la linea dietro l'occhio marrone-rossiccia e non nera. I giovani si distinguono dalla femmina per avere il vertice in rosso più chiaro, le parti superiori meno rosse e il petto più grigio con qualche barra scura.

La sottospecie B. f hopkinsoni è visivamente distinguibile dalla conspecifica nominale per la colorazione in generale della livrea dai toni maggiormente fulvi e marrone, ed in particolare riguardanti testa, collo, parte alta del petto e zone superiori.

Bambusicola fytchii fytchii 

Foto da :  1-2  www.orientalbirdimages.org  Autore:  Myron Tay   -  3   www.birdnet.cn   Autore: 在法院散步

1 - Maschi                                                                                                 2 -  Femmina                                                                                        3 -   Coppia              

Bambusicola fytchii pernice del bambu di
Bambusicola%20fytchii%20fytchii%20female
Una passeggiata in tribunale   5.jpg

Bambusicola fytchii hopkinsoni

Foto da :  www.orientalbirdimages.org  Autori:  1   Firoz Hussain   -   2  Manjula Mathur   -  3   P V Subramaniam & Sarita Subramaniam 

1 - Maschio                                                                                              2 -  Femmina                                                                                        3 -  Coppia                    

Fytchii hopkinsoni male    Firoz Hussain
Bambusicola%20fytchii%20hopkinsoni%20fem
Fytchii hopkinsoni coppia -  P V Subrama

Bambusicola thoracicus ( Pernice del bambù della Cina ).......Temminck........1815

Descrizione: Becco grigio con apice nero; iride marrone scuro; zampe grigio-oliva. I sessi sono pressoché identici, tuttavia il maschio è dotato di un forte sperone tarsale del tutto assente nella femmina; coda relativamente lunga e graduata. Negli adulti di entrambi i sessi, il vertice e la nuca sono marroni, con piume rossastre all'estremità. La fronte, le redini ed il sopracciglio presentano una colorazione grigio-bluastro; gola, parte inferiore delle copritrici auricolari, fianchi e la parte anteriore del collo sono rosso-ruggine; parte bassa del collo ed alta del petto di colore grigio-bluastro con al di sotto una stretta fascia rossa; resto delle parti inferiori  camoscio-cannella, con grandi macchie scure o nere e castane a forma di cuore; zona superiore marrone-oliva chiaro, con vermicolature grigie e grandi macchie nere e castane, nonché piccoli punti bianche su mantello, scapolari e copritrici alari; groppone, dorso e copritrici sotto caudali marroni, con piccole macchie nere sparse; primarie e secondarie grigio-bruno; coda rossastra con delle barre marrone scuro e cannella.

I giovani presentano una colorazione più opaca rispetto a quella degli adulti, con il rosso meno brillante; testa marroncina, sopracciglio camoscio; parti inferiori finemente striate di camoscio.

Foto da :   www.birdnet.cn   Autori:  1  Yandang Mountain   -   2   Guiyang Lao Li   -   3   Wei Wei Qinling bambu

1 - Maschio                                                                                              2 -  Femmina                                                                                        3 -  Coppia                    

Yandang Mountain 1.jpg
Autore - Guiyang Lao Li - bambusic 1 - C
Wei Wei Qinling bambu.jpg

Bambusicola sonorivox  ( Pernice del bambù di Taiwan )........ Gould.......1863

Descrizione: Sino a non molto tempo fa veniva ritenuta una sottospecie della conspecifica B. thoracicus. Pur essendo piuttosto simili,  B. sonorivox è facilmente distinguibile per la colorazione generalmente più scura del piumaggio e la fine vermicolazione nera sulla larga banda pettorale grigia. I fianchi, di  colore camoscio più brillante, sono punteggiati di castano ( e non nero ). La parte rossa sulla gola, inoltre, è meno sviluppata ed è limitata alla parte centrale della stessa. Tuttavia, come la congenere continentale, ha il becco grigio con la punta nera, l'iride marrone scuro e le zampe grigio-oliva. I sessi sono identici, ma il maschio è dotato di un forte sperone tarsale del tutto assente nella femmina; coda relativamente lunga e graduata. Negli adulti di entrambi i sessi, il vertice e la nuca sono marroni, con piume rossastre all'estremità; fronte, redini e sopracciglio sono di colore grigio-bluastro. Guance, collo e parte alta del petto grigio-bluastro in netto contrasto con la colorazione camoscio-cannella contraddistinta da grandi macchie scuri ( o neri ) e castane a forma di cuore, delle parti inferiori; regione superiore marrone-oliva chiaro con vermicolazioni grigie e grandi macchie nere e castane, nonché piccoli punti bianchi su mantello, scapolari e copritrici alari; groppone, dorso e copritrici sottocaudali marroni con piccole macchie nere sparse; primarie e secondarie grigio-brune; coda rossastra con delle barre marrone scuro e cannella.

Foto da :  1  www.blog.xuite.net   -   2   www.hiveminer.com   Autore:  Sullivan   -   3   www.tulaoer.org 

1 - Maschio                                                                                              2 -  Femmina                                                                                        3 -  Coppia                    

Bambu thoracicus - blog.xuite net   4 -
By%20sullivan%20hiveminer%20com%2010_edi
Bambusicola thoracicus - www.tulaoer org

Genere Rollulus  ( Bonaparte..... 1786 ) 

Descrizione e comportamento:  La pernice crestata ( Rollulus roulroul ) nota anche come come pernice crestata , roul-roul, pernice dal ciuffo rosso, quaglia verde o pernice verde è un uccello appartenente alla famiglia dei Phasianidae ordine Galliformi, ed è l' unico membro del genere Rollulus .

Questa piccola pernice si trova nelle foreste pluviali di pianura del sud Birmania , nel sud della Thailandia, in Malesia ,Sumatra e Borneo. Il  nido, celato all'interno di qualche cespuglio o erbe alte, consiste in una piccola depressione del terreno foderato con vegetali e piume, entro il quale vengono deposte 5 o 6 uova bianche incubate per 18 giorni. Insolitamente, per dei Galliformi, i giovani vengono nutriti/imbeccati da entrambi i genitori, invece di cercare il cibo a terra come i fanno solitamente i pulcini di altre specie, terra, e sebbene precoci, tendono a riutilizzare il nido come dormitorio notturno, durante i primi giorni di vita.

E' un uccello piuttosto tozzo dalla coda corta, lungo 25 cm, con il maschio leggermente più grande della femmina. Entrambi i sessi hanno una zona scarlatta di pelle nuda intorno all'occhio e le zampe sono prive di speroni. Abitualmente si muove da sola o in coppia alla ricerca di frutta, semi e invertebrati che trova razzolando il terreno con i potenti unghioni. Se disturbato, preferisce correre ma quando necessario vola a breve distanza sorretto dalle ali arrotondate. C'è una certa preoccupazione per gli effetti della distruzione dell'habitat, e soprattutto in relazione al disboscamento. Tuttavia, sembra essere più adattabile di altri fagiani del sudest asiatico . Questa specie viene considerata come quasi a rischio sulla lista rossa IUCN delle specie minacciate, ed elencata nell'appendice III della CITES .

Rollulus roulroul   ( Pernice crestata )..................................Scopoli........1786

Foto da :  1-2-3   Autore:  Calvin Ng 

1 - Maschio                                                                                              2 - Femmina                                                                                          3 - Maschio

Calvin Ng 3 - Copia.jpg
Calvin Ng 4.jpg
Calvin Ng 7 - Copia.jpg

Genere Galloperdix   ( Blyth..... 1845 )   

Il genere comprende 3 specie una delle quali suddivisa in tre sottospecie: 

Galloperdix bicalcaratum   ( Gallopernice di Sri Lanka )................................Foster J. R. .....1781

Distribuzione:  Si trova solo nello Sri Lanka 

La specie è monotipica:     

Foto da :  1   www.tropicalbirdin.com     -   2   www.sufbirds.com     -    3   www.gipsytwitchers.com

1 -  Maschio                                                                                             2 -  Femmina                                                                                        3 -  Maschio

Galloperdix lunulata   ( Gallopernice  dipinto ).................................................Valencienne.......1825

Distribuzione:   

La specie è monotipica:     

Foto da :  1   www.pinterest.com   -   2    Shyam Ghate    - 3   www.hbw.com

1 -  Maschio                                                                                           2 -  Femmina                                                                                        3 -  Maschio

Galloperdix  spadicea  ( Gallopernice rossa )....................................Gmelin J. F. ...1789

La specie è suddivisa in tre sottospecie:

* Galloperdix spadicea spadicea.........Gmelin J. F. ...............1789  -  Nord India ( Uttar Pradesh ) e Nepal occidentale.

* Galloperdix spadicea caurina............Blanford.....................1898  -  India occidentale ( Colline Aravalli del Rajasthan meridionale).

* Galloperdix spadicea stewarti..........Baker E. C. S. ............ 1919  -  Sud India ( costa del Kerala ).

Galloperdix spadicea spadicea 

Foto da :  1  www.atozpictures.com    -  2   www.hbw.com     -  3    www.avocet-peregrine.com   Autore: Savio Fonseca

1 -  Maschio                                                                                            2 -  Femmina                                                                                        3 -  Maschio

Galloperdix s. spadicea -Bondla Wildlife

Galloperdix spadicea caurina 

Foto da :  1   www.escapeintothewild.net   Autore:  Viral G. Pankaj     -   2-3   www.escapeintothewild.net   Autore:  Dr. Pragnesh Patel 

1 -  Maschio                                                                                            2 -  Femmina                                                                                        3 -  Maschio

Galloperdix spadicea caurina - www.escap
P. spadicea caurina - www_birdsofgujarat
P. spadicea caurina - www_birdsofgujarat

Galloperdix spadicea stewardi 

Foto da :  1  Sarwandeep Singh    -    2 - 3   Jainy Kuriakose

1 -  Maschio                                                                                            2 -  Femmina                                                                                        3 -  Maschio

Galloperdix s. stewardi - Maharashtra In