Polyplectron napoleonis

Polyplectron napoleonis....da - www.birdtourasia.com - Autore Robert Autchinson

LUOGO DI ORIGINE

STATO DI CONSERVAZIONE IN NATURA

ESTINTO    |    |    |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |   |    NON A RISCHIO

                                                                                                                                                                                                                                                                                         GENERE POLYPLECTRON  ( TEMMINCK,  1807 )                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             POLYPLECTRON  NAPOLEONIS   ( LESSON,  1831 )

SPERONIERE NAPOLEONIS o di PALAWAN

 

ORDINE..............GALLIFORMES.

FAMIGLIA...........PHASIANIDAE.

GENERE.............POLYPLECTRON.

SPECIE...............NAPOLEONIS.

 

Nel 1831, forse 1832, C.J.Temminck classificava la specie attribuendole  il nome                                                                                                                                   di POLYPLECTRON EMPHANUM, mentre R. P. Lesson, sempre  nel 1831 come                                                                                                                                   POLYPLECTRON  NAPOLEONIS. La  controversia   è  proseguita  sino  all'anno                                                                                                                                     2000  quando  Dickinson   dimostrò   inequivocabilmente  la  ragione  di  Lesson,                                                                                                                                   questo significa che tutte le  pubblicazioni  o i  vari  riferimenti  alla  specie  come                                                                                                                                   EMPHANUM  antecedenti  a  quella  data  sono  da  considerarsi  errate/i. 

 

ITALIANO =  Speroniere     napoleonis o  di Palawan | INGLESE = Palawan  pea-                                                                                                                                   cock pheasant | FRANCESE = Eperonnier napoleon | SPAGNOLO = Espolonero                                                                                                                            

de Palawan | TEDESCO = Palawan-pfaufasan.

 

SPECIE: Monotipo < POLYPLECTRON NAPOLEONIS >  ( CITES-A )

 

SOTTOSPECIE: Nessuna sottospecie sino ad oggi classificata.

 

LUOGHI DI ORIGINE: E' endemico  di  Palawan isola facente parte dell'arcipela-                                                                                                                               go delle Filippine, dove nelle lingua locale viene chiamato “ tandikan “, per la sua                                                                                                                                   bellezza  Puerto  Princessa  City  ha  adottato  la  specie  a  simbolo del governo                                                                                                                                   locale. Inoltre è' stato  reintrodotto in  natura nelle vicine isole di Culion, Calauit e                                                                                                                                     sul continente. 

 

HABITAT NATURALE e COMPORTAMENTO: Prediligono litorali costieri tranquilli e terreni di bassa collina o pianeggianti caratterizzati da abbondanti affioramenti e creste rocciose dominati da foreste primarie ad alto fusto con denso sottobosco ad altezze di circa 500-800 metri, ed anche più in alto se costretti a migrare dalla attività umana. Il drastico cambiamento dei loro habitat dovuto alla massiccia deforestazione li costringe sempre più spesso a frequentare anche foreste secondarie di un certo rilievo, ceppaie con ricrescita cespugliosa e macchie intervallate da radi alberi, ed in caso di necessità possono essere visti anche in terreni coltivati. Sono animali estremamente timidi e sensibili, che ad esclusione del periodo riproduttivo sono difficilmente osservabili nel loro ambiente naturale dove si muovono da soli o riuniti in piccoli gruppetti probabilmente famigliari,  alla costante ricerca di cibo, per lo più composto da invertebrati, piccoli vertebrati, semi e frutti vari che trovano nella maggior parte dei casi razzolando il ricco strato torboso di cui è composto il suolo umido della foresta. Allo stato naturale non si è ancora riusciti a stabilire con certezza se siano monogami, poligami o pratichino una sorta di poligamia sequenziale, tuttavia la vistosa colorazione dei maschi in contrapposizione al piumaggio anonimo delle femmine, oltre che all'abitudine di stabilire  aree di corteggiamento anche attraverso combattimenti, fanno propendere per le ultime due ipotesi. Durante le fasi in cui il maschio si esibisce fa seguire a dimostrazioni ritualizzate delle offerte di cibo finalizzate ad attirare e sedurre la femmina, mentre un piumaggio compatto e iridescente dimostra inequivocabilmente che è in perfetta salute e sessualmente pronto. Il nido può trovarsi sia a terra che su qualche rialzo naturale, ed occasionalmente consistere nel nido abbandonato da qualche altro grosso uccello purché non si trovi troppo lontano dal suolo. Di norma vengono deposte 1 o 2 uova di colore bianco crema incubate dalla sola femmina per 18-20 giorni, mentre il maschio si disinteressa completamente della questione,  ma può contribuisce a “imbeccare” i piccoli durante i primi giorni di vita. Trascorsi alcuni giorni dalla schiusa la madre, o entrambi i genitori, stimolano la prole attraverso specifici richiami a lasciare il nido, o le immediate vicinanze dello stesso, ed iniziare la loro esistenza errabonda e dopo circa 3 settimane sono in grado di seguire volando la madre sui rami più bassi.   

 

STATO DI CONSERVAZIONE IN NATURA: In natura è considerato ad alto rischio di estinzione a causa della massiccia ed insensata deforestazione finalizzata al commercio del pregiato legname, e delle estrazioni minerarie che hanno pesantemente devastato l'isola, attualmente il disboscamento è sospeso per decreto ministeriale, o perlomeno dovrebbe esserlo, dato che prosegue illegalmente. Dal 1983 sono protetti dalla legge nonostante venga poco applicata, così che l'assurdo ed incontrollato bracconaggio continua al pari delle catture di soggetti vivi da destinare al traffico illegale di animali ornamentali. In uno scenario di questo genere la sopravvivenza della specie dipende dalla sua capacità di adattarsi ad habitat profondamente modificati dall'attività umana con impenetrabili foreste primarie drammaticamente trasformate in ceppaie cespugliose nelle quali prevalgono le sterpaglie o terreni coltivati.

 

CARATTERISTICHE PRINCIPALI e DIMORFISMO SESSUALE: E' sicuramente la specie più affascinante e appariscente fra tutti i POLYPLECTRON, facilmente riconoscibile dai congenere per le caratteristiche uniche che la contraddistinguono, come la sfavillante colorazione e l'accentuato dimorfismo sessuale esistente tra maschio e femmina. Il piumaggio da IMMATURI è assunto a circa due mesi e mezzo, mentre il finissaggio della livrea maschile è completato nel corso del secondo anno di vita.

Non esistono sottospecie riconosciute, ciò nonostante si possono distinguere alcune forme caratterizzate da una barra sopraccigliare bianca contrapposta alla grande macchia già presente, che può essere più o meno estesa.  Tuttavia essendo una caratteristica prettamente individuale non dipendente da condizioni climatico-ambientali,  verificatasi sia allo stato naturale quanto in cattività, non si è ritenuto di dover assegnare nomi specifici alle varie forme.     

Il MASCHIO presenta la sommità del capo ornata da una lunga cresta appuntita blu-verde metallico tenuta solitamente verticale e portata in avanti durante il corteggiamento, che tende a diffondersi verso il basso di gola e collo divenendo sempre più blu sulle scapolari. Il rosso che caratterizza le porzioni di pelle nuda ai lati della testa risulta particolarmente esaltato dalla grande macchia bianca che si estende sotto e/o posteriormente all'anello oculare, alcuni individui presentano una barra più o meno lunga, che si sviluppa sopra e parallelamente alla macchia già normalmente presente, potendosi estendere anche sul collo. Soggetti di questo tipo vengono solitamente definiti “ doppio barrati “ o " con doppia barratura “, anche se il termine non è dei più corretti trattandosi di macchia + barratura e non di doppia barratura, tuttavia giusto o sbagliato che possa essere, serve ad identificare gli esemplari dotati di questa caratteristica anche senza che sia necessaria la loro presenza fisica. Le iridescenze blu-nere sfumano in nero sulle parti rimanenti del petto, parti basse della schiena e ventre; mantellina, fianchi e ali sono blu-verde sfumanti in nero intrise di cromatismi metallici; dorso e groppone finemente variegati di bianco, nero e marrone. La coda composta da 22-24 penne è pressoché uguale per disegno e colore a questi ultimi, ma con grandi ocelli blu-verdi orlati di nero molto simili a quelli dei veri pavoni, ed apici delle caudali di colore fulvo-castano scuro. Iridi marrone, becco grigiastro-nero, zampe ardesia scuro con tarsi dotati di uno o più speroni.

La FEMMINA è  più  piccola  ( grande più o meno quanto un piccione di medie dimensioni )  delicata  e  nel                                                                                           complesso  molto  meno  appariscente del maschio essendo prevalentemente marrone. Sulla  sommità del                                                                                           capo  presenta   una creta  ispica spesso tenuta in posizione orizzontale; pelle nuda grigiastro chiaro ai lati                                                                                           della  testa  che  da  attorno  agli   anelli  oculari si estende sino alla gola. Coda con presenza di falsi ocelli                                                                                           debolmente  o  addirittura  privi  di  iridescenze. Iris  marrone, becco  e zampe simili per colore a quelle del                                                                                           maschio, tuttavia i tarsi sono sprovvisti di speroni o risultano solo appena accennati.

 

VALORI FISICI:

MASCHIO: Lunghezza totale 50-60 cm.......lunghezza della sola coda 25-30 cm.......peso 0, 450-0, 550 kg.

FEMMINA: Lunghezza totale 35-40 cm.......lunghezza della sola coda 15-20 cm.......peso 0, 350-0, 400 kg.

 

STATO DI CONSERVAZIONE IN CATTIVITA': I  primi  esemplari  arrivarono   in  California  nel   1929  e  si                                                                                           riprodussero subito con successo, ciò nonostante in avicoltura non possono essere  definiti come comuni.                                                                              Fortunanatamente il  loro  numero  sembra  in aumento e sempre più allevatori possono disposse di buone                                                                                          quantità di  esemplari da immettere sul  mercato. Inoltre  il grado  di purezza nella maggior parte dei casi è                                                                                         cntrollabile attraverso uno speciale registro genealogico della specie.

VEDERE: < POLYPLECTRON ALLEVAMENTO >

Polyplectron n. femmina...da - www.ibc.Iynxeds.com - Autore Tomasz Doron

Polyplectron napoleonis coppia..... da - www.viola.bz

Polyplectron napoleonis - mono barrato da - www.zoochat.com

Polyplectron napoleonis - doppio barrato da- www.pbase.com

Polyplectron napoleonis mutato  

Foto 1 Autore: Na Wang -  2  Autore sconosciuto  - 3 Autore: Garrie Landry

1 - P. napoleonis  -  ( Maschio mutato )                                    2 - P. napoleonis ( Maschio mista mutata )              3 - P. napoleonis (  maschio mutato )

Polyplectron napoleonis mutato ( Speroniere di Palawan )  - Foto 1- 2- 3  da www.criadouroparaisodasaves.com.br

1 - P. napoleonis cannella  -  ( Coppia mutata )                     2 - P. napoleonis ( Maschio mutato )                          3 - P. napoleonis cannella ( Coppia mutata )

Testi, quando non diversamente specificato, e progetti relativi alle elaborazioni in 3D ( Voliere ed attrezzature ) sono tutelati dalle norme sul < Diritto d'Autore > ( Ad esclusione di tutte le immagini o stampe riguardanti i GALLIFORMI e altri generi di uccelli ), l'autore pertanto mantiene il diritto esclusivo di pubblicare le opere e di utilizzare economicamente le stesse, qualora se ne presentasse l'occasione, in ogni forma e modo, originali o derivati.

 

Precisiamo che non è nostra intenzione violare le norme che tutelano il  COPYRIGHT, ma è altresì vero che sul WEB si trovano immagini e/o materiali per i quali i diritti vengono reclamati da più fonti, e non potendo per ovvi motivi controllare la bontà di ognuna, ci scusiamo anticipatamente nel caso avessimo inavvertitamente pubblicato immagini e/o materiali protetti da COPYRIGHT in violazione alla legge, pregandivi di comunicarcelo prontamente in modo che si possa provvedere alla loro immediata rimozione. 

 

Si intende comunque sottolineare che oltre a quanto già sopra esposto, la pubblicazione di materiale fotografico reperito sul WEB da parte della GBP.BIO è altresi intesa a fare un po di chiarezza, limitatamente alle sue possibilità, al caos creato da immagini poste su internet, in maniera alquanto superficiale e probabilmente senza neppure avere le necessarie conoscenze in materia, raffiguranti esemplari la cui classificazione essendo palesemente errata trae in errore l'ignaro lettore/visitatore. Quindi l'utilizzo di immagini deve essere considerato come a scopo puramente educativo - didattico  - informativo.                                                                     

RIFERIMENTI:

Delacour

Beebe

Johnsgard

McGowan P.

Howman K.

Madge S.

Hennache A.

Ottaviani M.

Bernar F.

Uno   speciale   ringraziamento  per  l'aiuto fornitomi a :

James Pfarr                                                 Saul Villagrana                                            Steve Keller                                          Friedrich Esser                                            Njal Bergè 

birdnet.cn

orientalbirdimages.org 

Le informazioni relative allo stato di conservazione in natura sono state tratte da Wikipedia.

 

Per accedere a Wikipedia clicca sul logo qui a fianco.

CONDIVIDI QUESTO SITO CON...